Home > Ateneo > InFoscari > Artisti russi in mostra a San Sebastiano

Artisti russi in mostra a San Sebastiano

Russian Art Project

03/06/2011

La sede universitaria di San Sebastiano inaugura la propria attività espositiva con «We are here», progetto di sei artisti russi in collaborazione con il Centro di Alti Studi sulla Cultura e le Arti della Russia (CSAR), visitabile dal 4 giugno al 2 luglio 2011.

Il progetto, in concomitanza con la 54° Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia, consta di quattro diverse installazioni: due progettate per gli spazi interni e due per il cortile.
Lyudmila Belova accoglie i visitatori con il video “Casa”, incentrato su una visione della Terra colta dagli occhi di un cosmonauta. Il duo artistico composto da Ivan Govorkov e Elena Gubanova presenta nell’Aula Colonne un’installazione dal titolo “Red shift” (Spostamento verso il rosso), che trae spunto da criteri astronomici di misurazione per calcolare lo spostamento degli oggetti nello spazio in base al loro posizionamento nello spettro cromatico. Come si legge in catalogo: «Nelle galassie lontane si registra un forte spostamento verso il rosso. Ciò indica che si stanno allontanando da noi a enorme velocità. In questo modo il colore diventa “raffigurazione” del tempo. E, per l’uomo, il tempo è prima di tutto memoria».
Marina Koldobskaya e Anna Frants danno vita, con un’installazione sonora che dà il nome all’intero progetto espositivo, a un’inquietante moltitudine di respiri che accolgono i visitatori nel giardino del campus.
L’artista Alexandra Dementieva, infine, dalla sua installazione “Contact field”, ricavata dal manto erboso del cortile, lancia un segnale rivolto ad altre forme di vita: sarà azionato dai visitatori stessi la sera del 18 giugno, in occasione della Art Night Venezia.

“We are here” – Russian art project
A cura di Silvia  Burini

Apertura al pubblico: 4 giugno – 2 luglio 2011
Orario: lunedì-venerdì 10-18
sabato 10-14
Ingresso gratuito

 

Documenti Allegati

© Ca'Foscari 2017

Ultima modifica: 03/06/2011 da Ufficio Comunicazione