ESTETICA II

Anno accademico
2017/2018 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese
AESTHETIC I I
Codice insegnamento
FT0281 (AF:250333 AR:144318)
Modalità
In presenza
Crediti formativi universitari
6
Livello laurea
Laurea
Settore scientifico disciplinare
M-FIL/04
Periodo
2° Periodo
Anno corso
3
Conoscenza e capacità di comprensione: Obiettivo del corso è fornire conoscenze e strumenti concettuali per comprendere alcuni dei testi filosofici centrali nella formulazione della categoria del genio e del suo sviluppo storico nell'ambito dell'estetica filosofica.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate: Gli studenti dovrebbero acquisire la capacità di orientarsi autonomamente nei testi filosofici e di usare in maniera consapevole i concetti fondamentali introdotti, di articolare le ragioni che li sostengono.
Autonomia di giudizio: L'insegnamento si prefigge di fornire gli strumenti per una considerazione critica delle varie implicazioni del concetto di genio, nonché dei suoi usi correnti. Alla fine del corso gli studenti dovrebbero acquisire le abilità comunicative richieste per ricostruire i termini principali della questione con consapevolezza critica e autonomia di giudizio.

Per sostenere l'esame di Estetica II è necessario aver superato la prova scritta del corso di Estetica I.

Che ne è del genio nell'epoca della sua riproducibilità economica e finanziaria?
Il corso si propone di illustrare alcune tappe fondamentali della storia del concetto di genio, individuando i momenti cruciali nella elaborazione di questa categoria nell'ambito dell'estetica filosofica. Da Hamann a Kant, da Schopenhauer a Nietzsche fino a Kandinsky, si considereranno alcuni tratti di una ideologia dell'artista creatore, tanto influente nelle arti visive, nella produzione musicale e in letteratura, e cui ancora oggi si fa largo ricorso nei campi più disparati. Saranno messe in luce le implicazioni problematiche di questa categoria e si accennerà anche a tradizioni diverse di riflessione sulla produzione artistica e sul suo ruolo.
Le lezioni verteranno sui testi seguenti:
Kant, Critica del giudizio, paragrafi 46, 47, 48, 49, 50.
Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, Libro I (paragrafi 1, 2, 3, 5, 6, 9, 11, 12), Libro II (paragrafi 17, 18, 19, 20, 21, 22), Libro III (paragrafi 30, 31, 32, 34, 36, 37, 38, 52)
Nietzsche, La nascita della tragedia, paragrafi 1-16
Nietzsche, Umano troppo umano, volume primo, parte quarta "Dell'anima degli artisti e degli scrittori"
Nietzsche, Al di là del bene e del male, capitolo primo "Dei pregiudizi dei filosofi"
Kandinsky, Lo spirituale nell'arte

Per l'esame si dovranno preparare i testi o le parti dei testi elencati.
Ulteriori testi di riferimento, che non sono inclusi nel programma d'esame, sono i seguenti:

J.S.Clegg, On Genius. Affirmation and Denial from Schopenhauer to Wittgenstein, Peter Lang, New York, Washington et alii 1994
R.Dreon, Crisi di un mito e nuove possibilità, in La società degli individui, n.53, XVIII, 2015/2, pp.85-97.
J.Schmidt, Die Geschichte des Genie-Gedankens 1750-1945, Band 1, Wissenschaftlichen Buchgesellschaft, Darmstadt 1985.
orale
L'esame orale consiste in domande aperte sui testi di Kant, Schopenhauer, Nietzsche, Kandinsky, menzionati sopra.
La prova valuterà se gli studenti hanno acquisito le conoscenze fornite dal corso, le capacità argomentative maturate dagli studenti, la loro abilità di comunicarle con consapevolezza critica.
Didattica frontale.
Lettura dei testi.
Italiano
Gli studenti che non possono frequentare il corso, dovranno leggere l'articolo di Dreon sul concetto di genio menzionato in precedenza. Per indicazioni specifiche contattare la docente
  • CFU sostenibili: 6
Data ultima modifica programma: 09/08/2017