BASSO Antonella

Qualifica Professoressa Ordinaria
Telefono 041 234 6914 / Rettorato: 041 234 8043
E-mail basso@unive.it
Fax 041 234 7444
Sito web www.unive.it/persone/basso (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Economia
Sito web struttura: http://www.unive.it/dip.economia
Sede: San Giobbe
Research team Science of complex economic, human and natural systems
Incarichi Prorettrice alla Programmazione e valutazione

Dati relazione

Periodo di riferimento 01/11/2014 - 31/10/2017
Afferenza Dipartimento di Economia
Ruolo Professori ordinari

Attività didattica

A.A.InsegnamentoCodice Voto (max 4)Voto medio area (max 4)
2014/2015COMPUTATIONAL FINANCEEM50043.23
2014/2015DERIVATIVES AND INSURANCEEM50222.83
2014/2015MATEMATICA FINANZIARIAET00462.73
2015/2016DERIVATIVES AND INSURANCEEM50223.23.1
2015/2016MATEMATICA FINANZIARIAET00462.93.1
2016/2017DECISIONI FINANZIARIE PER LA PAEM110333.1
2016/2017DERIVATIVES AND INSURANCEEM502233.1

Tesi

Anno solareTipologiaTesi RelatoreTesi Correlatore
2014Corso di laurea7
2014Corso di laurea magistrale9
2015Corso di laurea6
2015Corso di laurea magistrale12
2016Corso di laurea8
2016Corso di laurea magistrale33

Finanziamenti

  • MODELLI PER IL RISCHIO DI CREDITO E PER IL CREDIT SCORING DELLE PMI: UN APPROCCIO DATA ENVELOPMENT ANALYSIS E MODELLI A RETE PER IL CONTAGIO
  • Modelli e metodi per la valutazione - Assegno di ricerca biennale nel settore SECS-S/06 (13/D4)

Ricerche sviluppate e in corso

  • Dynamics of departmental h-index and prediction of the REF research assessment
  • Efficiency valuation of Green stocks and portfolio construction
  • Finanza etica e fondi comuni di investimento socialmente responsabili
  • How well is the museum performing? A joint use of data envelopment analysis (DEA) and balanced scorecard (BSC) to measure the performance of museums
  • Measuring the environmental performance of Green SRI funds: a DEA approach
  • Metodi quantitativi per la valutazione di opzioni con caratteristiche esotiche
  • Modelli DEA per il rischio di credito di piccole e medie imprese
  • Modelli DEA per la valutazione della performance dei fondi comuni
  • Modelli di contagio per lo studio del rischio di credito di reti di imprese
  • Modelli di credit contagion per l'analisi del rischio di credito di portafogli di prestiti bancari
  • Sustainability indicators for university ranking
  • The Problem of Evaluating Books in Social Sciences and Humanities Research
  • Valutazione della performance dei musei

Pubblicazioni realizzate nel triennio

  • Basso, Antonella; Pianca, Paolo (2017), Introduzione alla matematica finanziaria , Wolters Kluwer Italia srl, vol. 1, pp. 1-266 (ISBN 9788813363307) (Monografia o trattato scientifico)
  • Basso, Antonella; Funari, Stefania (2017), The role of fund size in the performance of mutual funds assessed with DEA models in EUROPEAN JOURNAL OF FINANCE, vol. 23, pp. 457-473 (ISSN 1351-847X) (Articolo su rivista)
  • Basso, Antonella; di Tollo, Giacomo (2017), A generalised linear model approach to predict the result of research evaluation , Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance - MAF 2016, Springer International Publishing, vol. 2016, pp. 29-41 (ISBN 978-3-319-50233-5; 978-3-319-50234-2) (Articolo su libro)
  • Antonella, Basso; Marta, Cardin; Achille, Giacometti; Chiara, Mio (2017), Sustainability indicators for university ranking , Working paper Department of Economics, Università Ca'Foscari Venezia, vol. 18/WP/2017 (ISSN :1827-3580 ), pp. 1-27 (Articolo su libro)
  • Antonella Basso; Stefania Funari (2016), DEA performance assessment of mutual funds in Joe Zhu (Editor), Data Envelopment Analysis - A Handbook of Empirical Studies and Applications in INTERNATIONAL SERIES IN OPERATIONS RESEARCH & MANAGEMENT SCIENCE, New York, Springer, vol. 238, pp. 229-287 (ISBN 978-1-4899-7682-6) (ISSN 0884-8289) (Articolo su libro)
  • Antonella Basso;Stefania Funari (2014), DEA models with a constant input for SRI mutual funds with an application to European and Swedish funds in INTERNATIONAL TRANSACTIONS IN OPERATIONAL RESEARCH, vol. 21, pp. 979-1000 (ISSN 0969-6016) (Articolo su rivista)
  • Basso A.; Funari S. (2014), Socially responsible mutual funds: an efficiency comparison among the European countries , Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance, Springer, pp. 69-79 (ISBN 9783319024981) (Articolo su libro)
  • Antonella Basso;Stefania Funari (2014), The Role of Fund Size and Returns to Scale in the Performance of Mutual Funds , Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance, Springer, pp. 21-25 (ISBN 9783319050133; 9783319050140) (Articolo su libro)

Partecipazione come referee di progetti di ricerca nazionali ed internazionali

VQR 2011-2014
Giovani Ricercatori_Levi Montalcini

Partecipazione a comitati editoriali di riviste/collane scientifiche

Mathematical Methods in Economics and Finance
Decisions in Economics and Finance (2011-2016)

Descrizione dell'attività di ricerca svolta nel triennio e gli obiettivi futuri

L’attività di ricerca nel triennio si è concentrata in particolare sullo sviluppo delle seguenti linee di ricerca:
1. Lo studio di modelli per la misurazione della performance dei fondi comuni di investimento con un approccio DEA (data envelopment analysis)
2. Modelli per valutazione della performance di fondi comuni socialmente responsabili (SRI)
3. Indicatori per la misurazione delle performance ambientali dei fondi comuni verdi (green SRI funds) e modelli per la valutazione della performance complessiva di tali fondi
4. Un approccio che utilizza modelli lineari generalizzati per prevedere i risultati della valutazione della ricerca di dipartimenti universitari nelle aree bibliometriche
5. Il problema della valutazione dei libri nella ricerca in ambito SSH (Social Sciences and Humanities)
6. La definizione di un sistema di indicatori di sostenibilità per i ranking delle università
7. Lo studio di un modello che unisce gli approcci DEA (data envelopment analysis) e BSC (Balance ScoreCard) per misurare la performance dei musei

In particolare:

1.Lo studio di modelli per la misurazione della performance dei fondi comuni di investimento con un approccio DEA (data envelopment analysis)

In quest’ambito si è studiato innanzitutto il ruolo della dimensione dei fondi comuni nella valutazione del rendimento dei fondi con un approccio DEA, con l'obiettivo di analizzare la questione da diverse angolazioni e con diversi strumenti statistici e di indagare la presenza di un effetto dimensionale positivo o negativo nel mercato dei fondi comuni. In primo luogo, si è discusso il ruolo della dimensione del fondo nella valutazione della performance e ci si è chiesto se è appropriato includere le informazioni sulle dimensioni tra le variabili dei modelli DEA. In secondo luogo, si è analizzata la presenza di una relazione tra i performance score e la dimensione dei fondi comuni utilizzando diversi test statistici e si è effettuata un'indagine empirica su un insieme di fondi comuni di investimento europei. In terzo luogo, si è studiata l'efficienza di scala e si è investigato se i fondi comuni europei presentano rendimenti di scala costanti, crescenti o decrescenti.
Un secondo approfondimento ha affrontato il problema della presenza di rendimenti negativi nei modelli DEA per i fondi comuni di investimento e ha consentito di identificare un modello DEA che è giustificato finanziariamente e affronta la questione dei rendimenti negativi in modo naturale. Inoltre, si è presentata un’applicazione empirica su dati di mercato, considerando diverse misure di rischio e diversi holding period e confrontando i risultati della misura di performance DEA con quelli ottenuti con indicatori finanziari tradizionali.
I principali risultati della ricerca a tale riguardo sono confluiti nei seguenti lavori:
Antonella Basso; Stefania Funari (2014), The Role of Fund Size and Returns to Scale in the Performance of Mutual Funds, Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance, Springer, pp. 21-25
Antonella Basso; Stefania Funari (2016), DEA performance assessment of mutual funds in Joe Zhu (Editor), Data Envelopment Analysis - A Handbook of Empirical Studies and Applications in INTERNATIONAL SERIES IN OPERATIONS RESEARCH & MANAGEMENT SCIENCE, New York, Springer, vol. 238, pp. 229-287
Basso, Antonella; Funari, Stefania (2017), The role of fund size in the performance of mutual funds assessed with DEA models in EUROPEAN JOURNAL OF FINANCE, vol. 23, pp. 457-473

2. Modelli per valutazione della performance di fondi comuni socialmente responsabili (SRI)

La metodologia DEA consente di tener conto del grado di responsabilità sociale fondi comuni, insieme al rendimento e al rischio finanziario. A questo riguardo si sono proposti alcuni modelli DEA in cui le variabili di input e output sono incentrate sulle principali determinanti degli investimenti nei fondi comuni socialmente responsabili (SRI). A differenza di altri modelli DEA, si sono considerati un capitale iniziale costante e il valore finale dell’investimento; questa scelta assicura la positività di tutte le variabili, anche durante le crisi finanziarie. Il capitale iniziale depositato da un investitore si presume essere uguale per tutti i fondi e dà quindi luogo ad un input costante.
Si sono quindi studiate le implicazioni della presenza di un input costante nei modelli di DEA, che hanno importanti conseguenze per l'analisi dell'andamento dei fondi comuni, in particolare per quanto riguarda il tipo di rendimenti di scala. I modelli proposti sono applicati a dati europei per valutare la performance dei fondi comuni SRI nel periodo da giugno 2006 a giugno 2009. Inoltre, un'analisi specifica confronta le prestazioni dei fondi comuni di investimento SRI e non SRI, al fine di determinare se i fondi SRI richiedono un sacrificio in termini finanziari. Infine, si è effettuata un'indagine più dettagliata per i fondi comuni SRI svedesi.
In un secondo contributo si è valutata la performance dei fondi comuni SRI azionari nei principali paesi europei con tre diversi modelli DEA. Inoltre, con una serie di test statistici si sono confrontate le performance dei fondi comuni SRI e non SRI nei vari paesi, per determinare se i fondi comuni SRI devono sacrificare qualcosa in termini di performance finanziaria. Si sono infine confrontate le performance ottenute dai fondi comuni SRI tra i diversi paesi europei.
I principali risultati della ricerca sono confluiti nei seguenti lavori:
Antonella Basso; Stefania Funari (2014), DEA models with a constant input for SRI mutual funds with an application to European and Swedish funds in INTERNATIONAL TRANSACTIONS IN OPERATIONAL RESEARCH, vol. 21, pp. 979-1000
Basso A.; Funari S. (2014), Socially responsible mutual funds: an efficiency comparison among the European countries, Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance, Springer, pp. 69-79

3. Indicatori per la misurazione delle performance ambientali dei fondi comuni verdi (green SRI funds) e modelli per la valutazione della performance complessiva di tali fondi

Si è affrontata la questione della valutazione di una classe importante di investimenti verdi che integrano i classici obiettivi finanziari con alcune questioni ambientali: i cosiddetti fondi comuni verdi. A tale scopo, in primo luogo si sono proposte tre misure di sostenibilità ambientale che possono dare agli agenti finanziari informazioni sull’attitudine ambientale dei loro investimenti. Questi indicatori alternativi potrebbero fungere da misura complessiva della sostenibilità ambientale e superare lo svantaggio che limita la valutazione investimenti verdi alla misurazione delle emissioni di CO2, mentre spesso più di un aspetto ambientale può essere considerato.
In secondo luogo, si sono proposti alcuni modelli volti a valutare l'andamento dei fondi comuni di investimento verdi prendendo considerazione le misure ambientali proposte unitamente ad alcuni indicatori finanziari classici. L'analisi è condotta con un approccio DEA, poiché i modelli DEA possono considerare misure non finanziarie, oltre alle tradizionali metriche finanziarie, al fine di dare una visione più equilibrata degli investimenti socialmente responsabili (SRI). I modelli presentati includono gli indicatori di sostenibilità ambientale in due modi diversi, penalizzando un elevato consumo ambientale oppure premiando un risparmio ambientale comportato da un basso consumo. Le misure ambientali e i modelli proposti sono applicati a un insieme di fondi verdi europei nei periodi 2012 – 2015 e 2010 – 2015 mediante un’analisi estensiva.
I principali risultati della ricerca sono confluiti nella pubblicazione:
Allevi, E.; Basso, A.; Bonenti, F.; Oggioni, G.; Riccardi, R. (2018) Measuring the environmental performance of green SRI funds: A DEA approach, ENERGY ECONOMICS, disponibile online

4. Un approccio che utilizza modelli lineari generalizzati per prevedere i risultati della valutazione della ricerca di dipartimenti universitari nelle aree bibliometriche

La peer review è ancora utilizzata come strumento principale per la valutazione della ricerca, ma la sua natura costosa e che richiede molto tempo innesca un dibattito sulla necessità di utilizzare, in alternativa o congiuntamente con essa, degli indicatori bibliometrici. In questo contributo si è introdotto un approccio basato su modelli lineari generalizzati che utilizza congiuntamente le precedenti peer review e gli indicatori bibliometrici per prevedere l'esito del risultato della valutazione della ricerca, condotta nel Regno Unito, nell’ambito del Research Excellence Framework (REF) del 2014. A tale scopo si utilizzano i risultati dell'esercizio di valutazione della ricerca (RAE) 2008 come indicatori di peer review e gli h-indices dipartimentali per il periodo 2008-2014 come indicatori bibliometrici. I risultati mostrano che un uso congiunto di indicatori bibliometrici e di indicatori di peer-review può fornire uno strumento efficace per prevedere i risultati della valutazione della ricerca effettuata nell’ambito REF.
I principali risultati della ricerca sono confluiti nella pubblicazione:
Basso, Antonella; di Tollo, Giacomo (2017), A generalised linear model approach to predict the result of research evaluation, Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance - MAF 2016, Springer International Publishing, vol. 2016, pp. 29-41

5. Il problema della valutazione dei libri nella ricerca in ambito SSH (Social Sciences and Humanities)

Mentre l'idea che i libri sono un canale fondamentale della comunicazione scientifica per gli studiosi SSH è riconosciuta, poco si sa circa le motivazioni che portano gli studiosi a selezionare i libri tra i vari canali di comunicazione, e all'interno dei libri, tra i formati, le tipologie di pubblico, e gli editori. A tale riguardo il contributo presenta un’analisi dei dati di pubblicazione in due università italiane (Ca ' Foscari e Macerata), integrate con dati qualitativi basati su un'indagine effettuata mediante questionari e su due Focus Group. Una ricca serie di scoperte mette in luce le varie dimensioni dell'importanza dei libri, quindi sulla necessità di una valutazione adeguata.
I principali risultati della ricerca sono confluiti nella pubblicazione:
Williams, Geoffrey; Basso, Antonella; Galleron, Ioana; Lippiello, Tiziana (2018) More, Less or Better: The Problem of Evaluating Books in SSH Research, The Evaluation of Research in Social Sciences and Humanities - Lessons from the Italian Experience, Springer International Publishing, pp. 133-158

6.La definizione di un sistema di indicatori di sostenibilità per i ranking delle università

Lo scopo principale di questo contributo è quello di studiare la possibilità di includere la sostenibilità tra le caratteristiche prestazionali che possono essere prese in considerazione dai ranking universitari. A questo scopo si propongono un insieme di indicatori di sostenibilità ben definiti, relativi a diversi aspetti della sostenibilità.
All'interno del quadro universitario, la sostenibilità è spesso identificata con le scienze ambientali; al contrario, si tratta di una questione interdisciplinare pervasiva che comporta una serie di questioni diverse. Mentre alcuni ranking universitari specifici hanno adottato un criterio di classificazione completamente incentrato sugli indicatori di sostenibilità, nessuno dei principali ranking globali finora ha affrontato la questione. Sia in termini di valutazioni delle buone prassi, sia come segnale importante per la società, l'introduzione della sostenibilità nelle classifiche globali potrebbe essere un'importante aggiunta alle metriche esistenti e una dimensione significativa del confronto.
Tra i vari punti di vista sulla sostenibilità, lo studio si concentra su tre aspetti rilevanti: la sostenibilità ambientale (o verde); la sostenibilità sociale; la relazione con la comunità locale. In questo contesto, si propongono una serie di indicatori sostenibili, profondamente radicati nella letteratura scientifica pertinente, facilmente misurabili e sufficientemente flessibili, che potrebbero essere inclusi selettivamente in diverse classifiche.
I principali risultati della ricerca sono confluiti nella pubblicazione:
Antonella, Basso; Marta, Cardin; Achille, Giacometti; Chiara, Mio (2017), Sustainability indicators for university ranking, Working paper Department of Economics, Università Ca'Foscari Venezia, vol. 18/WP/2017

7. Lo studio di un modello che unisce gli approcci DEA (data envelopment analysis) e BSC (Balance ScoreCard) per misurare la performance dei musei

Misurare la performance è diventata una questione importante anche nel settore culturale. Nella letteratura recente, per valutare le prestazioni dei musei, sono stati proposti dei modelli DEA, che permettono di tener conto della natura multidimensionale della performance museale. In questo contributo si sfrutta la capacità della DEA di valutare la performance integrando l'approccio DEA con lo strumento Balanced Scorecard (BSC); Questo è il primo studio che propone un'applicazione congiunta delle metodologie DEA e BSC ai musei.
A questo scopo si propone un nuovo approccio a due stadi DEA-BSC. Nella prima fase si costruisce uno schema Balanced scorecard ideato per i musei, poi si definisce un modello DEA appropriato per ciascuna prospettiva BSC e si calcola il punteggio di efficienza DEA per ogni prospettiva. Nel secondo stadio si definisce un ulteriore modello DEA che combina i punteggi di efficienza delle varie prospettive BSC in un indicatore di performance complessivo. Al fine di evitare che il calcolo del punteggio di efficienza sia quasi esclusivamente determinato da uno degli output, trascurando gli altri, si sono introdotte delle restrizioni proporzionali sugli output virtuali. Infine, l'approccio congiunto DEA-BSC è applicato ai musei municipali di Venezia, svolgendo una dettagliata analisi empirica.
I principali risultati della ricerca sono confluiti nella pubblicazione:
Basso, Antonella; Casarin, Francesco; Funari, Stefania (2018) How well is the museum performing? A joint use of DEA and BSC to measure the performance of museums in OMEGA, vol. 81, pp. 67-84
Per quanto riguarda gli obiettivi futuri di ricerca, diversi tra gli argomenti di ricerca studiati nel triennio sono suscettibili di approfondimenti e interessanti sviluppi futuri, che si prevede di perseguire nel triennio successivo esplorando nuovi modelli che superino i problemi incontrati con soluzioni innovative.

Menzioni e premi ricevuti

Diversi paper sono entrati più volte nella "SSRN's Top Ten download list".

Relazioni invitate presso convegni o workshops

Relazioni invitate a convegni o workshops:
Sustainability in Global Rankings: making the invisible visible, Research Management Workshop – Advanced Research Management Tools, Elsevier e Università Ca' Foscari Venezia, Venezia, 7/10/2015
Efficiency evaluation of green mutual funds and green assets, Data Envelopment Analysis International Conference 2016 (DEAIC2016), Nanjing, China, July 2-5, 2016
Valutazione e ricerca accademica – Introduzione, La regolazione giuridica dei prodotti della ricerca e della didattica universitaria, Università Ca’ Foscari Venezia, Venezia, 26 giugno 2017

Presentazioni a convegni o workshop:
How well is the museum performing? A joint use of data envelopment analysis (DEA) and balanced scorecard (BSC) to measure the performance of museums, XIIIth International Conference on Arts & Cultural Management AIMAC 2015, Aix-Marseille, France, June 28-July 1, 2015
How well is the museum performing? A joint use of data envelopment analysis (DEA) and balanced scorecard (BSC) to measure the performance of museums, 13th International Conference on Data Envelopment Analysis DEA 2015, Braunschweig, Germany, August 24th-27th, 2015
A joint use of BSC­DEA to measure the performance of museums, 39th AMASES, Padova, September 10‐12, 2015
ROBINba - The role of books in non-bibliometric areas, Presentazione Progetto ROBINBa, Macerata, 20 gennaio 2016
A generalised linear model approach to predict the result of research evaluation, Seventh International Conference MAF 2016, Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Sciences and Finance, University Paris Dauphine - Paris, France, March 30 - April 1, 2016
How sustainable a university is? New indicators for university rankings, IREG Conference, Lisbona, May 5-6, 2016
The language of books in the SSH: publication trends in France, Italy and Spain, RESSH, Antwerp, Belgium, July 6-7, 2016 (https://www.uantwerpen.be/en/conferences/ressh2017/)
Modelling and predicting the result of research evaluation with a generalised linear model approach, 40th AMASES Annual Meeting, Catania, September 15-17, 2016
Efficiency valuation of Green stocks and portfolio construction: a two stage approach, Energy Finance Italia II, Padova, December 5-6, 2016
A two-stage DEA-BSC model for museum evaluation with proportional virtual weight restrictions, AMASES 2017, Cagliari, September 14th-16th, 2017

Altre attività scientifiche

Segretario Generale dell’Associazione per la Matematica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali (A.M.A.S.E.S.) fino al 2016
Membro del comitato scientifico dei convegni AMASES 2015 e MAF 2016
Effettua regolarmente attività di peer-review di articoli sottomessi a riviste e a convegni; tra queste si citano le riviste: OMEGA, EJOR, ITOR.

Incarichi accademici e attività organizzative

Prorettore alla Valutazione e Programmazione (intero triennio)
Coordinatore del collegio didattico del corso di laurea magistrale Economia e Finanza – Economics and Finance (2014-2016)

Partecipazione alle attività di valutazione della ricerca

Partecipazione come referee esterno di progetti di ricerca per le Università di dell'Insubria, del Piemonte Orientale, di Verona

Componente di Collegi didattici, Comitati e Commissioni di Dipartimento, Commissioni di Ateneo

Membro del collegio didattico del corso di laurea magistrale Economia e Finanza - Economics and Finance (intero triennio)
Membro del collegio docenti del dottorato di ricerca in Economics dell’Università Ca’ Foscari Venezia (dal 2017)
Membro della giunta di dipartimento (intero triennio)
Membro del comitato per la didattica del Dipartimento di Economia 2014-2016)
Membro del comitato per la didattica del Dipartimento di Economia fino a settembre 2016
Membro della Commissione per l’attribuzione del premio per la didattica di ateneo (intero triennio)
Membro della Commissione per la selezione delle call per posti esterni (2015)
Membro nel corso del triennio di varie commissioni per la selezione di progetti di ricerca

Attività e incarichi esterni

E’ membro del Comitato Scientifico di GRETA ((Gruppi di Ricerca Economica e Teorica Applicata).
Ha svolto attività di consulenza sul calcolo del valore attuale di un insieme di pagamenti mensili costanti.
Ha partecipato come membro a diverse commissioni di valutazione comparativa per posti di ruolo in vari atenei