Home > Ateneo > InFoscari > Sommario > In evidenza > Scuola e religioni: progetto IERS tra le "buone pratiche"

Scuola e religioni: progetto IERS tra le "buone pratiche"

09/02/2016

Il progetto cafoscarino IERS è stato preso ad esempio in un seminario a Montecitorio come buona pratica per una scuola come luogo d’integrazione culturale, lotta alle discriminazioni ed educazione alla cittadinanza.

Nei giorni scorsi, infatti, si è tenuto nella sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio l'incontro di carattere seminariale intitolato "Scuola & Religioni. Buone pratiche dell'offerta didattica formativa della scuola pubblica italiana".

Massimo Raveri, ordinario di Religioni e filosofie dell'Asia Orientale al Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea, e Giovanni Lapis, cultore della materia presso il medesimo dipartimento sono stati invitati come relatori dal promotore del seminario, il deputato Davide Mattiello,  in quanto coordinatori del Progetto Europeo "Intercultural Education through Religious Studies" (IERS) di cui è capofila l’Università Ca’ Foscari Venezia.

Il seminario, infatti, aperto con un messaggio del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha voluto mappare lo stato delle buone pratiche dedicate alla conoscenza del pluralismo culturale e religioso attive nelle scuole e intensificare il dialogo con referenti politici e istituzionali anche al fine di integrare l’offerta formativa nelle scuole con ulteriori progetti pilota.

iers

All'incontro erano presenti deputati della Commissione Cultura, Scienza, Istruzione, tra i quali Umberto D'Ottavio, e il prefetto Giovanna Maria Rita Iurato, a capo della Direzione centrale degli Affari dei culti al Ministero degli Interni. Tra gli altri relatori, hanno preso la parola docenti delle Università di Roma La Sapienza, dell’Università di Torino, di Siena e di Modena e Reggio-Emilia, che hanno studiato il problema dell’insegnamento della storia delle religioni nelle scuole.

IERS è un progetto biennale, avviato nel dicembre 2013, finanziato dal Lifelong Learning Programme - Comenius Multilateral Project della Commissione Europea. Attualmente il progetto IERS ha ottenuto un'estensione fino ad aprile 2016 per proseguire i risultati della sperimentazione. Fino a oggi 50 docenti di materie umanistiche (storia, filosofia, lettere, e religione) afferenti a istituti superiori in cinque paesi europei stanno collaudando i principali prodotti del progetto, i Moduli Digitali, per l'insegnamento della storia delle religioni all’interno dei corsi curriculari.

Notizie correlate:

FOCUS | Progetto IERS, studiare le religioni per promuovere la pace

L'Altra Europa (Radio24) intervista Giovanni Lapis

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 09/02/2016 da Ufficio Comunicazione