Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 26, 12/2014 - Ruth First: la morte, la vita, la memoria/Ruth First: Death, Life, Memory > Ricordando Ruth First: la voce, il viso, il lavoro e il silenzio, di Alpheus Manghezi

Ricordando Ruth First: la voce, il viso, il lavoro e il silenzio, di Alpheus Manghezi

This article begins by evoking Ruth First’s influence on South Africa, and later in Mozambique. Ruth First was an important commentator on the Alexandra Bus Boycott of 1957, in which the author participated. Some 20 years later, he worked with Ruth First and others at the CEA on labour migration, forced labour and on the newly established communal villages and agricultural producer cooperatives.

Questo saggio inizia col ricordare l'influenza di Ruth First in Sud Africa e poi in Mozambico. Ella fece importanti osservazioni sul boicottaggio degli autobus ad Alexandra del 1957 a cui l'autore ha partecipato. Vent'anni dopo ha collaborato con Ruth First sul tema delle migrazioni, del lavoro forzato, sui nuovi villaggi comunitari e sulle cooperative agricole.


04_Manghezi.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 750816 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 22/12/2014 da Rivista DEP