Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 15, 01/2011 - Miscellaneo > Ricerche > Emigrata due volte. L’odissea tedesco-africana di Lucia Engombe (Elisa Leonzio)

Emigrata due volte. L’odissea tedesco-africana di Lucia Engombe (Elisa Leonzio)

The essay analyses the autobiography of Lucia Engombe. Engombe, born in a refugee camp in 1972, spent eleven year in the then GDR thanks to an agreement stricken by the Republic and future first president of the free Namibia. The paper focuses mostly on the dialectic pairs of the narration: memory and oblivion, tradition and integration, loss of mother tongue and interiorization of a second ‘mother tongue’. 
 
Il saggio prende in considerazione l’autobiografia di Lucia Encombe. Encombe, nata in un campo profughi nel 1972, trascorse undici anni nell’allora Repubblica Democratica Tedesca grazie ad un accordo tra la Repubblica e il futuro primo presidente della libera Namibia. Il saggio si sofferma sul rapporto dialettico tra memoria e oblio, tradizione e integrazione, perdita della lingua madre e interiorizzazione di una seconda “lingua madre”.


2_Leonzio.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 555716 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 09/01/2011 da Rivista DEP