Certificazione dei Contratti di Lavoro

La certificazione dei contratti aventi ad oggetto attività di lavoro consente, alle imprese e ai datori di lavoro in genere, di apporre ai contratti di lavoro, di appalto, ai trasferimenti d'azienda e ai contratti di somministrazione, etc., un marchio di genuinità, che in parte inibisce l'attività ispettiva degli enti preposti (Inps, Dtl). Inoltre consente di sottoscrivere rinunzie e transazioni inoppugnabili e di addivenire a conciliazioni tra le parti prevenendo cosi il contenzioso.
Per l'autonomia della sede e dei commissari essa può altresì porsi come sede di consulenza preventiva per le imprese.

 

Ai sensi del d.lgs. n. 276/2003, nota come Legge Biagi, possono essere costituite commissioni di certificazione da Università e Fondazioni Universitarie.

La Commissione di Certificazione dell'Università Ca' Foscari è composta da docenti di diritto del lavoro ed esperti esterni. La Commissione è presieduta dal Prof. Gaetano Zilio Grandi.

Documentazione allegata

icoBrochure 489 K
icoModello Convenzione246 K
icoRegolamento Commissione62 K
icoCoordinamento Commissioni 54 K

Cos'è la certificazione, quali sono i vantaggi e gli effetti

La certificazione dei contratti di lavoro e di appalto è stata introdotta con l’obiettivo di dare certezza alle parti del rapporto contrattuale e di ridurre il contenzioso in materia di qualificazione dei contratti stessi. Le più recenti modifiche ed integrazioni sono contenute nella l. n. 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro). La certificazione può intervenire al momento della stipulazione del contratto, ma anche durante lo svolgimento dello stesso.

La certificazione presenta notevoli vantaggi per i lavoratori e per le aziende in quanto la Commissione, costituita da soggetti altamente qualificati, assiste attivamente le parti nella redazione del contratto e ne verifica e convalida la regolarità formale e sostanziale, qualunque sia il modello contrattuale prescelto dalle parti (lavoro autonomo, subordinato, coordinato, ecc.). Con la certificazione, quindi, le parti sono sicure della “qualità” dei contratti stipulati.

Gli effetti della certificazione sono importanti, oltre che sul piano della certezza del diritto, anche su quello della resistenza del contratto in caso di controversia, in quanto la certificazione dispiega i propri effetti verso i terzi (enti previdenziali compresi) e previene il contenzioso giudiziale in materia di qualificazione del rapporto.

Come tutte le forme di certificazione, anche la certificazione dei contratti di lavoro e di appalto ha un’importante valenza in termini di responsabilità sociale d’impresa e presenta indubbi riflessi positivi nei rapporti dell’azienda sia con i propri lavoratori sia con i propri interlocutori (clienti, fornitori, istituzioni, istituti di credito, ecc.).

Le Commissioni di certificazione possono svolgere:

  1. attività di consulenza e assistenza alle parti contrattuali sia al momento della stipulazione del contratto di lavoro sia, successivamente, per eventuali modifiche concordate in sede di attuazione del rapporto;
  2. attività di certificazione di tutti i contratti in cui sia dedotta, direttamente o indirettamente, una prestazione di lavoro.
  3. attività di conciliazione delle controversie ai sensi dell'articolo 410 c.p.c.

Gli effetti del provvedimento di certificazione permangono, anche nei confronti dei terzi, fino al momento in cui sia stato accolto, con sentenza di merito, un eventuale ricorso giurisdizionale. Nei confronti dell’atto di certificazione, sia le parti che i terzi che ne abbiano interesse possono proporre ricorso giurisdizionale soltanto per vizi del consenso, per erronea qualificazione del rapporto o per difformità tra il programma negoziale certificato e la sua successiva attuazione. Il ricorso al giudice ordinario deve obbligatoriamente essere preceduto da un tentativo di conciliazione da svolgersi avanti alla commissione che ha certificato l’atto.

La competenza della Commissione di certificazione universitaria è estesa all’intero territorio nazionale.


Certificazioni previste

Le Commissioni di certificazione svolgono funzioni di:

  • certificazione dei contratti di lavoro (articolo 75, D.lgs. n. 276/2003), finalizzata a dare certezza alla qualificazione dei rapporti di lavoro;
  • certificazione dei contratti di appalto (articolo 84, D.lgs. n. 276/2003), finalizzata a distinguere tra appalto lecito e somministrazione irregolare;
  • certificazione dell’atto di deposito e del contenuto dei regolamenti interni delle cooperative, finalizzata a certificare le tipologie di rapporti di lavoro attuati o che si intendono attuare con i soci lavoratori (articolo 83, D.lgs. n. 276/2003);
  • certificazione delle rinunce e transazioni aventi ad oggetto i diritti derivanti da un rapporto di collaborazione ad progetto già in essere (articolo 68, D.lgs. n. 276/2003), finalizzata a rendere inoppugnabili, ex articolo 2113 c.c., tali atti;
  • certificazione delle rinunce e transazioni aventi ad oggetto i diritti derivanti da un rapporto di lavoro, finalizzata a rendere inoppugnabili, ex articolo 2113 c.c., tali atti (articolo 82, D.lgs. n. 276/2003);
  • consulenza e assistenza alle parti contrattuali, con particolare riferimento alla disponibilità dei diritti e alla esatta qualificazione dei contratti di lavoro (articolo 81, D.lgs n. 276/2003);
  • tentativo facoltativo di conciliazione di cui all’art. 410 e ss. c.p.c., come modificati dall’art. 31 L. n. 183/2010;
  • certificazione obbligatoria delle clausole compromissorie in arbitrato di cui all’art. 808, 412 e 412 quater c.p.c., come disposto dall’art. 31, c. 10, L. 183/2010;
  • l’assistenza e consulenza delle parti nella predisposizione di contratti individuali ove siano tipizzati giusta causa e di giustificato motivo di licenziamento;
  • istituzione di camere arbitrali, anche unitarie mediante convenzioni, secondo quanto disposto dall’art. 31, c. 12, L. n. 183/2010;
  • tentativo di conciliazione in caso di ricorso giurisdizionale contro la certificazione del contratto di lavoro, come previsto dal c. 4 dell’artico¬lo 80 del. Dlgs 276/2003;
  • certificazione dei modelli di organizzazione e gestione delle imprese, anche con riguardo alla materia della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Richiesta certificazione e contatti

La certificazione ha carattere volontario e si ottiene con un procedimento semplice e veloce. La certificazione è svolta sulla base di una istanza e di una convenzione che l’Università Ca’ Foscari Venezia stipula con i soggetti interessati secondo le previsioni di legge e di regolamento.

Una volta stipulata la convenzione, le parti del contratto di lavoro o del contratto di appalto presentano congiuntamente apposita istanza, avvalendosi del modello di istanza reperibile on line. Dopo l’audizione delle parti (che può avvenire anche in una sede appositamente concordata), il procedimento si conclude nell’arco di 30 gg. con l’emissione del provvedimento finale di certificazione.

Per ogni contratto è necessaria una marca da bollo da € 16,00.

Contatti e chiarimenti

Per informazioni o chiarimenti relativi alla procedura di certificazione rivolgersi alla Segreteria:  commissionecertificazione@unive.it; ovvero al Presidente prof. Gaetano Zilio Grandi: ziliogra@unive.it.