STORIA DELL'IRAN E DELL'ASIA CENTRALE

Anno accademico
2016/2017 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese
HISTORY OF IRAN AND CENTRAL ASIA
Codice insegnamento
LT6050 (AF:224994 AR:109018)
Modalità
In presenza
Crediti formativi universitari
6 su 18 di STORIA GENERALE DEL VICINO E MEDIO ORIENTE
Livello laurea
Laurea
Settore scientifico disciplinare
L-OR/10
Periodo
I Semestre
Anno corso
1
Sede
VENEZIA
Il modulo intende fornire allo studente un quadro di base degli avvenimenti che a partire dal sec. VI d.C. hanno condotto all'islamizzazione dell'Iran durante il califfato abbaside. Durante il corso saranno prese in esame (inquadramento storico - analisi delle forme del potere) le vicende che a partire dal tardo impero sasanide hanno condotto alla formazione del califfato, prima omayyade poi abbaside. Il corso proseguirà affrontando il periodo selgiuchide e l'eta mongola fino a giungere alla formazione dello stato safavide, alle soglie dell'età moderna. L'analisi generale delle vicende che hanno caratterizzato la storia dell'Iran dal XVIII al XX secolo chiuderà il corso. Un'introduzione alle problematiche caratterizzanti lo studio del mondo iranico fornirà gli strumenti necessari a collocare le tematiche proposte in una cornice storica critica.
Non sono richiesti prerequisiti specifici.
Per conseguire gli obiettivi del modulo si farà riferimento a parti dei saggi indicati in bibliografia, che saranno integrati da altro materiale fornito durante il corso. Il programma toccherà i seguenti punti:

1 - Geografia della regione iranica
2 - I sasanidi e l'eredità religiosa (zoroastrismo - manicheismo – buddismo – cristianesimo)
3 - Tappe della conquista araba e condizioni della regione iranica nel secolo omayyade
4 - La 'rivoluzione' abbaside – condizioni di compromesso con l'iranismo
5 - Il califfato abbaside (fondazione di Baghdad) e il movimento di traduzione
6 - Il califfato di Harun al-Rashid e problemi conseguenti.
7 - al-Ma'mun (apice e declino); al-Mutawakkil e gli schiavi-militari
8 - ultimo periodo del califfato indipendente (le dinastie indipendenti nell'oriente) e il grande emirato (935); i buidi (945-1055)
9 - gli oghuz e il grande sultanato selgiuchide
10 - fine del grande sultanato; l'impero del khwarazmshah e le prime incursioni mongole
11 - il periodo ilkhanide. L'Iran dei muzaffaridi e dei jalayridi. I khan chaghatay e l'eredità mongola in Asia Centrale
12 - l'età di Tamerlano e I timuridi.
13- L'Iran safavide
14 - L'invasione afghana e Nader Shah – formazione dell'Afghanistan – Karim Khan-e Zand
15 – I qajar e l'intervento europeo nell'area – la rivoluzione costituzionale – Reza Khan (poi Reza Shah) – la seconda guerra mondiale e la destituzione di Reza Shah - Mohammad Reza Pahlevi e la rivoluzione iraniana – Fine del regno di Zahir Shah in Afghanistan
Testi obbligatori:

B. Scarcia Amoretti, Il mondo musulmano, Carocci, Roma, 2013 (2a ed.): Cap. 1, Cap. 3 (3.1, 3.2, 3.3, 3.4), Cap. 4 (4.1, 4.2, 4.4), Cap. 5 (5.1, 5.3), Cap. 6 (6.1, 6.2, 6.3), Cap. 7 (7.1, 7.4, 7.5).

M. Bernardini, Il mondo iranico e turco (Storia del mondo islamico, VII-XVI secolo. Vol. II), Einaudi, Torino, 2003:
Capp. I, II, III, IV, VII.

Silvio Marconi, Il giardino-paradiso. iVersanti, Roma, 2000: pp. 19-58.

----------------

Testi di approfondimento:

H. Kennedy, The Prophet and the Age of the Caliphates, Pearson Education, 1986.

D. Morgan, Medieval Persia 1040-1797, Pearson Education, 1988.

A. Bausani, I Persiani, Sansoni, Firenze, 1962.

Sulla geografia dell'area iranico-centrasiatica:

Cambridge History of Iran – vol I

Su Iran e Afghanistan contemporanei:

R. Redaelli, L'Iran contemporaneo. Roma: Carocci, 2009.

C. Degli Abbati, O. Roy, Afghanistan: l'islam afghano dalla tradizione alla radicalizzazione talibana. Genova: AGIC, 2002.

Altri materiali saranno indicati durante il corso.

scritto
Metodo didattico convenzionale (lezione frontale).
Italiano
Lo studente non frequentante è pregato di prendere contatto con il docente nelle ore di ricevimento o tramite e-mail.

La prova scritta prevede un test di dieci domande a risposta multipla da selezionare con crocetta e due domande aperte. La valutazione della prova consiste in 3 punti per ogni risposta corretta per le dieci domande a risposta multipla (tot. 30 punti) e in un massimo di 30 punti per ciascuna delle due domande aperte (tot. 30 + 30 = 60 punti). Per superare l'esame lo studente dovrà superare la soglia minima di 18 punti in ciascuna delle tre sezioni.