The Claudia Quintet

John Hollenbeck batteria / composizione

Jeremy Viner sax tenore / clarinetto

Red Wierenga fisarmonica

Matt Moran vibrafono

Adam Hopkins contrabbasso

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

giovedì 26 ottobre
21.00 Auditorium, San Servolo

 

The Claudia Quintet è uno dei gruppi più innovativi provenienti dalla scena musicale creativa newyorkese, si è formato nel 1997 su iniziativa del compositore e batterista John Hollenbeck, nominato per ben quattro volte ai Grammy. Hollenbeck ha chiamato così il gruppo in onore di un’affettuosa fan che ad uno dei primi show promise di ritornare per le performance successive, ma non lo fece mai. Un atto che scatenò l’immaginazione del batterista e gli ispirò il nome dell'ensemble.
La band vanta un organico composto da alcuni dei più fini strumentisti nel jazz moderno. The Claudia Quintet è rimasto fedele alla sua missione originale: creare una musica da camera improvvisata distintiva che sfida ogni categorizzazione. Hollenbeck ha riunito un gruppo composto da alcuni tra i più importanti innovatori di questo nuovo sound per creare una band di grande potenza. La line-up del tour autunnale è composta da Matt Moran - vibrafono (Slavic Soul Party, Mat Maneri, Nate Wooley);  Red Wierenga - fisarmonica (Respect Quartet, Signal, Brad Lubman); Jeremy Viner – sax tenore e clarinetto (Steve Lehman, Tyshawn Sorey); Adam Hopkins – contrabbasso (Christopher Hoffman, Matt Mitchell, Ideal Bread).

Gli otto album di grande successo incisi con l'ensemble sono stati un veicolo straordinariamente efficace per la musica di Hollenbeck che riflette influenze che vanno dal jazz alla musica da camera a varie forme folkloristiche e ritmi brasiliani.
A Venezia la band eseguirà delle nuove composizioni per celebrare l'ultimo lavoro Super Petite uscito con Cuneiform Records.

johnhollenbeck.com/band/the-claudia-quintet/

This is post-music. Some jazz, some folk, some pop-rock, some minimalism, some of this influence and more of that influence—and all of it is one step ahead of the current day. It’s the Music of Tomorrow, now.” – Dave Sumner, Bandcamp

Rigorously executed but earthily grooving, dauntingly precise but flecked with hearty and intriguing improvised solos, the quintet’s set buzzed with freshness and vitality from start to finish. … For all the obvious effort and intelligence to Hollenbeck’s work, his songs could ultimately be straightforwardly emotional and moving.”
– Peter Hum, Ottawa Citizen

Super Petite is like savoring a long and lingering feast. There is much to enjoy, concentrate on, uncover and sample. The ten tracks each offer a morsel, and the full repast is oh so delicious.”
–Doug Simpson, Audiophile Audition

The bottom line? Every member of Claudia Quintet is a virtuoso; and while that may be true, the beauty of Claudia Quintet is that it’s a collection of five outstanding players whose focus is on the music, not unnecessary displays of pyrotechnics…though there was certainly more than a few sparks flying during their Back Stage appearance.”
–John Kelman, All About Jazz