PETRUNGARO Stefano

Qualifica Ricercatore Universitario a tempo determinato Legge 240/10
E-mail stefano.petrungaro@unive.it
Web www.unive.it/persone/stefano.petrungaro (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati
Sito web struttura: http://www.unive.it/dslcc
Sede: Palazzo Cosulich

STEFANO PETRUNGARO è uno storico dell'Europa Orientale in epoca contemporanea. Membro Associato presso il CETOBaC - Centre d’Études Turques, Ottomanes, Balkaniques et Centrasiatiques (EHESS, CNR, Collège de France), Parigi, prima di arrivare a Ca' Foscari era Senior Researcher presso l´IOS (Istituto di Studi sull´Europa Orientale e Sudorientale) di Ratisbona, in Germania (2012-2017).

Stefano Petrungaro ha condotto i suoi studi presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, laureandosi in Storia nel 2002 e conseguendo un Dottorato in Storia sociale nel 2006. Ha svolto soggiorni di studio e di ricerca in Germania (Göttingen, 2000) in Croazia, Serbia e Bosnia-Erzegovina (Zagabria, Belgrado, Sarajevo, dal 2001 in poi) e, quale borsista dello European Doctorate in the Social History of Europe and the Mediterranean, presso la SSEES (School of Slavonic and East European Studies) dello UCL (University College of London) (2004). È stato visiting scholar presso il GWZO (Geisteswissenschaftliches Zentrum Geschichte und Kultur Mittelosteuropas) dell´Università di Lipsia (2006, 2007), assegnista di ricerca presso l´Università di Padova (2008-2012), professore a contratto presso l´Università di Zagabria (2007-2012), e ha svolto attività didattica presso l´Università di Ratisbona (2014-2017).

È stato redattore di “900. Per una storia del tempo presente”; è attualmente corrispondente di «Passato e presente. Rivista di storia contemporanea» e membro del Comitato scientifico-editoriale della Società italiana di storia del lavoro (SISLav).
 

Principali ambiti di ricerca

 

  • marginalità sociale e storia del lavoro in Europa Orientale

principali pubblicazioni:

Stefano Petrungaro, The Medical Debate about Prostitution and Venereal Diseases in Yugoslavia (1918-1941), «Social History of Medicine», hkx023, https://doi.org/10.1093/shm/hkx023. Published: 01 August 2017.

Stefano Petrungaro, Inter-war Yugoslavia Seen Through Corporatist Glasses, in Antonio Costa Pinto (ed.), Corporatism and Fascism. The Corporatist Wave in Europe, Routledge, London 2017, pp. 236-256.

Stefano Petrungaro, Hostels for Jobless Workers in Interwar Yugoslavia (1921-1941), in «International Review of Social History», 59 (2014), 3, pp. 443–471.

Stefano Petrungaro, The Fluid Boundaries of “Work”. Some Considerations about Concepts, Approaches, and South-Eastern Europe, in «Südost-Forschungen», 72 (2013), pp. 271-286.

Laura Cerasi, Rolf Petri, Stefano Petrungaro, Porti di frontiera. Industria e commercio a Trieste, Fiume e Pola tra le guerre mondiali, Viella, Roma 2008.

 

progetti in corso:

Strange Jobs. Social Marginalization and the Work in Yugoslavia (1918-1941) (book project)

Transformation from Below. Shipyards and Labor Relations in the Uljanik (Croatia) and Gdynia (Poland) Shipyards since the 1980s (http://www.transformations-from-below.eu/ )

 

  • storia culturale e sociale del tardo impero asburgico

principali pubblicazioni:

Stefano Petrungaro, Popular Protest Against Hungarian Symbols in Croatia (1883-1903). A Study in Visual History, in: «Cultural and Social History. The Journal of the Social History Society», 13 (2016), 4, pp. 503-520.

Stefano Petrungaro, Fire and Honour. On the Comparability of Popular Protests in late 19th Century Croatia-Slavonia, in Sabine Rutar (a cura di), Beyond the Balkans. Towards an Inclusive History of Southeastern Europe, Lit, Wien, 2014, pp. 247-263.

Stefano Petrungaro, Die Verteidiger der Eliten. Das Gericht als Arena der Elitenvergesellschaftung in Kroatien-Slawonien (zweite Hälfte des 19. Jhr.), in Karsten Holste, Dietlind Hüchtker, Michael G. Müller (a cura di), Aufsteigen und Obenbleiben in europäischen Gesellschaften des 19. Jahrhunderts. Akteure – Arenen – Aushandlungsprozesse, Akademieverlag, Berlin 2009, pp. 83-98.

Stefano Petrungaro, Pietre e fucili. La protesta sociale nelle campagne croate di fine Ottocento, Viella, Roma 2009 (traduzione croata: Kamenje i puške. Društveni protest na hrvatskom selu krajem XIX. stoljeća, trad. di Jasna Rešić Srednja Europa, Zagreb 2011)

Stefano Petrungaro (a cura di), Fratelli di chi. Libertà, uguaglianza e guerra nel Quarantotto asburgico, Edizioni Spartaco, Santa Maria Capua Vetere (CE) 2008.

 

  • storia dei fenomeni violenti balcanici otto-novecenteschi

principali pubblicazioni:

Stefano Petrungaro, Tra particolare e generale. Sulla violenza nei Balcani, in: Rolf Petri (a cura di), Balcani, Europa: violenza, politica, memoria, Giappichelli, Torino 2017, pp. 23-34.

Stefano Petrungaro, Balcani. Una storia di violenza?, Carocci, Roma 2012.

Stefano Petrungaro, Armate asburgiche. Sulla militanza armata femminile, in S. Petrungaro (a cura di), Fratelli di chi. Libertà, uguaglianza e guerra nel Quarantotto asburgico, Edizioni Spartaco, Santa Maria Capua Vetere (CE) 2008, pp. 113-138.

 

 

  • memorie collettive, storiografie e uso pubblico della storia

principali pubblicazioni:

Stefano Petrungaro, La ricerca sull´Europa orientale in Germania, «Passato e presente. Rivista di storia contemporanea», 33 (2015), 95, pp. 101-120.

Stefano Petrungaro, Il nation-building in Croazia. Gli studi recenti, in «Memoria e ricerca», 30, 2009/2, pp. 129-146.

Stefano Petrungaro, Riscrivere la storia. Il caso della manualistica croata (1918-2004), prefaz. di Stuart J. Woolf, Stylos, Aosta 2006 (ed. croata: Pisati povijest iznova. Hrvatski udžbenici povijesti 1918.-2004. godine, trad. di Franko Dota, Srednja Europa, Zagreb 2009.)

Stefano Petrungaro, Gli istituti statali di storia contemporanea nei paesi successori della Jugoslavia. Uno sguardo d’insieme, in «Quaderni storici», a. XLIII (2008), f. 2, n. 128, pp. 433-453.

 

 

Le informazioni riportate sono state caricate sul sito dell'Università Ca' Foscari Venezia direttamente dall'utente a cui si riferisce la pagina. La correttezza e veridicità delle informazioni pubblicate sono di esclusiva responsabilità del singolo utente.