LETTERATURA FRANCESE 3 MOD. 1

Anno accademico 2016/2017 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese FRENCH LITERATURE 3 MOD.1
Codice insegnamento LT003L (AF:190562 AR:111160)
Modalità Convenzionale
Crediti formativi universitari 6
Livello laurea Laurea
Settore scientifico disciplinare L-LIN/03
Periodo I Semestre
Anno corso 3
Sede VENEZIA
Obiettivi Formativi
Evoluzione delle forme letterarie dal Rinascimento al Classicismo

Il modulo mira a fornire una conoscenza generale del contesto storico-culturale e della produzione letteraria del Cinquecento e del Seicento francesi, con particolare riguardo alla storia delle idee, al definirsi delle poetiche, all’evoluzione dei generi letterari e ad alcune opere maggiori.
Un obiettivo ulteriore consisterà nel fornire strumenti critici e metodologici atti a sviluppare capacità di lettura critica del fenomeno letterario e buone competenze nell'analisi testuale.
Le lezioni saranno tenute prevalentemente in francese, allo scopo di consolidare la preparazione linguistica.


Contenuti
Il corso traccerà le linee essenziali dei dibattiti filosofici, religiosi ed estetici che sottendono e attraversano la produzione letteraria francese del XVI e del XVII secolo, nei suoi legami con il contesto europeo. Lo studio dei caratteri salienti delle grandi correnti estetiche e delle forme poetiche, narrative e teatrali nella loro evoluzione si affiancherà ad alcuni approfondimenti su autori e opere di particolare rilievo. E' prevista l'analisi di alcuni passi tratti dalle opere in programma e di alcuni brani antologici.
Testi di riferimento
1. Parte istituzionale: riguarda lo studio, da parte dello studente, delle grandi linee della storia letteraria del Cinquecento e del Seicento.

Da: Histoire de la littérature française, éd. GF Flammarion:
a. volume XVe-XVIe siècles. De Villon à Ronsard, par Enea Balmas-Yves Giraud,: 1ère partie, chap. I-II-III ; 2e partie, pp. 91-154 ; 3e partie : Rabelais; Marguerite de Navarre; Maurice Scève (pp. 329-337); Ronsard; Du Bellay.

b. volume De Montaigne à Corneille, par Jacques Morel: 1e partie: Les grands événements; La vie de société; 3e partie: Montaigne, Corneille.

c. volume Le Classicisme, par R. Zuber-M. Cuénin: pp. 10-17; 95-103; 113-161; 201-213; La Fontaine, Molière; Boileau (solo le pp. 276-281); Racine.

Per il punto a., in alternativa: F. Lestringant, A. Tarrête, J. Rieu, Littérature française du XVIe siècle, Paris, PUF, coll “Premier cycle”, 2000: Ouverture générale; Le siècle de François Ier; La Renaissance lyonnaise; François Rabelais; L’époque Henri II et Charles IX; La Pléiade; Du Bellay; Ronsard; Le théâtre humaniste; L’époque Henri III; Montaigne.

2. Opere

- François Rabelais, Gargantua e Pantagruele, a cura di Lionello Sozzi, con testo francese a fronte a cura di Mireille Huchon, Milano, Bompiani, 2012 (Gargantua: Prologue de l’auteur, capitoli VI, VII, XIV-XV, XXII, LIII-LVII; Pantagruel: capitoli VIII, XXXII).
; si veda anche l’introduzione all’edizione « Folio classique » del Gargantua, a cura di Mireille Huchon (Gallimard, 2007).

- Una scelta di testi poetici (indicati nel corso delle lezioni) tratti da: Pierre de Ronsard, Les Amours; Joachim du Bellay, Les Regrets et Les Antiquités de Rome.

- Montaigne, Essais; edizione consigliata: Saggi, a cura di Fausta Garavini con testo francese a fronte a cura di André Tournon, Milano, Bompiani, 2012: Au lecteur; I, 26 (De l'institution des enfants); III, 13 (De l’expérience).

- Madame de Lafayette, La Princesse de Clèves.

- Molière, una commedia a scelta tra: Tartuffe e Le bourgeois gentilhomme.

- Racine, Phèdre.

I passi tratti da altre opere e analizzati a lezione e alcuni materiali di approfondimento saranno messi a disposizione tra i materiali I.S.A.

3. Approfondimento critico

- Erich Auerbach, Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale, Einaudi, vol. II, cap. I (Il mondo nella bocca di Pantagruele)
- Véronique Denizot commente les Amours de Ronsard, Gallimard, coll. “Foliothèque”, 2002, pp. 11-85.
- Francesco Fiorentino, Il teatro francese del Seicento, Bari, Laterza, 2008 (pp. 3-104).
- Jean Rousset, il saggio «La Princesse de Cleves», in Forme et signification, Paris, Corti, 1962.
- Daniela Dalla Valle, il saggio «Délivre l’univers d’un monstre qui t’irrite (Phèdre, II, 5, v. 701)», in Un verso di Racine, a cura di B. Papasogli, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2013 (fotocopie disponibili in portineria a Palazzo Cosulich).
- Leo Spitzer, il capitolo «Le récit de Théramène», in Leo Spitzer, Critica stilistica e semantica storica, Roma-Bari, Laterza, 1975.

Ulteriori indicazioni saranno fornite dalla docente durante il corso.
Modalità di esame
orale
Modalità di verifica dell'apprendimento
Si richiedono la conoscenza della storia letteraria del XVI secolo (ivi compresi i principali autori), la lettura diretta delle opere in programma e lo studio della bibliografia critica indicata durante il corso.
La verifica consiste in un colloquio orale prevalentemente in lingua francese che verificherà i contenuti del modulo e la conoscenza delle opere studiate con il supporto dei testi critici, nonché la conoscenza della storia letteraria del Cinquecento (tematiche, linee evolutive, principali autori).
Parte integrante dell’esame orale sarà l'analisi di un testo letterario attinente al programma, da svolgersi per iscritto alla fine delle lezioni. Il suo esito confluirà nella valutazione dell’orale.
Metodi didattici
Lezioni frontali, prevalentemente in francese. Sono previste conferenze di approfondimento.
Lingua di insegnamento
Altra lingua
Altro
Gli studenti che non potessero frequentare regolarmente le lezioni sono tenuti a mettersi in contatto con la docente all’inizio del corso per concordare un piano di lavoro individuale.
Sostenibilità
  • Dispense e materiali di approfondimento e di autovalutazione disponibili online; testi di riferimento in formato e-book