Home > Ateneo > InFoscari > Sommario > News > Estendere le frontiere dell’Intelligenza artificiale
20/07 fermo Esse3

Estendere le frontiere dell’Intelligenza artificiale

SIMBAD, un progetto europeo che ha Ca’ Foscari come coordinatore.

14/03/2010

Avviato nel 2008, SIMBAD, Beyond features: Similarity-based pattern analysis and recognition, è un importante progetto europeo che ha ottenuto un finanziamento di oltre 1,65 Mio EUR nell’ambito del VII programma quadro.

Il campo di ricerca è di sicuro uno dei più innovativi e avanzati: il mondo dei sistemi cognitivi artificiali e dell'apprendimento meccanico. “La società sta sviluppando macchine sempre più complesse, come i robot, per adempiere a molti dei nostri bisogni giornalieri”, ha detto Marcello Pelillo docente di Ca' Foscari e responsabile del progetto, e Simbad mira a sviluppare fino in fondo le nuove tecniche che trasformeranno molti aspetti della nostra vita quotidiana.

“Quello dei  sistemi cognitivi artificiali è ormai uno dei sette settori chiave della ricerca in cui l’Europa è pronta ad investire. Una ricerca fruttuosa in questo campo porterà allo sviluppo di molti strumenti che avranno un forte impatto sociale e economico nell'UE” conferma il Prof. Pelillo.

Il controllo dei veicoli, delle reti di comunicazione, della diagnostica medica e l'interazione uomo-macchina sono soltanto alcuni dei campi di applicazione che ne trarranno beneficio. Ci saranno anche molti vantaggi economici che daranno una spinta alla competitività europea.

A Simbad partecipano sei partner di cinque paesi europei (Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Svizzera e Regno Unito): un consorzio internazionale che riflette un campo di ricerca internazionale.
"Le competenze necessarie per raggiungere i nostri obiettivi non possono essere trovate a livello locale o nazionale. La dimensione europea del progetto garantisce una massa critica di ricercatori con esperienze e competenze complementari, stimolando in questo modo la possibilità di successo," ha detto il professor Pelillo. "Inoltre, l'impatto potenziale di questa ricerca va al di là del livello nazionale e l'UE beneficerà del fatto di presentarsi come partecipante attivo sulla scena mondiale dei sistemi cognitivi artificiali, che è ampiamente dominata dagli USA.

Nel sito web si trovano tutte le informazioni sulla ricerca e anche la sezione Press Coverage che raccoglie tutte le più importanti uscite sulla stampa internazionale di settore.
 

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 09/03/2010 da Ufficio Comunicazione