Il percorso Minor: una scelta intelligente per ampliare i propri orizzonti

Ca' Foscari è la prima università italiana a promuovere i corsi Minor, rivolti agli studenti iscritti ai corsi di laurea triennale dell'Ateneo.

ll Minor è un percorso tematico interdisciplinare, complementare al corso di Laurea, costituito da tre insegnamenti da 6 CFU ciascuno, che permette agli studenti di arricchire il proprio ambito di formazione prevalente con competenze complementari e trasversali utili sia per il proseguimento degli studi nelle Lauree magistrali. Superando i tre esami che compongono il Minor, si ottiene un’attestazione del percorso svolto.

Amina Berdin (Conservazione e Gestione dei Beni Culturali, curriculum storico-artistico), Eleonora Lando (Filosofia, con curriculum Filosofia e Storia) e Valeria Moccia (Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali, con curriculum economico) sono le prime neolaureate che hanno concluso un percorso Minor e hanno deciso di condividere con noi la loro esperienza.

Siete tra le prime ad aver  scelto di partecipare al percorso Minor. Come siete venute a conoscenza di questa opportunità?

Amina: Appena ho letto dell’attivazione dei corsi Minor, grazie alla comunicazione data dall’Ateneo, ho deciso subito di informarmi e ho pensato che fosse interessante inserire nel mio piano di studio uno dei percorsi proposti.

Eleonora:  Avendo completato il mio piano carriera in anticipo, ho deciso di sfruttare i crediti sovrannumerari a disposizione per arricchire il mio bagaglio culturale. Ho scelto questa opzione, per approfondire le mie conoscenze in ambiti più concreti come quello economico, finanziario e giuridico.

Valeria: Tendenzialmente, so che sembrerà strano, leggo tutte le e-mail dell'università, e l'anno scorso ho ricevuto la notifica dell'inizio dei Minor. Mi è subito sembrata un’ottima idea iscrivermi a questo percorso!

Qual è il Minor che avete scelto, e come si è strutturato?

Amina: Ho scelto il Minor Gli strumenti del pensare. Elementi di epistemologia e di filosofia del linguaggio per le discipline scientifiche ed economiche per le materie proposte, che ritengo molto interessanti, e la bravura degli insegnanti che si occupavano dei tre insegnamenti.
All’inizio temevo, essendo un corso pensato per gli studenti di materie scientifiche o economiche, che mi sarei trovata in difficoltà: nulla di più errato, i professori ero molto attenti a seguirci e disponibili per chiarimenti. Il percorso era caratterizzato da tre insegnamenti: Conoscere, Comunicare e Argomentare. Il primo insegnamento, Conoscere, di base si trattava di trenta ore di epistemologia, per me irresistibile! Ne sapevo ben poco agli inizi, ma mi sono appassionata molto presto.
Il secondo insegnamento, Comunicare, mi è stato fondamentale per ampliare alcune riflessioni sul rapporto tra linguaggio artistico e linguaggio corrente, così come l’ultimo insegnamento, Argomentare, che mi ha permesso di approfondire la Filosofia della Scienza.

Eleonora: Iscrivermi al Minor Percorsi di Educazione Economica e Finanziaria mi è parsa un’ottima soluzione per colmare le mie lacune in materie quali Economia e Diritto, che non avevo mai incontrato nel mio percorso di studi. Questo Minor si compone di tre corsi in lingua italiana: Economic Literacy, Financial Literacy e Strumenti di Tutela del Cliente nell’Ordinamento Finanziario. La parola literacy rappresenta esattamente ciò che speravo di ricevere: una specie di alfabetizzazione in un ambito tanto importante. Le nozioni che ho appreso mi sono state presentate in modo molto stimolante e ho potuto entrare in contatto con studenti come me, ma dalla formazione completamente diversa.

Valeria: Tra i Minor proposti mi sono subito interessata a quello in Management Artistico, mi incuriosiva e credevo che sarebbe stato perfetto per completare il mio percorso. Il percorso didattico si componeva di tre insegnamenti: Scrittura Creativa, Teatro d'Impresa e Videostorytelling. L'obiettivo finale è stato la realizzazione di uno storytelling aziendale che racconta il processo produttivo delle ceramiche artistiche nel Distretto della Ceramica di Nove (VI).
Mi è piaciuta molto la scelta dei docenti che ci hanno seguiti, che sono professionisti del settore prima che essere insegnanti. Al termine del percorso, è nato il nostro storytelling; non una semplice e tradizionale narrazione, ma qualcosa di innovativo, uno spettacolo della durata di mezz'ora, che ha fuso teatro, scrittura, video, musica e danza. Il nostro evento ha fatto il sold out, abbiamo raggiunto la massima capienza della Sala San Leonardo.

Complessivamente, qual è la vostra opinione sui Minor?

Amina: Più soddisfatta di così non potrei essere! Ho seguito un percorso Minor completamente diverso dal mio curricolo accademico, che però si è rivelato utile e prezioso, mii ha stimolato e appassionato moltissimo. Il Minor l'ho consigliato a tutti i miei amici più giovani, è una scelta intelligente e offre l'opportunità di ampliare i propri orizzonti.

Eleonora: Mi sento di consigliare l’iscrizione a uno dei Minor offerti da Ca’ Foscari agli studenti di qualsiasi corso di laurea: studiare significa innanzitutto ampliare i propri orizzonti, pertanto frequentare lezioni completamente diverse da quelle a cui si è abituati e con colleghi diversi da quelli del proprio Dipartimento può fornire un’occasione di arricchimento personale che va al di là dell’eventuale spendibilità di ciò nel mondo del lavoro.

Valeria: Consiglierei il Minor a tutti gli studenti, specialmente al secondo anno di università, perché può essere utile affrontare questo percorso avendo già alcune basi relative al proprio curricolo di studio.
Lo consiglio perché è davvero un arricchimento al percorso prettamente teorico universitario, è una grande opportunità di confronto con altri studenti che provengono da contesti completamente diversi, si sono create nuove e belle amicizie, e c'è stato anche un bellissimo rapporto con i docenti.

A cura di Charlotte Gandi