Dipartimento di eccellenza

Perché siamo eccellenti

Siamo un dipartimento di eccellenza negli studi asiatici e nordafricani a livello nazionale e internazionale. Primi in Italia nella ricerca nella nostra area principale (scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche) e protagonisti nel portare Ca’ Foscari tra le prime 150 università del mondo in Modern Languages (QS World University Ranking by subject). Offriamo corsi di studio triennali e magistrali, anche internazionali e interateneo, e corsi di master e dottorato di ricerca.

file pdfLa nostra ricerca3.3 M
MIUR - Dipartimento di eccellenza

Cosa faremo

Il progetto prevede la nascita del Centro Internazionale di Ricerca Marco Polo (MaP) - Centre for Global Europe-Asia Connections.

L'obiettivo è quello di favorire la cooperazione scientifica a livello internazionale su temi innovativi quali le nuove identità religiose, le migrazioni, il cambiamento climatico e la storia delle relazioni tra l'Europa, l'Asia e il mondo arabo e islamico, in un'ottica transculturale.
Potenzieremo le attività di internazionalizzazione della didattica di alta qualificazione e la didattica dell'interpretazione da e verso la lingua cinese.

La collocazione del Centro MaP proprio a Venezia costituisce un importante vantaggio in termini di visibilità internazionale delle sue attività, in considerazione anche della capacità del Dipartimento di cooperare con le principali istituzioni culturali di respiro internazionale della città.

Ambiti di sviluppo:

  1. Analisi della dimensione transculturale dei processi storici, religiosi, filosofici, letterari e artistici e fra Asia, mondo arabo e islamico ed Europa
  2. Studio dell'impatto delle nuove tecnologie di comunicazione nella produzione linguistica e simbolica in Asia e nel mondo arabo e islamico
  3. Studio delle aree culturali emergenti in ambito economico e politico, quali il Sud-Est asiatico e l'Asia centrale

Risorse

Investiremo:
7,9 milioni di euro

Assumeremo:
1 professore associato
2 ricercatori tenure-track
6 ricercatori a tempo determinato (lettera a)
1 project assistant (personale tecnico-amministrativo)

Bandi di selezione

I bandi di selezione per docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo destinati allo sviluppo del progetto sono pubblicati nella sezione Lavora con noi di Ateneo.

Tappe principali del progetto

2018

  • Avvio del reclutamento
  • Istituzione del Centro di Ricerca Internazionale MaP
  • Nuova programmazione didattica 2019-20
  • Potenziamento delle strumentazioni

2019

  • Completamento del reclutamento
  • Avviamento delle attività di ricerca del Centro
  • Realizzazione della Summer School
  • Attivazione dei nuovi corsi di Laurea

2020

  • Avvio della seconda fase del progetto
  • Pianificazione delle attività di fund-raising
  • Pianificazione delle azioni per la sostenibilità futura del progetto

2021

  • Realizzazione della Summer School

2022

  • Monitoraggio conclusivo delle attività di progetto

L'istituzione del Centro Internazionale di Ricerca Marco Polo (MaP) - Centre for Global Europe-Asia Connections – dedicato allo studio delle interazioni e connessioni politiche, culturali, economiche e religiose tra Asia, Europa e mondo arabo e islamico – è funzionale alle attività di produzione, coordinamento e fund-raising della ricerca negli ambiti di sviluppo identificati.

La mission del MaP è quella di sostenere e favorire le attività di networking scientifico già avviate dal DSAAM, e in particolare, quelle relative alla New Silk Road nell'ambito della SUN (Silkroad Universities Network), alla collaborazione Ca' Foscari-Università di Suzhou in Cina, alla collaborazione Ca' Foscari-Al Farabi University (Kazakhstan) e alla collaborazione con l'Università di Mashad in Iran.

Le attività previste per il Centro nell'arco del quinquennio di progetto saranno le seguenti:

  1. organizzazione di una serie annuale di joint-seminars e lectures in collaborazione con visiting scholars nazionali e internazionali su temi specifici
  2. istituzione di 2 post-doctoral fellows all'anno in residenza che svolgeranno attività di ricerca sulle tematiche di interesse del Centro
  3. organizzazione a cadenza biennale di Summer School internazionali che verteranno sui processi storici e i trend emergenti nella politica, la governance, l'economia e i cambiamenti socio-culturali tra Europa, Asia e il mondo arabo e islamico
  4. creazione di un sito web del Centro con le attività, i public talks, e un archivio delle conferenze in forma di podcasts
  5. partecipazione al network della New Silk Road, come trait d'union tra le diverse istituzioni membro, secondo la vocazione di Venezia come ponte tra le culture dell'Asia e del Nord Africa.

La nuova didattica, oltre a permettere di soddisfare la crescente domanda verso i nostri corsi a livello nazionale e internazionale, risponderà anche alla necessità attuale di fornire parametri per l'interpretazione dei nuovi scenari, accentuando le sue caratteristiche di inter-disciplinarietà e alta specializzazione nei modi seguenti:

  1. nuovo corso di Laurea Magistrale: Language and Management to China (LAMAC), in lingua inglese e a carattere professionalizzante, legato alle attività di ricerca sulle dimensioni transculturali del management tra Italia, Europa e Cina, in cooperazione con il Dipartimento di Management di Ca' Foscari e con l'University of International Business and Economics di Pechino;
  2. revisione del corso di Laurea Magistrale in Lingue, economie e istituzioni dell'Asia e dell'Africa mediterranea (LEISAAM), principalmente in lingua inglese, in cooperazione con il Dipartimento di Economia. Il corso offrirà tre percorsi formativi relativi a Cina, Giappone e mondo arabo e islamico con un profilo linguistico-culturale e in scienze sociali per le aree di riferimento;
  3. rafforzamento strutturale - attraverso l'acquisizione di tecnologie specifiche - del corso di Laurea Magistrale Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale per formare traduttori e interpreti in grado di rispondere alle esigenze del mercato del lavoro nazionale e internazionale e della ricerca nel campo dei Translation Studies di area sinologica;
  4. potenziamento del Joint Master Degree Crossing the Mediterranean: towards Investment and Integration (MIM) con ampliamento ad altro partner europeo per una formazione a carattere multidisciplinare e transculturale che affronta le problematiche legate all'assetto geopolitico del Mediterraneo.
  5. sviluppo e produzione di strumenti e risorse informatiche applicative per l'apprendimento delle lingue asiatiche per utenti italofoni, a partire dal progetto JALEA già in corso, e in coordinamento con gli altri laboratori didattici in ambito linguistico (DAR)
  6. potenziamento e internazionalizzazione del Dottorato attraverso l'accordo di cooperazione con il Programma di Dottorato "Asian Transcultural Studies" dell'Università di Heidelberg per l'erogazione di un programma di Double Ph.D. (dottorato internazionale) lanciato nell'a.a. 2017/2018. L'obiettivo di progetto prevede l'attivazione di altre due posizioni all'anno di Ph.D. disponibili a candidati italiani e stranieri per questo titolo congiunto.

Il piano di sviluppo infrastrutturale si pone come obiettivi:

  • l’incremento delle risorse per la ricerca a disposizione dei docenti per mettere il DSAAM a livello dei maggiori centri internazionali, in particolare attraverso la disponibilità di accesso a banche dati, biblioteche digitali, risorse cartacee relative alle lingue e aree di interesse previste nel progetto;
  • il potenziamento delle infrastrutture dedicate alla formazione professionale degli interpreti, che posizionerà Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale ad esser l’unico corso di laurea magistrale in Italia con didattica sull’interpretazione simultanea in cinese.

Il progetto è gestito, monitorato e valutato in itinere da un Direttivo così composto:

  • Direttore del Dipartimento (con funzione di project manager)
  • Direttore del Centro MaP (scelto dal Consiglio tra i docenti del Dipartimento)
  • Segretario del Dipartimento
  • 3 docenti del Dipartimento indicati dal Consiglio
  • 1 unità di personale tecnico-amministrativo in qualità di project assistant (reclutata sul progetto)

Last update: 21/06/2018