Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 5/6, 12/2006 - Diritti individuali e stato di eccezione > Ricerche > A. Lotto, Diritti umani e cittadinanza in Hannah Arendt

A. Lotto, Diritti umani e cittadinanza in Hannah Arendt

Le migliaia di profughi e apolidi che affollarono l'Europa tra le due guerre sollecitarono Hannah Arendt a riflettere sui diritti di cittadinanza e a concludere che essendo essi legati allo Stato-Nazione non solo non era possibile distinguere i diritti dell'uomo da quelli del cittadino, ma venendo meno questi ultimi venivano meno anche i primi. Ne conseguiva che l'esistenza umana ridotta a "nuda vita" , privata di protezione giuridica, era in balia di qualsiasi offesa e che gli esseri umani in quanto tali erano niente più che "schiuma della terra", superflui. Su queste basi i campi divennero il luogo in cui concentrare i non cittadini e il luogo dove tutto era davvero possibile. Il problema diventava allora come salvaguardare l'esistenza politica, e quindi la vita, degli uomini non più appartenenti a uno Stato-Nazione e destinati, in un quadro di crisi del medesimo, a essere "avanguardia dei loro popoli".

The presence of thousands of refugees crossing Europe during the interwar period induced Hannah Arendt to reflect upon citizens’ rights and to conclude that, as they were tied to the Nation–State, it was not only impossible to distinguish the rights of man from citizens’ rights, but also that the disappearance of the latter involved the disappearance of the former. What happened was that human existence, reduced to a “bare life”, deprived of any juridical protection, was exposed to every offence, and that the human beings as such became superfluous. On this basis, internment camps became the place where citizens without citizenship had to be concentrated and where everything was possible. The problem was therefore how to safeguard the political existence and the life of these people, destined, in the very frame of the Nation–State crisis, to become the “vanguard of their peoples”.


5_Lotto.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 136318 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."


5_Lotto.rtf

Documento Rich Text Format
Tipo File: Documento Rich Text Format
Dimensione: 3798395 Byte

Documento Rich Text Format.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer una applicazione in grado di visualizzare i file RTF. Nei sistemi Windows e Macintosh si può usare l'applicazione Microsoft Word , nei sistemi linux, si può utilizzare OpenOffice o StarOffice.

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."


5_Lotto.zip

Archivio ZIP
Tipo File: Archivio ZIP
Dimensione: 131054 Byte

Archivio Zip.

Questo file è un archivio, cioè un file che contiene altri file compressi. Per visualizzare i file contenuti è necessario salvare il file sul proprio computer e quindi aprirlo utilizzando una applicazione in grado di decomprimere i file zip.

  • Nei sistiemi windows è possibile utilizzare WinZip scaricabile da http://www.winzip.com
  • Nei sistemi linux utilizzare il comando: unzip file.zip

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 14/06/2009 da Rivista DEP