Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 21, 01/2013 - Miscellaneo > Ricerche > I. Adinolfi, Simone Weil e Etty Hillesum: l’attesa di Dio

I. Adinolfi, Simone Weil e Etty Hillesum: l’attesa di Dio

Simone Weil’s thought, as that of Etty Hillesum, has a deep mystical root. Mystics love the world because they can become aware of their bond to God. The love-compassion that the two young Jewish women have for the ill-fated ones feeds itself and gets its strength from God’s love; indeed, it is God’s love in itself.

Il pensiero di Simone Weil, come quello di Etty Hillesum, ha una profonda radice mistica. Il mistico – scrive Adinolfi – ama il mondo perché ne percepisce il legame con Dio, con la fonte della vita, che sgorga dentro di sé. Dunque l’amore-compassione che le due giovani donne provano per gli sventurati si alimenta e trae forza dall’amore di Dio, anzi è lo stesso amore di Dio.


3_Adinolfi-rev.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 391200 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 03/02/2013 da Rivista DEP