TAMMA Michele

Qualifica Professore Associato
Telefono 041 234 8709
E-mail tamma@unive.it
Fax 041 234 8701
Sito web www.unive.it/persone/tamma (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Management
Sito web struttura: http://www.unive.it/management
Sede: San Giobbe

Dati relazione

Periodo di riferimento 01/11/2015 - 31/10/2018
Afferenza Dipartimento di Management
Ruolo Professori associati

Attività didattica

A.A.InsegnamentoCodice Voto (max 4)Voto medio area (max 4)
2015/2016GESTIONE E MARKETING DELLE AZIENDE TURISTICHEET00723.33.1
2015/2016GOVERNO DELLE ORGANIZZAZIONI CULTURALIEM3E032.83.1
2015/2016MARKETING DEL TURISMOEM90202.73.1
2015/2016STRATEGIE D'IMPRESA AVANZATOEM60112.53.1
2016/2017GESTIONE E MARKETING DELLE AZIENDE TURISTICHEET00723.43.1
2016/2017GOVERNO DELLE ORGANIZZAZIONI CULTURALIEM3E032.13.1
2016/2017MARKETING DEL TURISMOEM90202.83.1
2016/2017STRATEGIE D'IMPRESA AVANZATOEM60112.23.1
2017/2018GESTIONE E MARKETING DELLE AZIENDE TURISTICHEET00723.13.1
2017/2018GOVERNO DELLE ORGANIZZAZIONI CULTURALIEM3E032.73.1
2017/2018MARKETING DEL TURISMOEM90202.63.1
2017/2018STRATEGIE D'IMPRESA AVANZATOEM60112.33.1

Tesi

Anno solareTipologiaTesi RelatoreTesi Correlatore
2015Corso di laurea1
2015Corso di laurea magistrale510
2016Corso di laurea4
2016Corso di laurea magistrale714
2017Corso di laurea1
2017Corso di laurea magistrale53

Finanziamenti

  • Industria Cultura Creativa e Sviluppo - Progetto ICCS
  • Rigenerazione urbana e competitività del territorio tramite l’innovazione sociale, le industrie creative e l’imprenditorialità culturale - Industrie creative: sostenibilità, innovazione e valorizzazione competitiva dei saperi tradizionali.
  • Robotica e intelligenza artificiale per l'innovazione nei processi: una sperimentazione nell'ambito dei business dell'ospitalità

Ricerche sviluppate e in corso

  • Creative industries e culture-based business: tradizione e innovazione nella Ristorazione "di Qualità"
  • Culture-based products: integrazione delle strategie commerciali e culturali
  • Diritti culturali, patrimonializzazione e sostenibilità
  • Europa della cultura: creare valore tra differenziazione e condivisione
  • Impatti delle produzioni culturali e neo-imprenditorialità culturale per la crescita sostenibile dell’economia veneziana
  • Pratiche di co-produzione tra istituzioni musei e culture-based companies
  • Robotica e intelligenza artificiale per l'innovazione nei processi nell'ambito dei servizi: sperimentazione nell'ambito dell'ospitalità
  • Strategia e governance nelle destinazioni turistiche
  • Sviluppo strategico delle organizzazioni culturali
  • Trasformazione digitale e profilo strategico nell'ambito dei Musei e dei Sistemi Museali
  • Valorizzazione e sostenibilità del patrimonio artistico religioso

Pubblicazioni realizzate nel triennio

  • Artico, Chiara Isadora; Tamma, Michele (2017), Culture-Based Products: Integrating Cultural and Commercial Strategies , Entrepreneurship in Culture and Creative Industries. Perspectives from Companies and Regions, Springer, Cham, pp. 11-23 (ISBN 978-3-319-65505-5; 978-3-319-65506-2) (Articolo su libro)
  • Tamma, Michele; Sartori, Rita (2017), Religious Heritage: Sharing and Integrating Values, Fruition, Resources, Responsibilities in Michele Tamma; Rita Sartori, Cultural Heritage. Scenarios 2015-2017 in SAPERE L'EUROPA, SAPERE D'EUROPA, venezia, Edizioni Ca' Foscari - Digital Publishing, vol. 4, pp. 557-572 (ISBN 978-88-6969-225-3; 978-88-6969-179-9) (ISSN 2611-0040) (Articolo su libro)
  • Michele, Tamma (2017), Religious heritage: la ricerca di tutela e valorizzazione sostenibili , Luoghi dell'anima, anime in cammino. Riflessioni su eredità culturale e turismo religioso in TURISMO, CONSUMI, TEMPO LIBERO, Franco Angeli, pp. 42-50 (ISBN 9788891757456) (Articolo su libro)
  • Warglien, Massimo; Tamma, Michele; Moretti, Andrea (2016), Un ricordo di Maurizio Rispoli in SINERGIE, vol. 34, pp. 11-15 (ISSN 0393-5108) (Articolo su rivista)
  • Tamma, M. (2016), Goods and services, that is, products in SINERGIE, vol. 34, pp. 203-219 (ISSN 0393-5108) (Traduzione in Rivista)
  • Tamma, Michele (2015), Diritti culturali, patrimonializzazione, sostenibilità in Zagato, Lauso; Marilena Vecco, Citizens of Europe. Culture e Diritti, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing, vol. 3, pp. 479-495 (ISBN 978-88-6969-052-5) (Articolo su libro)
  • Tamma, Michele; Artico, Chiara Isadora (2015), Co-production practices between museums and culture-based companies in WORKING PAPER SERIES, vol. 10/20125 (ISSN 2239-2734) (Working paper)
  • Artico, Chiara Isadora; Tamma, Michele (2015), Culture-based products: Integrating cultural and commercial strategies. Cases from the luxury perfumery industry in WORKING PAPER SERIES, Università Ca’ Foscari Venezia. Dipartimento di Management, vol. 7/2015 (ISSN 2239-2734) (Working paper)

Descrizione dell'attività di ricerca svolta nel triennio e gli obiettivi futuri

Culture-based Business: si è proseguita la ricerca nell'ambito delle Culture and Creative Industries, in particolare nel settore del Vetro Artistico e della Ristorazione di Qualità:

Vetro Artistico
Per ciò che concerne il Vetro Artistico, si sono approfonditi, i temi dell'innovazione, sostenibilità e valorizzazione dei saperi tradizionali nell'ambito di Murano.
Beneficiando di un contatto stretto con il Consorzio Promovetro, e anche di un assegno FSE: si sono raccolti ed elaborati dati provenienti da diversi fonti e di studi precedenti effettuati da altri soggetti (università, centri studi e ricerche); si è stretto un rapporto di collaborazione con Camera di Commercio di Venezia Rovigo e Delta Lagunare (con la quale in occasione di questa ricerca si è stipulata apposita convenzione), che ha permesso di utilizzare banche dati quali i Certificati di Origine e il Registro Imprese; si è costruito un database attraverso un'indagine on-line presso i produttori di vetro artistico della provincia di Venezia, volto ad individuare e descrivere la presenza ed evoluzione di diversi business models, in particolare fra le imprese muranesi. Gli esiti delle prime risultanze di ricerca sono stati presentati in occasione della settimana Glass Week, settembre 2017, all'incontro “Vetro & Murano: dialoghi per un futuro imprenditoriale tra cultura, tradizione e innovazione”.

Successivamente l'indagine si è allargata sul fronte della domanda, concentrandosi sulla "Percezione del Vetro Artistico di Murano e del suo Marchio da parte dei visitatori di Venezia italiani e stranieri". La ricerca, che sta tutt'ora proseguendo, ha indagato su termini e significati che esprimono il vetro e le sue narrative, dapprima utilizzando approcci di text mining su un set di materiali di stampa e web, selezionati tra i maggiormente significativi, ed in seguito organizzando, con la collaborazione di AVM - VE.la spa, una survey online volta ad indagare termini e singificati presso i visitatori di Venezia. Le risultanze di una prima tranche di indagine sui visitatori italiani dell'estate 2018 sono stati presentati in un incontro pubblico della seconda edizione di Glass Week in settembre.

Entrambe le direttrici di ricerca, sulla domanda e sull'offerta, sono tutt'ora in fase di consolidamento e sviluppo. L'obbettivo è di giungere a delle pubblicazioni nell'ambito del dibattito sulle industrie culturali e creative.


Ristorazione "di Qualità"
Per ciò che concerne la Ristorazione "di Qualità", si è costruito un approccio di ricerca per indagare l'evoluzione delle forme di offerta che pongono al centro la valorizzazione di tradizioni e saperi, anche rigenerandole attraverso l'innovazione. Si è proposto quindi di studiare anche determinate forme di ristorazione quali culture-based business. Grazie alla collaborazione con la Delegazione di Venezia Mestre dell’Accademia Italiana della Cucina, si è dapprima condotta una esplorazione delle direttrici di evoluzione della ristorazione di qualità, e in seguito, si è derivato un primo frame di analisi con cui è stata organizzata una survey presso un campione slezionato si ristoranti della terraferma veneziana, con lo scopo di individuare la presenza di diverse forme di offerta e business models. La ricerca sta tutt'ora proseguendo, con un affinamento dell'elaborazione dei primi risultati, la progettazione dell'estensione della rilevazione on-line, un approfondimento degli aspetti legati all'innovazione. L'obbiettivo più prossimo è la submission di un articolo sul rapporto tra tradizione e innovazione nell'ambito dei ristoranti di qualità

Salvaguardia e sostenibilità del patrimonio artistico-religioso (religious heritage)
Si è proseguito il percorso di ricerca sulle problematiche e le possibili forme di azione che interessano la salvaguardia, la valorizzazione e la sostenibilità del patrimonio artistico religioso. Circa il 20% dei beni culturali iscritti nella World Heritage List dell'UNESCO ha un carattere religioso o spirituale. Questo patrimonio, in particolare i luoghi di culto come chiese, cattedrali, monasteri e conventi, si trova ad affrontare nuovi problemi e difficoltà crescenti. La secolarizzazione, lo sviluppo demografico, la redistribuzione della popolazione sul territorio, così come il calo delle vocazioni religiose, l'aumento dei costi di gestione e le limitate risorse pubbliche aumentano il rischio di decadimento del culto e del patrimonio storico-artistico. La ricerca ha consentito di giungere alla pubblicazione di due contributi.

Strategia e trasformazione digitale nei musei
Nell'ambito di un progetto di ricerca commissionato al Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Treviso, si sono approfonditi lo sviluppo di iniziative digitali di comunicazione, audience development e audience engagement per il sistema museale di Treviso, parallelamnete all'evoluzione del suo profilo strategico e delle sue potenzialità. Beneficiando della presenza in loco di due ricercatrici junior (assegnatarie di due contratti di collaborazione di ricerca occasionale) si sono potuti racogliere diversi elementi, in particolare sulla rapporto, tuttaltro che semplice e scontato, tra il profilo strategico, organizzativo e d'offerta del Sitema Museale e l'introduzione di pratiche digitali, con un'osservazione diretta, interviste, analisi dei processi, condotti in più di sei mesi di osservazione. L'esperienza maturata presso l'Istituzione, unita ad una all'organizzazione di successivi approfondimenti con strumenti di indagine prevalentemente qualitativa, ha permesso di rdigere due contributi in fase di submission.

Robotica e intelligenza artificiale per l'innovazione nei processi nell'ambito dei servizi.
Beneficiando di un assegno di ricerca FSE (titolo: Robotica e intelligenza artificiale per l'innovazione nei processi: una sperimentazione nell'ambito dei business dell'ospitalità), condotto in collaborazione con Ciset e con Promoservice s.r.l , il progetto di ricerca si è occupato degli impatti dell’applicazione della robotica e di sistemi di intelligenza artificiale (AI – Artificial Intelligence) specificatamente per l’automazione di attività ad alto contenuto di relazione con i clienti all’interno delle imprese turistiche e dei servizi. Il progetto è nato dall’esigenza specifica della società Bellatrix di impiegare all’interno di uno dei suoi hotel un robot umanoide per alleggerire il lavoro del personale di sala e del front office dalle attività routinarie, potendo così invece concentrarsi su attività più complesse e di maggiore valore per l’azienda. Un robot, posizionato nella hall dell’hotel nei pressi della reception e dell’ingresso del ristorante principale, è stato dedicato a rispondere alle domande degli ospiti sui ristoranti interni, sugli eventi e sugli altri servizi dell’hotel. Processi critici sono stati la necessità di “addestrare” la macchina e la sua intelligenza artificiale e di gestirne l’inserimento presso la struttura. Lo sviluppo del progetto si è quindi articolato in diversi obbiettivi e in diverse fasi: 1) sviluppare un metodo robusto ed efficace, per consentire la formazione/programmazione e l’apprendimento automatico dell’intelligenza artificiale necessaria al funzionamento del Robot; 2) mettere a punto metodologie e pratiche di mappatura dei processi interni e di interazione con il cliente, sia prima sia dopo l'avvio dell'automazione; 3) valutare la reale fattibilità di questo tipo di automazione, considerando in modo attento le implicazioni sull’organizzazione e le eventuali criticità. I risultati raggiunti hanno permesso di evidenziare che anche le attività più a diretto contatto con la clientela possono essere automatizzate con successo, ma a due condizioni. In primo luogo un robot (o comunque un supporto basato sull’AI) è davvero efficace per uno specifico compito solo se l’addestramento della sua intelligenza artificiale avviene in stretta coerenza con le specificità del contesto operativo in cui deve essere inserito. In secondo luogo non è sufficiente semplicemente inserire il robot nelle attività e della struttura ma è necessario governare l’intero processo di cambiamento. E' necessario presidiare e promuovere i necessari cambiamenti dell’organizzazione interna, adattare e/o ridisegnare alcuni processi, individuare e incaricare figure dell’organizzazione che si occupino della gestione dell’apprendimento continuo dell’AI. Attualmente sè in fase di redazione un contributo la cui submission ad una rivista scientifica è prevista nei prossimi mesi.

Relazioni invitate presso convegni o workshops

Presentazione e discussione del paper (M. Tamma, C. Artico)"Co-production practices between museums and culture-based companies", EIASM - 5TH WORKSHOP ON "MANAGING CULTURAL ORGANISATIONS", Bologna, Italy, December 14-15, 2015.

Organizzazione Convegno "Cultura, Impresa, Territorio. L’esperienza di Palazzo Mocenigo tra pubblico e privato: il percorso del profumo, Ca' Dolfin, Aula Magna Silvio Trentin, Ca' Foscari Dorsoduro, 1 luglio 2016 - Relazione: Tutelare e promuovere insieme il patrimonio culturale e la competitività dell'impresa: il progetto museale e la linea di prodotti The merchant of Venice"

Organizzazione Convegno “Vetro & Murano: dialoghi per un futuro imprenditoriale tra cultura, tradizione e innovazione”, 11 settembre 2017 Sala Consiglio - Camera di Commercio, S. Marco 2032, Venezia - Relazione (con Silvia Conte): "Elementi culturali e business model nella produzione e commercializzazione del Vetro di Murano"

Workshop IMPRENDITORIALITÁ INCLUSIVA, CREATIVITÁ, INNOVAZIONE 20 Novembre 2017 - Vicenza - Relazione: LE INDUSTRIE CREATIVE TRA INCLUSIONE E INNOVAZIONE.

Relazione (con Silvia Cacciatori e Erica Mingotto) "Parole & Pensieri: come viene narrato e percepito il Vetro Artistico di Murano?" Glass Week, 11.09.2018 - Palazzo Querini, Venezia

Relazione workshop "PER UN TURISMO PIU' COMPETITIVO. GESTIRE LE CRITICITA' ORGANIZZATIVE E TECNOLOGICHE NELLE IMPRESE E NEI TERRITORI, 19 settembre 2018, Polo Universitario Ca' Foscari, Via Torino.

Altre attività scientifiche

Referaggio: (2016) capitolo "Heritage, Consumption and Content. Case Histories?" per il volume Cultural Heritage. Scenarios 2015-2017, venezia, Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing, vol. 4,

Referaggio (2016) Balzarin, L., Calcagno, M., The artist-entrepreneur acting as a gatekeeper in the realm of Art, accettato per special issue della rivista VENEZIA ARTI, Journal of the Department of Philosophy and Cultural Heritage, curato da R. Dreon e Diego Mantoan

Referaggio (2016) articolo: "Industrie culturali e creative e turismo: stato dell’arte e specializzazioni in Italia" per la Rivista Sinergie - CUEIM

Altre attività didattiche

Nel triennio Docenza al Master in Economia e Gestione del Turismo, Ca' Foscari-Ciset.

Nel triennio Docenza al Master in Sviluppo Creativo e Gestione delle Attività Culturali, Ca' Foscari

Docenza al Master in Management Turistico e Valorizzazione Territoriale
Universita' degli Studi di Genova (3 luglio 2018)

Incarichi accademici e attività organizzative

Nel triennio vicedirettore del Master in Economia e Gestione del Turismo, Ca' Foscari-Ciset.

Componente di Collegi didattici, Comitati e Commissioni di Dipartimento, Commissioni di Ateneo

Nel triennio membro del Collegio Didattico della Laurea Magistrale in Sviluppo Interculturale dei Sistemi Turistici e partecipazione alle Commissioni di valutazione per l'ammissione alla Laurea Magistrale

Membro della Commissione Paritetica Docenti Studenti del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali (2017-2018)

Altre informazioni

Nell'ambito dell'insegnamento di "Marketing del Turismo", LM SIST - A.A. 2017-18, si è realizzato il programma Experior Venezia. Sono stati coinvolti una sessantina di studenti, divisi i 8 gruppi, che nel proprio lavoro hanno interagito con 4 aziende dell'ospitalità veneziane (Hotel Londra Palace, Hotel Flora, Hotel Ca' Sagredo, Hotel Metropole) e con due tutor (dr.ssa Silvia Conte, già assegnista del Dipartmento, e dr.ssa Rita Sartori, Guida Qualificata di Venezia) esperti del campo. Il progetto proposto ai ragazzi è stato sul tema “Alla ricerca degli "altri turisti" …. o, se si vuole, dei "turisti altri", focalizzato sull’individuazione di possibili profili di fruitori e visitatori della città “diversi” da quelli a cui negli ultimi anni ci si è anche riferiti con la locuzione “flussi di turismo di massa”, con lo scopo di portare a termine un'esplorazione, e quindi un'esplicitazione, di profili di "visitors" (city users), con l’intento di andare oltre stereotipi oramai troppo consolidati e di contribuire così ad individuare possibili ambiti di progettazione/sviluppo/promozione di esperienze turistiche innovative. L'interazione dei ragazzi con gli imprenditori ed altri attori in città è stata positiva e i risultati sono stati discussi in una presentazione finale in aula alla presenza di alcuni degli imprenditori.

Nell'ambito dell'insegnamento di "Strategia d'impresa Avanzato", si sono realizzati nel triennio tre progetti Experior.
- A.A. 2015-18: il progetto ha coinvolto il Consorzio Promovetro di Murano e diverse aziende, in particolare: Seguso, Lampadari Signoretto, De Majo, Berengo Studio. Hanno partecipato più di 160 studenti, divisi in 16 gruppi. Il lavoro di gruppo ha consentito di avvicinare gli studenti alle diverse realtà aziendali e professionali del territorio di Murano e ad interagire con le aziende sui temi dell'innovazione nell'ambito del produzioni del Vetro Artistico a tutti gli effetti considerate parte delle industrie creative. I progetti realizzati dagli allievi sono stati presentati in una Poster Session ospitata nei locali di ingresso del Dipartimento, con la partecipazione degli imprenditori e dei dirigenti del Consorzio Promovetro di Murano.
- A.A. 2016-17 : anche in questo anno accademico il progetto ha visto la collaborazione del Consorzio Promovetro di Murano, Ida anni impegnato a valorizzare l’immagine del vetro artistico di Murano allo scopo di conservare, custodire e difendere l’arte millenaria del vetro di Murano, ed al contempo nel promuovere, valorizzare e curare una corretta commercializzazione nel mondo di questo importante patrimonio culturale. Hanno aderito, oltre al Cosorzio, quattro aziende di Murano (Berengo Studio, Effetre, Ercole Moretti, Signoretto Lampadari) e un'azienda di Conegliano del settore della lavorazione dell'acciao (per le sue inziative di incontro con il mondo dell'arte). I progetti realizzati degli allievi si possono inquadrare nell'ambito delle iniziaitve di sviluppo della creatività. Complessivamente hanno partecipato circa 90 studenti divisi in 11 gruppi I lavori sono stati presentati in una Poster Session ospitata nei locali di ingresso del Dipartimento, con la partecipazione degli imprenditori e dei dirigenti del Consorzio Promovetro di Murano.
- A.A. 2017-2018: nell'edizione di Experior sono stati coinvolti 85 studenti per un totale 11 gruppi. Il progetto, un percorso di Design Thinking, si è svolto nell'ambito di un accordo di Collaborazione Tra Dipartimento e Banca IFIS per il progetto TourPMI. Gli allievi hanno lavorato con 22 aziende, del territorio nazionale, concludendo il proprio percorso con progetti che sono stati poi presentati, prima in una lezione conclusiva in aula, nella forma della Poster Session, e in seguito presso la sede di Banca IFIS.