Home > Ricerca > Innovazione > Riviste telematiche > DEP Deportate, Esuli e Profughe > Numeri pregressi > n. 15, 01/2011 - Miscellaneo > Ricerche > Lyric Violence: the Bare Voice of the "Cruel" in Asli Erdogan and Tezer Ozlu's Novels (Sinem Meral)

Lyric Violence: the Bare Voice of the "Cruel" in Asli Erdogan and Tezer Ozlu's Novels (Sinem Meral)

Il saggio che segue, sulla base del pensiero di Foucault sull’uso della crudeltà come strumento di disciplina sociale, dopo aver tracciato i profili biografici delle scrittrici Tezer Ozlu e Asli Erdogan, ne analizza alcune opere. La conclusione si sofferma in particolare sulle esperienze soggettive della violenza delle autrici.

This article takes Foucault’s thought on the use of cruelty as tool of social discipline. It presents the biographies of two writers, Tezer Ozlu and Asli Erdogan, and analyzes two literary pieces of both of them. In the conclusion, the particularities of how these writers subjectify their experiences with violence are stressed.


3_Meral.pdf

File Adobe Acrobat
Tipo File: File Adobe Acrobat
Dimensione: 306150 Byte

Documento in formato Adobe Acrobat.

Per visualizzare questo documento è necessario aver installato nel proprio computer un programma che permetta di visualizzare i file pdf.

- Nei sistemi windows e macintosh utilizzare Adobe Acrobat Reader

- Nei sistemi linux utilizzare il comando xpdf nomefile

 

Se si utilizza il browser MSIE è possibile che il documento venga aperto direttamente, se l'utente vuole salvare una copia nel suo hard disk deve cliccare sull'icona qui a fianco con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Salva oggetto con nome..."

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 09/01/2011 da Rivista DEP