Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 4, 03/2006 - Donne in fuga dalla guerra > Ricerche > M.A. Odetti, Jugun ianfu. La schiavitù sessuale nel sud-est asiatico e la memoria femminile come documento storico

M.A. Odetti, Jugun ianfu. La schiavitù sessuale nel sud-est asiatico e la memoria femminile come documento storico

Jugun-ianfu (comfort  women) è il termine usato per designare le donne di diversi paesi asiatici (circa 200.000) costrette a prostituirsi nei bordelli militari giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Fino al 1992 il governo giapponese ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'organizzazione e nella gestione dei bordelli di guerra e solo attraverso le testimonianze delle donne è stato possibile ricostruire gli avvenimenti e le responsabilità. Il saggio affronta il tema della memoria femminile dell'esperienza della schiavitù sessuale, analizza le ragioni avanzate dal governo giapponese che a tutt'oggi si rifiuta di accordare alle donne compensazioni e a presentare le proprie scuse in modo ufficiale.

The term jūgun-ianfu (military comfort women) is used to refer to those women who served in Japanese military brothels during World War II in Japanese colonies and war zones. According to current research, comfort women included almost all Asian nationals and it is generally accepted that there were about 200,000 comfort women drafted. Most of the brothels where comfort women served were located in Japanese military bases, usually in occupied areas in mainland and South-East Asia.
Nevertheless, until 1992, the Japanese government denied any official connection to the wartime brothels. It was due mostly to women’s personal memories and public reports, which turned out to be essential to bring together the events, that it become possible to dispute the unconcerned attitudes of the Japanese authorities. Those reports gave important arguments as to Japan’s misconduct, and awakened the need for formal investigation conducted by the United Nations Human Rights Commission.
The point reached to date, after the UNHRC report, is that Japan regards all World War II compensation claims to be settled, with the exception of any claims from North Korea, with which it has not yet signed any war settlement treaty. These treaties settle all claims at the government level. However, as is the case with most treaties concerning the Japanese occupation, they do not cover civilian claims.
Moreover, in 1995, Japan set up the “Asian Women's Fund” for atonement in the form of material compensation and to provide each surviving comfort woman with an unofficial signed apology from the prime minister. But because of the unofficial nature of the fund, many national comfort women associations have rejected these payments and continue to seek an official apology and compensation.
This paper will briefly analyze how the women remembered their past individual experience, when and how they could re-evaluate their experiences in the light of the current official discourse and their socio-political context. It also explores the official reasons why the regional association for former comfort women are avoiding informal compensation from the “Asian Women’s Fund” and how the Japanese government evades proper reparation for the survivors, refusing acknowledgment of those women’s memories.


4_Jugun_janfu.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 276501 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."


4_Jugun_janfu.rtf

Documento Rich Text Format
Tipo File: Documento Rich Text Format
Dimensione: 688640 Byte

Documento Rich Text Format.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer una applicazione in grado di visualizzare i file RTF. Nei sistemi Windows e Macintosh si può usare l'applicazione Microsoft Word , nei sistemi linux, si può utilizzare OpenOffice o StarOffice.

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."


4_Jugun_janfu.zip

Archivio ZIP
Tipo File: Archivio ZIP
Dimensione: 258806 Byte

Archivio Zip.

Questo file è un archivio, cioè un file che contiene altri file compressi. Per visualizzare i file contenuti è necessario salvare il file sul proprio computer e quindi aprirlo utilizzando una applicazione in grado di decomprimere i file zip.

  • Nei sistiemi windows è possibile utilizzare WinZip scaricabile da http://www.winzip.com
  • Nei sistemi linux utilizzare il comando: unzip file.zip

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 14/06/2009 da Rivista DEP