CafoscariNEWS

CINI Smart City University Challenge: ecco il team di Ca' Foscari

Ca' Foscari ha selezionato l'app per le biblioteche Bparty come propria rappresentante alla CINI Smart City University Challenge, che vedrà gli sfidanti da tutta Italia confrontarsi il 24 aprile all'Aquila. La app è stata sviluppata dal team di studenti di Informatica KAFF-e, formato da Federico Fontolan, Fabio Rosada, Andrea Giacomazzi e Kotono Yoshida. Per il momento è sullo store Android in versione alfa, disponibile su invito.

La sfida, organizzata dall'Università dell'Aquila e dal Consorzio interuniversitario nazionale per l'informatica, vedrà in concorso le migliori app provenienti da sette università. 

La selezione della app cafoscarina si è svolta al Campus Scientifico, di fronte alla commissione composta da Gianluigi Cogo (Regione Veneto), Tommaso Piazza (Area servizi informatici di Ca' Foscari), dai docenti Agostino Cortesi e Claudio Silvestri e dal post-doc Alvise Spanò.

In concorso applicazioni per Android che permettono di trasformare dati aperti (forniti dalla pubblica amministrazione) in servizi per i cittadini e per le imprese, realizzate dagli studenti del corso di Ingegneria del software all'interno del Laboratorio CEVID in collaborazione con la Regione Veneto.

Le applicazioni concorrenti riguardavano servizi di allerta ambientale (livello dei fiumi, qualità dell'aria), servizi alla salute (livelli di presenza di pollini nelle varie aree del veneto), servizi agli studenti (disponibilità di posti nelle biblioteche dell'area metropolitana veneziana), servizi di accesso alla rete (disponibiltà di hot-spot wifi gratuiti), eccetera.

Bparty, l'app selezionata, è un'applicazione di tipo social che permette di visualizzare in tempo reale lo stato di occupazione delle biblioteche veneziane, di accedere ai relativi cataloghi, e di sapere chi tra gli amici in quel momento sta studiando nella stessa biblioteca.

Offre anche la possibilità a chi gestisce le strutture bibliotecarie di visualizzare i dati di occupazione dei posti disponibili nei diversi giorni e nelle diverse fasce orarie, e può quindi essere un ottimo strumento a supporto della pianificazione degli orari di apertura dell'intero sistema metropolitano.