Festival internazionale
di letteratura a Venezia

Marzo 29 30 31
Aprile     1
2017      
home incroci

Essential bibliography

Dog Meat Samosa, Imbada-Cafoscarina, 2017;

Nairobi Echoes, Bahati Books, 2016;

“Talking Money” in Africa 39, Bloomsbury Press, 2014;

Callused Hands, Nsemia Publishers, 2013;

Grandmother’s Winning Smile, Worldreader, 2013;

Khama, The Writer’s Window, 2012;

The Stone Hills of Maragoli, Kwani Trust, 2009;

The Unlikely Burden and Other Stories, Sasa Sema, 2006;

Poko and the Jet, Mvule, 2005;

The Heardsboy and the Princess, Mvule, 2005;

Poko at the Koras, Mvule, 2005;

Tobi and the Streetboy, Mvule 2005;

Shaka Zulu. Great Warrior King, Sasa Sema, 2004. 

Stanley Gazemba KENYA

Venerdì 31 marzo — ore 9.30 — Auditorium S. Margherita Ca' Foscari

Stanley Gazemba nasce nell’ovest del Kenya, a Vihiga, nel 1974. Studia giornalismo al Kenya Polytechnic University College e inizia a collaborare con varie riviste - Msanii Magazine, Sunday Nation, The New York Times, Saturday Nation e The East African.  Con il romanzo The Stone Hills of Maragoli (2003) vince il Jomo Kenyatta prize for Kenyan Literature. La sua produzione letteraria include altri due romanzi e diversi libri per bambini, oltre a racconti brevi. Il racconto “Talking Money” è stato pubblicato in Africa 39 (2014), una raccolta di racconti scritti dai trentanove più importanti scrittori africani contemporanei. La sua opera più recente è Nairobi Echoes (2016). Attualmente lavora come editor al portale Music in Africa

AVVISO IMPORTANTE

Stanley Gazemba non potrà essere presente Venerdì 31 marzo alle ore 9.30 presso l’Auditorium Santa Margherita in quanto non gli è stato concesso il visto per l'espatrio, nonostante il nostro invito ufficiale. È con grande rammarico che l’organizzazione del Festival si è vista costretta a cancellare l’evento.


Stanley Gazemba conversa con

Enrico Bettinello — critico musicale

 


Info

Incontro in lingua inglese (traduzione simultanea disponibile); ingresso libero con prenotazione obbligatoria.

Con il sostegno di The Emily Harvey Foundation

In collaborazione con Istituto Italiano di Cultura di Nairobi