Home > Ateneo > InFoscari > Sommario > News > Restauro tra eresia e ortodossia

Restauro tra eresia e ortodossia

27/06/2016

L'Università Ca' Foscari Venezia con gli atenei di Padova, Genova e Milano, organizza il XXXII Convegno Internazionale Scienza e Beni Culturali "Eresia e ortodossia nel restauro. Progetti e Realizzazioni", a Bressanone (BZ), dal 28 giugno al 1 luglio.

"Spesso nell’ambito del restauro e della conservazione ci si è trincerati dietro la consolante e protettiva idea che soltanto i materiali e le tecniche più tradizionali consentano il raggiungimento di risultati in linea con i criteri della disciplina e con le aspettative poste - spiega la professoresa cafoscarina Elisabetta Zendri -  Tale convinzione da un lato ha limitato l'uso di materiali e tecniche effettivamente dannose, ma ha talvolta ostacolato la ricerca di soluzioni in grado di ottemperare anche a più criteri contemporaneamente, come le sempre maggiori esigenze funzionali, tecnologiche, impiantistiche, ecc. richiedono. Per il restauro e la conservazione, come per ogni altra disciplina, convivono invece, e talvolta confliggono, elementi di rassicurante “ortodossia” con  pulsioni, o scarti e deviazioni di carattere “eterodosso”, o persino “eretico” che potrebbero  innescare significative innovazioni, se affrontate, accolte e convalidate dalla comunità scientifica e culturale di riferimento".

La XXXII edizione del Convegno vuole approfondire, in modo esplicito e laico le riflessioni critiche sui fondamenti delle discipline e delle pratiche della conservazione, per rafforzarne la presenza e l’azione nella società contemporanea.  Non si tratta di decidere se debba prevalere il rispetto per una “ortodossia” frutto di una lunga storia o se si debba piuttosto lavorare per il suo radicale scardinamento e superamento “eterodosso”. In realtà, l’eventuale “eresia” di nuove riflessioni ideali, d’inedite proposte progettuali, sperimentazioni scientifiche o applicazioni tecniche è riconoscibile solo rispetto a un patrimonio di riferimenti “ortodossi”, già dati e diffusamente accettati. Da questa  confronto potranno emergere inediti contributi che non ‘tra-discano’ quanto sinora acquisito ma che, piuttosto, lo arricchiscano, consentendo di ‘tra-durlo’ e ‘tra-sferirlo’ nella contemporaneità.

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 29/06/2016 da Ufficio Comunicazione