FUNARI Stefania

Position
Associate Professor
Telephone
041 234 6956
E-mail
funari@unive.it
Fax
041 234 7444
Scientific sector (SSD)
METODI MATEMATICI DELL'ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE [SECS-S/06]
Website
www.unive.it/persone/funari (personal record)
Office
Department of Management
Website: https://www.unive.it/dep.management
Where: San Giobbe
Research Institute
Research Institute for Digital and Cultural Heritage

Dati relazione

Periodo di riferimento
01/01/2018 - 01/01/2021
Afferenza
Dipartimento di Management
Ruolo
Professore associato
A.A.InsegnamentoCodice VotoVoto medio area
2017/2018ASTE E INVESTIMENTI NEL MERCATO DELL'ARTEEM3E083.43.1
2017/2018MATEMATICAET00453.33.1
2017/2018MATEMATICA PER L'ARTE E L'ECONOMIAFT1E0833.3
2017/2018METODI QUANTITATIVI PER L'ECONOMIA DELL'ARTEEM3E053.33.1
2018/2019ASTE E INVESTIMENTI NEL MERCATO DELL'ARTEEM3E083.33.1
2018/2019MATEMATICAET00453.53.1
2018/2019MATEMATICA PER L'ARTE E L'ECONOMIAFT1E082.93.3
2018/2019METODI QUANTITATIVI PER L'ECONOMIA DELL'ARTEEM3E053.43.1
2019/2020ASTE E INVESTIMENTI NEL MERCATO DELL'ARTEEM3E088.47.6
2019/2020METODI QUANTITATIVI PER L'ECONOMIA DELL'ARTEEM3E058.17.6
Anno solareTipologiaTesi RelatoreTesi Correlatore
2018Corso di laurea2
2018Corso di laurea magistrale910
2019Corso di laurea magistrale97
2020Corso di laurea2
2020Corso di laurea magistrale1011
  • DEA models for mutual fund performance evaluation
  • Data envelopment analysis (DEA) and Balanced scorecard (BSC) to measure the performance of museums
  • Data envelopment analysis (DEA) methodology and multicriteria techniques
  • Ethical finance and Socially responsible investment funds
  • Evaluation of the academic activity
  • Multicriteria approaches for creditworthiness evaluation
  • Optimal control problems for maximizing advertising efficiency
  • Performance measurement of cultural organizations
  • Marco Corazza, Giovanni Fasano, Stefania Funari, Riccardo Gusso (2021), MURAME parameter setting for creditworthiness evaluation: data-driven optimization in DECISIONS IN ECONOMICS AND FINANCE, vol. 44, pp. 295-339 (ISSN 1593-8883) (Articolo su rivista)
  • Antonella, Basso; Stefania, Funari (2020), A three-system approach that integrates DEA, BSC, and AHP for museum evaluation in DECISIONS IN ECONOMICS AND FINANCE, vol. 43, pp. 413-441 (ISSN 1593-8883) (Articolo su rivista)
  • Basso Antonella; Funari Stefania (2020), DEA-BSC and Diamond Performance to Support Museum Management in MATHEMATICS, vol. 8, pp. 1-20 (ISSN 2227-7390) (Articolo su rivista)
  • (a cura di) Barro, Diana; Igor Bykadorov; Corazza, Marco; Fasano Giovanni; Ferretti, Paola; Funari, Stefania; Nardon, Martina (2019), MATHEMATICAL METHODS IN ECONOMICS AND FINANCE in Barro, Diana; Igor Bykadorov; Corazza Marco; Fasano Giovanni; Ferretti, Paola; Funari Stefania; Nardon Martina in MATHEMATICAL METHODS IN ECONOMICS AND FINANCE, Venezia, Dipartimento di Economia, Università di Venezia, vol. 11/12 (ISSN 1971-6419) (Curatela)
  • Basso, Antonella; Casarin, Francesco; Funari, Stefania (2018), How well is the museum performing? A joint use of DEA and BSC to measure the performance of museums in OMEGA, vol. 81, pp. 67-84 (ISSN 0305-0483) (Articolo su rivista)
  • Antonella Basso, Stefania Funari (2018), Introducing Weights Restrictions in Data Envelopment Analysis Models for Mutual Funds in MATHEMATICS, vol. 16, pp. 1-24 (ISSN 2227-7390) (Articolo su rivista)
L'attività di ricerca si è principalmente concentrata sulle seguenti tematiche:

1.Valutazione della performance di fondi comuni di investimento tramite modelli DEA con restrizioni sui pesi.

Nel lavoro di ricerca si sono studiati gli effetti dell’introduzione di restrizioni sui pesi associati alle variabili di input e output in modelli DEA per la valutazione della performance di fondi comuni di investimento. Si sono in particolare considerate tre tipologie di restrizioni sui pesi: restrizioni sui pesi virtuali con vincoli su tutte le unità decisionali, restrizioni sui pesi virtuali con vincoli solo sull'unità target, restrizioni sui rapporti tra i pesi, con vincoli di tipo Assurance Region. I modelli proposti, che sono stati formulati come modelli DEA di tipo output-oriented con restrizioni sui pesi, sono stati applicati ad un insieme di 312 fondi comuni di investimento europei, con lo scopo di confrontare i risultati, in termini di performance dei fondi, ottenuti con le tre diverse tipologie di restrizione. Per ciascuna tipologia di restrizione, si sono analizzati gli effetti sui valori ottenuti dall’indice di performance DEA quando i vincoli sulle variabili diventano più stringenti. Si è inoltre fornita una rappresentazione matriciale unificata delle tre tipologie di restrizione dei pesi.

2.Modello a due stadi per la valutazione della performance di organizzazioni museali, basato sull'integrazione delle metodologie DEA (Data Envelopment Analysis) e BSC (Balanced Scorecard).

La ricerca si è concentrata sulla progettazione di un modello per la misurazione della performance di organizzazioni culturali, nello specifico museali, che consenta di prendere in considerazione l'efficienza dei diversi aspetti delle attività museali. Nel modello proposto, che costituisce una delle prime esperienze di integrazione DEA-BSC per i musei, si sono utilizzate in modo integrato due metodologie impiegate solitamente in settori diversi, la Balanced Scorecard e la metodologia Data Envelopment Analysis, in modo da sfruttare le potenzialità di entrambi i metodi nell’analisi della performance museale. Il modello è organizzato in due stadi. Nel primo stadio viene costruito un indicatore di efficienza DEA per ogni prospettiva BSC, applicando uno schema di Balanced Scorecard specificamente concepito per le organizzazioni museali, in cui sono state selezionate opportune variabili di input e output. Ad esempio, al fine di tenere in considerazione anche le attività perseguite dai musei in tema di sostenibilità, si è costruito un indicatore di sostenibilità per le istituzioni museali, che è stato incluso fra le variabili di output del modello dedicato alla prospettiva “innovation and learning”. Nel secondo stadio del modello di valutazione, si è definito un ulteriore modello DEA che combina i punteggi di efficienza DEA ottenuti al primo stadio nelle singole prospettive BSC, in un indicatore di performance complessivo. Per ciascun stadio del modello di valutazione, i modelli DEA proposti sono di tipo output oriented, a rendimenti di scala variabili e con restrizioni sui pesi virtuali associati alle sole variabili di output. Come studio empirico si è considerato il caso dei musei gestiti dalla Fondazione Musei Civici di Venezia.

3.DEA-BSC e misura di performance “diamond”.

A partire dallo studio effettuato sull’integrazione dei metodi DEA-BSC per la misurazione della performance dei musei, in questa ricerca si propone un modello DEA-BSC a due stadi in cui i problemi di ottimizzazione DEA hanno una struttura più semplice, in quanto non considerano restrizioni sui pesi. Se da un lato tali modelli hanno il vantaggio di avere una struttura maggiormente comunicabile al management museale, d’altro lato possono avere un basso potere di discriminare tra le decision making units, specialmente qualora tali modelli siano applicati per valutare la performance di un numero esiguo di unità decisionali, come nel caso studiato dei musei gestiti dalla Fondazione Muve. Per affrontare il problema del basso potere discriminante, si propongono in questa ricerca alcuni approcci alternativi al modello di base DEA impiegato al secondo stadio. Un approccio consiste nel costruire al secondo stadio un indicatore di performance basato su modelli di super-efficienza, introdotti in letteratura proprio per meglio discriminare tra le unità decisionali di cui si vuole misurare la performance. Un altro approccio consiste nel costruire una misura di “efficienza diamond”, il cui nome ricorda la particolare rappresentazione geometrica utilizzata per la sua costruzione, in cui si considerano aree di figure geometriche ottenute rappresentando in grafici radar i punteggi di efficienza associati alle quattro prospettive BSC e determinati nel primo stadio del modello di valutazione. Si confrontano in particolare le proprietà della misura di “efficienza diamond” con la misura di efficienza calcolata come media pesata dei punteggi ottenuti nel primo stadio in corrispondenza delle quattro prospettive BSC.

4.Un approccio a tre sistemi DEA-BSC e AHP per la valutazione della performance.

L'attività di ricerca è proseguita tramite l’esplorazione di approcci atti ad estendere il modello di valutazione a due stadi DEA-BSC sviluppato in precedenza, in modo che nel processo di valutazione della performance museale si tenga in considerazione il giudizio di alcuni esperti sull'importanza relativa delle diverse prospettive BSC. A questo scopo si è proposto di utilizzare la metodologia Analytic Hierarchy Process (AHP) nel secondo stadio del modello DEA-BSC. Nel lavoro di ricerca si discutono due approcci di integrazione del metodo AHP nel modello di valutazione, entrambi basati sull’esplicitazione delle preferenze da parte degli esperti operanti nel settore museale. Nel primo approccio, i pesi derivati dal giudizio degli esperti vengono utilizzati per costruire al secondo stadio un indicatore globale di performance tramite aggregazione dei punteggi di performance ottenuti al primo stadio, senza quindi la necessità di ricorrere all’implementazione di un ulteriore modello DEA al secondo stadio. Tuttavia lo studio evidenzia come, nel caso in cui si desideri tenere in considerazione le preferenze espresse da un gruppo di esperti, possa emergere il problema della dispersione delle preferenze, che potrebbe incidere sulla possibilità di pervenire ad una preferenza di gruppo rappresentativa delle preferenze individuali. Ed effettivamente, l’analisi svolta sui musei civici veneziani, conferma tale situazione. In questi casi lo studio esplora i vantaggi di impiegare un secondo approccio che è stato proposto e che consiste nell'utilizzare comunque l’informazione derivante dai giudizi degli esperti dei musei, ma indirettamente tramite la fissazione di opportune restrizioni sui pesi delle variabili di output del modello DEA formulato al secondo stadio.

L'attività svolta nell'ambito delle linee di ricerca 1)-4) ha dato luogo alle pubblicazioni menzionate nell'apposita sede di questa relazione. Tra gli obiettivi futuri si intende approfondire la ricerca in tema di finanza socialmente responsabile, tramite l'adozione di metodi MCDM per l'integrazione delle preferenze sui fattori ESG in modelli di valutazione della performance degli investimenti. Si intende anche proseguire le ricerche in corso sui modelli quantitativi per la valutazione di organizzazioni culturali, concentrandosi in particolare sulle principali fiere internazionali e si intendono sviluppare modelli di ottimizzazione di portafoglio che tengano conto delle specificità dell'investimento nel mercato dell’arte.
Premialità ricerca, anno 2018, su fondi del progetto di eccellenza del Dipartimento di Management per l’articolo: Basso A., Casarin F., Funari S.: “How well is the museum performing? A joint use of DEA and BSC to measure the performance of museums”, OMEGA, vol. 81, pp. 67-84.

Inclusione più volte nella "SSRN's Top Ten download list" per: DecisionSciRN: Data Envelopment Analysis, Ethical Decision Making, Multi-Criteria Decision-Making Methods, Stock Market Decision-Making.

Premialità didattica, anno 2020, I semestre a.a.2020-21, su fondi del progetto di eccellenza del Dipartimento di Management, per il progetto PrIMa (Progetto Innovativo Matematica), presentato al DMA da A.Ellero, D.Favaretto, S.Funari, M.Tolotti.
"A two-stage DEA-BSC model for museum evaluation with proportional virtual weight restrictions", DEA40: International conference of Data Envelopment Analysis, April, 16–18, 2018.
"Efficient decision-making of art galleries at Art Basel fairs", AIMAC 2019, 15th International Conference on Arts and Cultural Management, June, 23-26, 2019.
"A three-system approach that integrates DEA, BSC and AHP for museum evaluation", AIMAC 2019, 15th International Conference on Arts and Cultural Management, June, 23-26, 2019.
Attività di peer-review di articoli scientifici sottomessi a riviste:
Computers & Operations Research.
Journal of Cultural Economics.
European Journal of Operational Research.
Annals of Operations Research.

Attività di peer-review di articoli scientifici sottomessi ai convegni:
15th International Conference on "Arts and Cultural Management", 2019.
18th International Conference on "Mathematical Optimization Theory and Operations Research" (MOTOR), 2019.
X International Conference on "Optimization and Applications" (OPTIMA), 2019.
9th International Conference on "Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance" (MAF), 2020.
19th International Conference on "Mathematical Optimization Theory and Operations Research" (MOTOR), 2020.
Lezioni e coordinamento delle attività del laboratorio propedeutico alla tesi di laurea-Corso di LT in Conservazione e gestione dei beni e delle attività culturali-Curriculum Egart, due cicli all'anno, per ciascuno dei tre anni
considerati nella relazione e relativa verbalizzazione delle idoneità.
In tutto il triennio di riferimento:

Membro del COMITATO RICERCA del Dipartimento di Management e referente di settore per la ricerca (SECS-S/06, SECS-S/01, SECS-S/03) all'interno del comitato.

Referente per l'Accessibilità, disabilità e inclusione, Dipartimento di
Management.
Partecipazione, internamente al Comitato Ricerca, alle attività di valutazione per l'assegnazione ADIR per gli anni del triennio di riferimento.
Membro del Collegio Didattico del corso di laurea triennale in Conservazione e
gestione dei beni e delle attività culturali e referente del Curriculum
Egart nel collegio didattico, per tutto il triennio considerato nella relazione (fino a novembre 2020).

Membro del Comitato di indirizzo, per la consultazione delle parti sociali, dei CdS Conservazione e gestione dei Beni e delle Attività Culturali (Laurea Triennale) ed Economia e gestione delle arti e delle attività culturali (Laurea Magistrale), Dipartimento di Filosofia e Beni culturali, per tutto il triennio considerato nella relazione.

Membro del Collegio Didattico del corso di laurea magistrale in Economia e gestione delle arti e delle attività culturali e membro del gruppo Assicurazione della Qualità, da novembre 2020.

Membro della Commissione per il conferimento di insegnamenti nei corsi di studio a.a. 2017-18, Dipartimento DFBC (Rif. bando rep. 1021 prot. 58297 del 07/12/2017).
Membro della Commissione per il conferimento di incarichi di corsi integrativi a.a. 2018-19, Dipartimento DFBC (rif. bando rep. 666 prot. 38380 del 03/07/2018).
Membro della Commissione per il conferimento di insegnamenti nei corsi di studio a.a. 2019-20, Dipartimento DFBC (rif. bando rep. 561 prot. 33016 del 07/06/2019).
Membro della Commissione per l'individuazione di una risorsa a supporto della ricerca, Dipartimento di Management (rif. bando prot. 42374, rep 587 del 18/07/2019).
Membro della Commissione per la selezione di Teaching Assistant Senior, Dipartimento DFBC (rif. 1053 prot. 69472 del 25/11/2019).
Membro della Commissione giudicatrice per l'assegnazione di incarichi di insegnamenti a.a. 2019-20, Dipartimento DFBC (rif. bando rep. 1134 prot. 73763 del 09/12/2019).
Membro della Commissione per il conferimento di incarichi di insegnamenti e corsi integrativi a.a. 2020-21 (rif. bando rep. 473 prot. 30666 del 17/06/2020 e bando rep. 478 prot. 30671 del 17/06/2020).
Con riferimento al solo a.a. 2018-19: Numero totale iscritti agli esami: 1.304, Esiti inseriti in esse3: 1.068.

Causa congedo per malattia dal 10/09/2019 al 25/11/2019 si sono tenuti 2 corsi nell'a.a 2019-20.