CafoscariNEWS

Al via la decima stagione di Teatro Ca' Foscari

'Lettere dalla notte', con Chiara Guidi e il coro degli studenti della città di Venezia, va in scena giovedì 19 ottobre alle 20.30 al Teatro Ca' Foscari, e inaugura Alterazioni, il nuovo programma delle attività teatrali 2017/2018.
 
Lettere dalla notte sono state scritte da Nelly Sachs, una delle voci poetiche più appartate e potenti del Novecento, premio Nobel nel 1966, e ora riscoperta da Chiara Guidi in collaborazione con Elena Di Gioia. Una voce soltanto, così amava definirsi sia per quella fede che portava “…impregnare di dolore la polvere, darle un’anima” che per quel credo che la guidava “...io credo in un universo invisibile nel quale inscriviamo ciò che abbiamo inconsapevolmente compiuto…”

 

Alterazioni – Diffrazioni di senso è il titolo scelto per l’edizione 2017/2018 che, dal 19 ottobre 2017 al 16 maggio 2018, propone sedici spettacoli e un ricco programma di incontri, workshop, residenze artistiche, dove offrire molteplici sguardi sul presente, nell’affannosa ricerca di una spiegazione o almeno di un’interpretazione dei segni che il mondo di oggi trasmette.

“Non sono molte – sottolinea il Prorettore alle Attività e rapporti culturali di Ateneo, Flavio Gregori -  le realtà universitarie che hanno un’attività teatrale organizzata, uno spazio proprio, un pubblico affezionato. Il Teatro Ca’ Foscari a S. Marta ha sempre avuto segnali di gradimento dalla città e dagli studenti e per questo sentiamo la responsabilità di dare un servizio pubblico in una città che pure offre tanto come Venezia. Siamo soddisfatti del coinvolgimento forte degli studenti e del fatto che l’attività teatrale sia anche un’occasione per comunicare all’esterno le attività dell’Ateneo, in un’ottica di terza missione e collegamento forte con il territorio”.

“L’idea che guida la programmazione di quest’anno – dichiara Maria Ida Biggi, delegata alle Attività Teatrali – è quella di presentare spettacoli di qualità perché compito di un teatro universitario è dare spazio ai giovani talenti e anche a personalità affermate ma che portino spettacoli stimolanti. Quest’anno è caratterizzato da una presenza intensa di figure femminili, dalle registe alle attrici alle drammaturghe che sfoceranno in spettacoli quali quello di Chiara Guidi che apre la stagione”.

Donatella Ventimiglia, curatrice del programma, che quest’anno porta il titolo di Alterazioni, ha voluto “presentare dei testi ancora poco conosciuti o non tradotti per un pubblico di studenti e non solo. Le alterazioni che fanno da sfondo al nostro programma si riferiscono a ogni particella che forma il nostro pensiero e che non riesce a stabilire una giusta frequenza con le altre. E allora esiste un luogo ‘altro’ in cui almeno cercare, se non trovare una risposta che non vada perduta?”.

Nelle proposte di Alterazioni, a cui si collega Correnti alternate, la sezione dedicata alle giovani compagnie, si affacciano infatti interrogativi cruciali (Erodiàs, Maryam, Lettere dalla notte, Da parte loro nessuna domanda imbarazzante); la ferocia incontrollata (Utøya); il peso della storia (Corale numero uno, Acqua di colonia); zone inesplorate (Solaris); relazioni familiari (Fratelli); racconti in forma rap (Personale Politico Pentothal).

Nella sezione Correnti alternate, che è parte integrante del programma, il Teatro cafoscarino continua a sostenere le attività delle giovani compagnie. Tematiche e interrogativi sono gli stessi di Alterazioni, emerge un interesse verso la traduzione (Cessi pubblici) e l’adattamento o quanto meno l’ispirazione a drammaturgie d’autore (Monogamia) insieme all’indagine di nuove forme di scrittura per la scena, con esiti performativi differenti, ma ugualmente interessanti (Starlùc e Il violinista di Praga).

Parte centrale dell’offerta sono gli incontri di approfondimento coordinati da Maria Ida Biggi e i laboratori, a conferma della vocazione principale dell’Ateneo, che è quella di formare i suoi studenti anche con e attraverso le performing arts. Tra questi, su proposta di Susanne Franco, ci sarà il workshop di Gaga tenuto da Andrea Costanzo Martini. Il Gaga, conosciuto come il “metodo Naharin”, è un linguaggio del movimento creato da Ohad Naharin, danzatore e coreografo israeliano considerato uno dei più grandi coreografi al mondo. I laboratori sono principalmente destinati agli studenti di Ca’ Foscari, ma sono aperti a chiunque desideri parteciparvi, sulla base della presentazione di una lettera di motivazioni e un curriculum.

Un’altra parte importante è rappresentata dalle residenze artistiche. La prima è con Chiara Guidi che  condurrà gli studenti in un esercizio di lettura in coro sui componimenti della poetessa tedesca Nelly Sachs. Il coro poi confluirà  nella performance finale di Lettere dalla notte. La seconda residenza impegnerà un gruppo di studenti che,  sotto la guida di Marcello Chiarenza, porterà in scena una drammaturgia ispirata al testo di Christa Wolf, Guasto.
Alle attività del Teatro Ca’ Foscari collaborano e danno il proprio sostegno in primo luogo l’Istituto per il Teatro e il Melodramma della Fondazione Giorgio Cini; l'International Center for the Humanities and Social Change e il Comitato Unico di Garanzia (CUG) dell’Università Ca’ Foscari.

La cura del programma è di Maria Ida Biggi e Donatella Ventimiglia, alla quale è affidato il coordinamento di tutte le attività.

Qui tutto il programma

Gli spettacoli hanno inizio alle 20.30
Biglietti
Intero € 12,00
Ridotto € 7,00
Studenti (Università, Conservatori, Accademie e Scuole) e associati Ca’ Foscari Alumni € 3,50

Per gli spettacoli Monogamia, Starlùc, Cessi pubblici e Il violinista di Praga il biglietto di ingresso è al prezzo unico di  € 5,00; studenti 3,50.

Riduzioni
Giovani fino a 28 anni, over 65, docenti e dipendenti Università Ca’ Foscari e IUAV, soci CRC Ca’ Foscari, soci CRC IUAV. Per i diversamente abili anche l’accompagnatore avrà diritto al biglietto ridotto. Per l’acquisto di biglietti ridotti è necessario presentare in biglietteria il documento che attesti il diritto alla riduzione

Acquisto biglietti
I biglietti si acquistano presso la biglietteria del Teatro Ca’ Foscari a Santa Marta, Dorsoduro 2137 il giorno dello spettacolo dalle 19.00 alle 20.00.

Info e prenotazioni
Per informazioni e prenotazioni scrivere all’indirizzo  biglietteria.teatrocafoscari@unive.it o telefonare allo 041 2348962 esclusivamente nei giorni e orari di apertura della biglietteria