FONTI E METODI PER LA STORIA MEDIEVALE SP.

Anno accademico 2018/2019 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese SOURCES AND METHODS FOR MEDIEVAL HISTORY
Codice insegnamento FM0403 (AF:274257 AR:158280)
Modalità In presenza
Crediti formativi universitari 6
Livello laurea Laurea magistrale (DM270)
Settore scientifico disciplinare M-STO/01
Periodo II Semestre
Sede VENEZIA
Spazio Moodle Link allo spazio del corso
Inquadramento dell'insegnamento nel percorso del corso di studio
L'insegnamento è una delle attività formative caratterizzanti del corso di laurea in Storia dal medioevo all'età contemporanea e fornisce gli strumenti metodologici di analisi delle fonti storiche. Gli obiettivi dell'insegnamento sono: fornire una conoscenza approfondita di diverse tipologie di fonti utilizzate nella ricerca medievistica; costruire la necessaria consapevolezza dei problemi metodologici e pratici legati all’uso delle fonti documentarie; acquisire, attraverso esercitazioni individuali, la capacita di utilizzare le fonti documentarie per condurre una ricerca di storia medievale. Il corso intende inoltre fornire agli studenti una conoscenza approfondita dei più recenti temi della ricerca medievistica, consolidando la loro autonomia di giudizio soprattutto nella selezione delle fonti più significative.
Risultati di apprendimento attesi
Al termine del corso gli studenti
1.- avranno acquisito una conoscenza approfondita dei protagonisti e della forme della produzione documentaria medievale, delle fondamentali tipologie documentarie, dei
nessi tra gli sviluppi politici e sociali e le fonti scritte (conoscenza e comprensione);
- avranno acquisito una conoscenza approfondita degli sviluppi istituzionali dei principali comuni italiani e del loro rapporto con la produzione documentaria coeva e saranno in grado di analizzare criticamente i diversi temi storiografici collegati (conoscenza e comprensione);
2. - saranno in grado di individuare e utilizzare criticamente le fonti scritte relative al periodo e al tema studiato per svolgere una ricerca autonoma (capacità di applicare conoscenze e comprensione);
- saranno in grado di stabilire collegamenti tra i diversi ambiti della produzione storiografica medievistica in riferimento al tema studiato (capacità di applicare conoscenze e comprensione);
3. - saranno in grado di valutare in modo adeguato e di esprimere giudizi sulle fonti analizzate a lezione (capacità di giudizio);
4. - avranno acquisito la capacità di esporre criticamente e con un lessico specialistico i risultati della propria ricerca (Abilità comunicative);
5. - saranno in grado di comprendere a fondo la complessità delle evoluzioni storiche (capacità di apprendimento).
Prerequisiti
La conoscenza anche solo elementare del latino è utile ma non indispensabile.
Contenuti
Il comune italiano: aspetti istituzionali e problemi organizzativi.
Testi di riferimento
Studenti frequentanti:
1) appunti e materiali forniti durante le lezioni;
2) P. Cammarosano, Italia medievale. Struttura e geografia delle fonti scritte, Roma, La Nuova Italia Scientifica (NIS) 1991, o Carocci, 1998;
3) G. Milani, I comuni italiani: XII-XIV secolo, Roma-Bari, Laterza, 2007 (o ediz. successive; ediz. digitale 2015);
4) F. Menant, L'Italia dei comuni (1100-1350), Roma, Viella, 2011 o, in alternativa, C. Wickham, Sonnambuli verso un nuovo mondo. L'affermazione dei comuni italiani nel XII secolo, Roma, Viella, 2017.
Ulteriori indicazioni saranno fornite durante il corso.

Studenti non frequentanti:
1) P. Cammarosano, Italia medievale. Struttura e geografia delle fonti scritte, Roma, La Nuova Italia Scientifica (NIS) 1991, o Carocci, 1998;
2) G. Milani, I comuni italiani: XII-XIV secolo, Roma-Bari, Laterza, 2007 (o ediz. successive; ediz. digitale 2015);
3) F. Menant, L'Italia dei comuni (1100-1350), Roma, Viella, 2011 o, in alternativa, C. Wickham, Sonnambuli verso un nuovo mondo. L'affermazione dei comuni italiani nel XII secolo, Roma, Viella, 2017;
4) uno o due testi da concordare con la docente dopo aver scelto l’argomento dell’elaborato.
Si consiglia vivamente la lettura di P. Cammarosano, Guida allo studio della storia medievale, Roma-Bari, Laterza, 2004.
Modalità di verifica dell'apprendimento
Scritto e orale. L'esame consiste, per tutti gli studenti, nella preparazione di una ricerca individuale condotta sulle fonti, su un argomento concordato con la docente. Gli elaborati saranno discussi in classe e presentati all'esame finale. La valutazione terrà conto della capacità di comunicare i temi e i risultati del progetto di ricerca individuale, la capacità di studiare autonomamente e di individuare e condurre autonomamente un progetto di ricerca.

Gli studenti non frequentanti dovranno concordare con la docente l'argomento dell'elaborato e dovranno esporre il proprio elaborato in classe durante le ultime lezioni. E' quindi necessario che prendano contatto con la docente entro le prime due settimane di lezione.
Metodi didattici
Lezioni di carattere seminariale. Si alterneranno lezioni frontali, esercitazioni di lettura e esegesi dei documenti, discussioni di testi e di paper degli studenti. E' richiesta la partecipazione attiva durante le lezioni attraverso l'esposizione e la discussione di letture concordate. Nel corso delle prime lezioni si individueranno gli argomenti su cui gli studenti scriveranno il loro paper. Tutti gli studenti, compresi i non frequentanti, dovranno preparare un paper e presentarlo in classe.
Lingua di insegnamento
Italiano
Altre informazioni
Anche se non obbligatoria, la frequenza alle lezioni è vivamente consigliata.
Modalità di esame
scritto e orale
Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile

Questo insegnamento tratta argomenti connessi alla macroarea "Capitale umano, salute, educazione" e concorre alla realizzazione dei relativi obiettivi ONU dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile

Programma definitivo.
Data ultima modifica programma
02/07/2018