Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 7, 07/2007 - Internamenti e deportazioni femminili tra storia e memoria > Ricerche > R. Fritz - Doreen Eschinger, Memory Crossroads. Remembering the Holocaust in Hungary after 1945

R. Fritz - Doreen Eschinger, Memory Crossroads. Remembering the Holocaust in Hungary after 1945

L'articolo si chiede le ragioni della lunga rimozione dell'Olocausto dalla memoria collettiva ungherese dal 1945 fino all'apertura dei due musei sull'Olocausto a Budapest all'inizio del XXI secolo. Nonostante l'occupazione nazista in Ungheria avesse causato l'uccisione di circa mezzo milione di ebrei, la memoria dell'Olocausto fu soppressa per lungo tempo, rimanendo un argomento tabù anche dopo la presa del potere nel 1948 da parte dei comunisti. Solo dopo gli anni Ottanta si aprì un forte dibattito pubblico, qui esemplificato attraverso i concetti sottesi ai due musei.

 

This paper confronts the removal of the Holocaust from the Hungarian memorial culture and examines the different forms of broaching the issues of the Holocaust on the collective and individual level, dealing with the relevance of the Holocaust from 1945 until the opening of the two museums of Budapest at the beginning of the 21st century (the House of Terror and the Holocaust Memorial Center). Despite the half a million Jews deported and killed in Auschwitz-Birkenau between May and July 1944 during the national socialist occupation of Hungary, the memory of the Holocaust was suppressed for a long time, remaining a taboo subject even after the communists came into power in 1948. Only after the 1980s did public debate finally begin, which we analyse here through the concepts of the two museums.

 


Fritz.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 83676 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."


Fritz.rtf

Documento Rich Text Format
Tipo File: Documento Rich Text Format
Dimensione: 3627170 Byte

Documento Rich Text Format.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer una applicazione in grado di visualizzare i file RTF. Nei sistemi Windows e Macintosh si può usare l'applicazione Microsoft Word , nei sistemi linux, si può utilizzare OpenOffice o StarOffice.

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."


Fritz.zip

Archivio ZIP
Tipo File: Archivio ZIP
Dimensione: 72483 Byte

Archivio Zip.

Questo file è un archivio, cioè un file che contiene altri file compressi. Per visualizzare i file contenuti è necessario salvare il file sul proprio computer e quindi aprirlo utilizzando una applicazione in grado di decomprimere i file zip.

  • Nei sistiemi windows è possibile utilizzare WinZip scaricabile da http://www.winzip.com
  • Nei sistemi linux utilizzare il comando: unzip file.zip

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 14/06/2009 da Rivista DEP