Università del Volontariato

Il volontariato nasce dalla spontanea scelta delle persone di offrire un servizio, gratuito e disinteressato, a singoli individui o ad una comunità, dedicando tempo, professionalità e passione.

Per rispondere in modo adeguato alle richieste che vengono rivolte ai volontari, è sempre più necessario possedere un sufficiente bagaglio di competenze umane, tecniche, settoriali e trasversali.

Con lo scopo di offrire queste conoscenze qualificando i volontari e apportando di conseguenza nuove competenze al mondo del non-profit, nasce il progetto "Università del Volontariato", parte integrante del già avviato e più ampio progetto d'Ateneo Ca' Foscari sociale.

Il progetto vede una fattiva collaborazione tra l'Università Ca' Foscari Venezia e il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della Provincia di Treviso, attraverso una condivisa programmazione didattica.

Contatti

referente organizzativo: Marilisa Marian
 consulenze@trevisovolontariato.org - 0422/320191

referente tutoraggio: Alessia Crespan
 promozione@trevisovolontariato.org - 0422/320191

referente per gli studenti universitari: Marta Dalla Costa
 sostenibile@unive.it - 041/2348077


Avviato il 4° anno

E' stato avviato il 4° anno dell'Università del Volontariato; la classe di quest'anno è formata da 36 corsisti, 25 donne e 11 uomini; 19  le persone già attive nel volontariato, 12 gli studenti universitari e 5 i cittadini aspiranti volontari.

L’offerta formativa di quest'anno accademico prevede a calendario 4 moduli obbligatori per un totale di 36 ore e 49 lezioni specialistiche, per un totale di 149 ore di formazione in aula, ed è stata arricchita da due nuove aree tematiche, una dedicata a Economia, Impresa e Finanza per l’Innovazione sociale che vuole considerare il Volontariato anche dalla prospettiva dell’analisi economica, studiando le sue relazioni dirette e indirette con lo sviluppo delle società moderne, e un’altra dedicata alla Relazione d’aiuto orizzontale – i gruppi AMA (auto mutuo aiuto) un ciclo di lezioni volte a sostenere e qualificare l’impegno dei volontari facilitatori dei gruppi.

Tra gli elementi di novità nella sezione Attualità, una lezione dedicata a differenze di genere e violenza “Maschile, femminile, plurale” e un modulo di tre lezioni dedicate all’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.


Inaugurazione nuovo anno accademico

Venerdì 13 ottobre si è tenuta, presso l'Auditorium Santa Croce a Treviso, la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico. 
Dopo i saluti istituzionali, l'intervento del prof. Giancarlo Corò, Direttore del Centro Interdipartimentale SELISI, su "Impatto sociale del progetto. Università del Volontariato a Treviso: valutazione e presentazione dei primi dati della ricerca". A seguire la lectio magistralis del prof. Ivan Luigi Vitali della Scuola di Economia Civile di Firenze sul tema "Per un volontariato capace di generatività".


Di che cosa si tratta

L'Università del Volontariato è un iter formativo pensato per chi svolge attività di volontariato o desidera farlo. Il percorso ha la durata di un anno accademico, che si tiene nella sede universitaria Ca’ Foscari di Treviso a Palazzo San Paolo – Riviera Santa Margherita 76. Il percorso di studi prevede moduli differenziati e con il riconoscimento di crediti che andranno a comporre il totale necessario per l'attestato di frequenza.

Chi può partecipare

Il progetto è rivolto ad aspiranti volontari, ai volontari già attivi, ai membri di enti associativi (associazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, ONLUS, circoli ed Università della Terza Età), studenti in formazione, cittadini interessati che vogliono costruire e/o rafforzare il proprio impegno nel terzo settore.

Per gli studenti di Ca' Foscari è previsto il riconoscimento dei CFU all’interno del singolo corso di studio, previa valutazione del percorso formativo da parte dl Collegio Didattico.


Corsi aperti a tutti

Le lezioni specialistiche sono aperte a tutti: corsisti dell'Università del Volontariato, volontari delle organizzazioni del territorio, cittadini e studenti interessati.

Sono lezioni innovative,divertenti, pratiche, spendibili nell'organizzazione d'appartenza e per cultura personale, distribuite in tutto l'anno accademico dell'Università e per lo più frequentabili in orario pomeridiano.

Sono tenute da formatori di Volontarinsieme - CSV Treviso, da docenti universitari ed esperti che provengono da enti di ricerca, da società profit, da altri soggetti del terzo settore, e sono destinati a migliorare il pensiero e l'azione di chi è impegnato per contribuire alla coesione sociale delle nostre comunità.

La frequenza alle lezioni è libera e gratuita.

E' possibile iscriversi in qualsiasi momento inviando una e-mail a  formazione@trevisovolontariato.org.


Percorso formativo

Articolazione

Il percorso di studi è articolato in corsi base obbligatori, corsi specialistici a libera scelta, e uno stage finale.

L'attestato sarà conseguibile con l’accumulo di 60 crediti raggiungibili attraverso:

  • 4 corsi base di 8 ore ciascuno (30 crediti)
  • 3 corsi specialistici di durata variabile, richieste minino 10 ore di frequenza (20 crediti)
  • 1 stage di 20 ore (10 crediti)

I crediti dell’Università del Volontariato sono un mero strumento che permette agli organizzatori di valutare quantitativamente il percorso svolto e non sono assimilabili ai crediti formativi universitari o crediti formativi professionalizzanti.
Ogni studente verrà sostenuto nella sua formazione da un tutor con cui potrà decidere il piano di studi più adatto alla sua situazione e che lo accompagnerà per tutto il percorso. Il tutor aiuterà negli approfondimenti, nei rapporti con i docenti, nelle esercitazioni e nello stage.
I Collegi didattici dei Corsi di Studio dell'Università Ca' Foscari valuteranno il percorso formativo.

Il percorso universitario e i corsi facoltativi sono completamente gratuiti.

Corsi obbligatori

I corsi obbligatori si concentrano sulle competenze relazionali e organizzative imprescindibili per capire il volontariato e l’impegno solidale.

Si tratta di quattro corsi di 8 ore ciascuno destinati solo al gruppo di partecipanti al percorso formativo completo.

I temi:

  • Motivare e relazionare: motivare i volontari e motivare se stessi come volontari e gestire le relazioni nell'esperienza associativa
  • Informare e comunicare: la comunicazione sociale
  • L’organizzazione e la gestione dell’associazione: elementi giuridici, fiscali ed amministrativi di un'associazione
  • Volontariato e welfare: la partecipazione del volontariato in area socio-sanitaria

Corsi specialistici

Gli studenti potranno scegliere un area tematica specifica d’approfondimento e frequentarne i corsi previsti in base alle esigenze di formazione e al piano didattico individuale costruito con il tutor. Le aree tematiche dei corsi specialistici sono:

  • Amministrazione e gestione;
  • Economia, Impresa e Finanza per l’innovazione sociale;
  • Progettazione, fundraising, rapporti con le Istituzioni;
  • Gestione dei volontari e del personale;
  • Etica, valori, cittadinanzattiva;
  • Auto-Mutuo-Aiuto;
  • Comunicazione e promozione; 
  • Cultura, attualità, crescita personale;
  • Sostenibilità, ecologia, ambiente, energie rinnovabili.

I corsi specialistici potranno essere scelti anche tra più ambiti d’interesse ma dovranno comunque essere organizzati all’interno di un piano di formazione individualizzato coerente con i bisogni formativi della persona e l’ipotesi di spendibilità nell’organizzazione.

I corsi specialistici, facendo parte dell'offerta formativa di Volontarinsieme, sono aperti a tutti, vi possono perciò partecipare anche coloro che non sono iscritti al percorso formativo completo.

Stage

Uno stage, fattibile anche nell’organizzazione di appartenenza, completerà l’iter necessario per il conseguimento dell’attestato finale e sarà la dimostrazione della capacità di trasferire in un contesto concreto le competenze acquisite durante il corso. 
Gli studenti verranno affiancati, oltre che dal proprio tutor di corso, anche da un tutor interno all’organizzazione ospitante, dedicato per lo svolgimento dello stage.

Al termine dello stage verrà richiesta la produzione di un elaborato in forma di tesina o video o articolo giornalistico o altra tipologia di prodotto, a seconda dell’attività effettuata.

L’elaborato verrà valutato da apposita Commissione.


Archivio precedenti edizioni

Prima edizione - a.a. 2014/15

La classe dell'anno accademico 2014/15 era formata da 32 persone -  di cui 10 studenti cafoscarini - che sono state selezionate su base motivazionale tra le 120 che hanno inviato la richiesta di iscrizione.

Il percorso si è concluso ufficialmente venerdì 26 giugno 2015 con la consegna degli attestati di frequenza, avvenuta presso l'Aula Magna di Palazzo San Leonardo, in presenza del rettore Michele Bugliesi, del Presidente di Volontarinsieme - CSV di Treviso Alberto Franceschini, di Fondazione Cassamarca e del Sindaco di Treviso Giovanni Manildo.

icoNuove povertà ed emergenze educative
Anna Cristina Andreatta
808 K
icoLa gestione della leadership nelle organizzazioni di volontariato
Elena Angelini
564 K
icoServizio civile, il cambiamento
Paola Benvegnù
199 K
icoProfili di un volontario che lavora per i poveri
Marco Berdusco
459 K
icoLa responsabilità
Elisa Bertoncello
1.0 M
icoDa messer Domineddio al fund raising su misura
Monica Tania Bortoletti
0.9 M
icoL'agricoltura sociale nell'evoluzione del sistema di welfare
Nicolò Bortoletto
377 K
icoIl territorio per il volontariato. Il volontariato per il territorio
Vania Bottacin
356 K
icoVolontariato e nuove emergenze sociali. Come il volontariato può sostenere l'inserimento ed il reinserimento lavorativo
Jacopo Cassano
827 K
icoPerchè accogliere bene fa del bene
Marina Cenzo
339 K
icoPrimo esempio organizzato di fundraising in LILT ( per acquisto macchina elettrochemioterapia)
Rita Cian
810 K
icoLa prima accoglienza dell'utente: riflessioni su diversi approcci
Concetta Conson
371 K
icoAREP Onlus (Associazione Rieducativa Ente Privato) Una testimonianza di impegno sociale e socio sanitario
Emiliano Conte
1.1 M
icoFundraising e crowdfunding: due banche a confronto
Chiara Velini
619 K
icoLa biblioteca sociale: un nuovo modello per la nuova città
Fiamma De Salvo
1.3 M
icoIl granello di senape, metafora di un itinerario di crescita di un'umanità più solidale
Milva Ferraro
677 K
icoMovimento Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa: nascita, organizzazione e rilevanza nel processo di sviluppo del Diritto Internazionale Umanitario
Lucia Iacovone
131 K
icoContrastare lo spreco alimentare: dal recupero delle eccedenze alla sensibilizzazione. Il volontariato alimenta le coscienze
Fabio Marchesin
534 K
icoAttività nella Lega Italiana per la lotta contro i tumori
Nicoletta Marin
255 K
icoInnovazione sociale
Sonia Marioni
1.5 M
icoI gruppi di auto mutuo aiuto. Partendo dall'ascolto, il cambiamento è nel "conTesto"
Silvia Martimbianco
239 K
icoVolontariato: da un'idea a un progetto; da un progetto a un processo
Elisabetta Pasqualetto
370 K
icoSostenibilità dal/al mondo attraverso il commercio equo
Arianna Pasqualin
17.3 M
icoIl volontariato tra sogno, realtà e speranza
Miriam Pilon
270 K
icoVolontariato: luogo di reale incontro tra le generazioni?
Loredana Pivato
98 K
icoIl Dono Generativo
Giacomo Prete
163 K
icoAmministratore di sostegno
Alessandra Sartori
1.3 M
icoIl motivatore che è in noi. Verso una cittadinanza 2.0
Carmen Sartori
204 K
icoEducazione e volontariato: strumenti per la sostenibilità ambientale, culturale e socio-economica
Sara Stemberger
0.9 M

Seconda edizione - a.a. 2015/16

La classe dell'anno accademico 2015/16 era formata da 33 persone -  di cui 8 studenti cafoscarini - che sono state selezionate su base motivazionale tra le 150 che hanno inviato la richiesta di iscrizione.

Il percorso si è concluso ufficialmente venerdì 24 giugno 2016 con la consegna degli attestati di frequenza, avvenuta presso l'Aula Magna di Palazzo San Leonardo, in presenza del rettore Michele Bugliesi, del Presidente di Volontarinsieme - CSV di Treviso Alberto Franceschini, e con l'intervento su "Sfide e dilemmi del volontariato nel nostro tempo e nelle nostre società" della prof.ssa Francesca Campomori, Phd in Political Science dell'Università Ca' Foscari Venezia.

icoCrisi dell'associazionismo migrante: analisi preliminare del fenomeno
Annicchiarico Anna
334 K
icoEssere volontari per diventare partecipativi e rappresentativi
Barbazza Monica
200 K
icoIl volontariato come strumento della programmazione dei servizi sociali
Basso Cristina
340 K
icoVolontariato: luogo di reale incontro tra le generazioni?
Barro Liana
182 K
icoSapere, saper fare e saper essere - il Volontario-persona
Boscato Vanna
559 K
icoAmministratore di sostegno. Posso darti una mano? (La centralità della persona nell'AdS)
Buffon Michela
228 K
icoLa qualità della vita di una associazione
Busetti Isabella
710 K
icoTuristanchio! No tu no!
Candeago Eldo
1.2 M
icoLa dimensione dei valori negli interventi di sviluppo e il loro impatto a livello sociale, economico e politico
Cavallin Nadia
172 K
icoWelfare community e volontariato: tre esempi nella provincia di Belluno
Collazuol Stefano
127 K
icoIl progetto di rientro volontario in patria
Diop Fatima
1.4 M
icoL'immigrazione al femminile
Filippetto Cristiana
1.1 M
icoProviamo a fare il volontariato. Insegnare il servizio a ragazzi di 17 anni
Franceschini Erika
96 K
icoI social network per il volontariato - le associazioni nell'era della comunicazione digitale
Gogu Giorgiana
1.1 M
icoIl volontariato. L'incontro tra diversità
Mutti Tiziana Maria
187 K
icoCome coltivare motivazione e creare accoglienza nel no profit. Un caso pratico: ONG bambini nel deserto Onlus
Pagin Sara
218 K
icoCoinvolgere i giovani
Pin Michela
481 K
icoIl volontariato in Europa: diversi percorsi storici a confronto
Quintavalli Sofia
297 K
icoFare Fund Raising: l'esempio di ADVAR
Ranucci Giancarlo
830 K
icoAffidamento in prova ai servizi sociali: educare al bene attraverso il bene
Scattareggia Maria Pia
1.0 M
icoLe organizzazioni di volontariato e i volontari
Simonella Renato
1.2 M
icoPianeta volontario
Stefanello Isabella
0.9 M
icoVolontariato e Istituzioni. La sinergia per l'umanizzazione della cura, con rif.to al percorso senologico della Ulss 9 - Treviso
Tonon Manuela
1.0 M
icoIl cammino della disabilità: dalle scuole speciali a quelle inclusive
Tosello Luisa
750 K
icoI Centri di Servizio per il Volontariato tra situazione presente, riforma del Terzo Settore e prospettive di finanziamento
Tottolo Francesco
273 K
icoPer un volontariato di emergenza che esce dall'emergenza
Vicini Graziella
656 K
icoLa qualità di vita di un'associazione. Un piccolo progetto per mettere "tutti" al centro
Zanella Sandra
272 K
icoQuinto Spazio Giovani, dai giochi al sociale
Zotti Johannes
342 K

Terza edizione - a.a. 2016/17

La classe dell'anno accademico 2016/17 era formata da 30 persone -  di cui 10 studenti cafoscarini - che sono state selezionate su base motivazionale tra le ........che hanno inviato la richiesta di iscrizione.

Il percorso si è concluso ufficialmente venerdì 23 giugno 2017 con la consegna degli attestati di frequenza, avvenuta presso l'Aula Magna di Palazzo San Leonardo, da parte del delegato rettorale alla Sostenibilità Fabio Pranovi e del Presidente di Volontarinsieme - CSV di Treviso Alberto Franceschini, e con l'intervento su "Volontariato, capitale sociale e sviluppo economico" del prof. Giancarlo Corò, Direttore del Centro Interdipartimentale SELISI di Treviso.

icoAssociazionismo e sviluppo economico
Bacco Valentina
397 K
icoIl nostro oggi per il loro domani
Baschiera Lisa
727 K
icoVolontariato fluido. Nuove norme di cittadinanza attiva
Binotto Simone
540 K
icoPovertà e povertà sanitaria in Italia: il ruolo della Fondazione Banco Farmaceutico
Cama Maria
659 K
icoConto su di te
Carrara Elena
0.9 M
icoCome evitare il rischio di personalizzazioni all'interno di un'associazione di volontariato. Strategie organizzative
Cattai Dominique
429 K
icoSeguo le tue impronte. La relazione d'aiuto interconnessa alla generatività
Citran Antonella
1.1 M
icoLa condizione dei richiedenti asilo nella provincia di Belluno
Colotto Gabriela
6.9 M
icoIl senso del volontariato come risposta
Corò Anna
762 K
icoTu si que vales e l'azienda può promuovere il volontariato?
Crosato Marta
565 K
icoIl dilemma etico dell'immigrazione
Damiani Benedetta
431 K
icoOra di Liber
De Carli Federica
587 K
icoGirl power club
Durighello Elisa
1.0 M
icoMigranti: un problema di accoglienza ancora disorganica
Favero Michela
0.9 M
icoScrivimi di te: come la scrittura può diventare terapeutica. Esperienze all'interno dell'Istituto Penale Minorile di Treviso
Fraccaro Marino
0.9 M
icoVolontariato: voglio volere
Gassirà Serena
543 K
icoCome creare accoglienza nelle associazioni e nei gruppi di volontariato
Gava Annamaria
463 K
icoPolitiche pubbliche e volontariato: quale genere di bilancio può servire
Guizzo Sara
658 K
icoLa legittimazione della rabbia
Lucchetta Roberto
560 K
icoAnziani non autosufficienti e assistenza domiciliare. Presente e futuro
Maschio Paolo
325 K
icoVolontà e volontariato
Parigi Francesco
676 K
icoCamminiamo insieme... Piccoli passi verso un grande traguardo. Viaggio nel piccolo mondo di un "Erasmus arcobaleno"
Pavan Clara
737 K
icoLa logica organizzativa delle organizzazioni di volontariato e i fattori che possono condizionarla - un caso pratico
Primicerio Alfredo
558 K
icoIstruzione di qualità. La diversità culturale come opportunità all'interno del quarto obiettivo dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Roldo Elisa
598 K
icoEccedenze alimentari: da spreco a risorsa
Santomaso Roberto
457 K
icoLa gestione di una associazione: aspetti operativi
Sartori Alberto
490 K
icoLa libertà è partecipazione. Dalla consapevolezza alla cittadinanza attiva
Scroccaro Paola
0.9 M
icoIl volontariato giovanile tra motivazioni e finalità
Stangherlin Serena
415 K
icoDall'interdizione e inabilitazione all'amministratore di sostegno. Percorso a tutela dell'autodeterminazione e centralità della persona
Tollardo Mario Luciano
558 K
icoL'arte, la cultura e la conoscenza come forme di integrazione
Zikovich Jelena
1.7 M