BAGLIONI Daniele

Qualifica Professore Ordinario
Incarichi Delegato del Dipartimento per la Comunicazione esterna
Telefono 041 234 7205
E-mail daniele.baglioni@unive.it
italianoscritto@unive.it - ITALIANO SCRITTO
Sito web www.unive.it/persone/daniele.baglioni (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Studi Umanistici
Sito web struttura: https://www.unive.it/dsu
Sede: Malcanton Marcorà

Dati relazione

Periodo di riferimento 16/09/2014 - 14/03/2018
Afferenza Dipartimento di Studi Umanistici
Ruolo Ricercatori universitari

Attività didattica

A.A.InsegnamentoCodice Voto (max 4)Voto medio area (max 4)
2014/2015DIALETTOLOGIA ITALIANA SP.FM00393.43.3
2014/2015STORIA DELLA LINGUA ITALIANA IFT02203.63.3
2014/2015STORIA DELLA LINGUA ITALIANA IIFT02213.43.3
2015/2016DIALETTOLOGIA ITALIANA SP.FM00393.63.3
2015/2016STORIA DELLA LINGUA ITALIANA SP.FM01923.43.3
2016/2017DIALETTOLOGIA ITALIANA SP.FM00393.63.3
2016/2017STORIA DELLA LINGUA ITALIANA SP.FM01923.83.3

Tesi

Anno solareTipologiaTesi RelatoreTesi Correlatore
2014Corso di laurea9
2014Corso di laurea magistrale13
2015Corso di laurea10
2015Corso di laurea magistrale23
2016Corso di laurea1
2016Corso di laurea magistrale41
2017Corso di dottorato1
2017Corso di laurea2
2017Corso di laurea magistrale41
2017Corso di laurea specialistica1

Ricerche sviluppate e in corso

  • Edizione commentata del carteggio Schuchardt-D'Ancona
  • Gli esiti del nesso -GN- nell'area italoromanza
  • L'italiano nell'impero ottomano (secc. XV-XVIII): testi e contesti

Pubblicazioni realizzate nel triennio

  • Baglioni, Daniele (2018), Romagnolo "fe(r) e' curdo(n)" 'fare le fusa' in ZEITSCHRIFT FÜR ROMANISCHE PHILOLOGIE, vol. 134, pp. 533-540 (ISSN 0049-8661) (Articolo su rivista)
  • Baglioni, Daniele (2018), Attestazioni precinquecentesche della lingua franca? Pochi dati, molti problemi , Migrazioni della lingua. Nuovi studi sull'italiano fuori d'Italia, Franco Cesati, pp. 69-92 (ISBN 978-88-7667-747-2) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele (2018), Etimologia e grammatica storica: il caso di gòra , Etimologia e storia delle parole. Atti del XII Convegno ASLI Associazione per la Storia della Lingua Italiana, Firenze, Franco Cesati Editore, pp. 155-166, Convegno: Etimologia e storia delle parole. XII Convegno ASLI Associazione per la Storia della Lingua Italiana, 3-5 novembre 2016 (ISBN 978-88-7667-739-7) (Articolo in Atti di convegno)
  • Baglioni, Daniele (2017), Etimologia in NUOVA INFORMAZIONE BIBLIOGRAFICA, vol. 14, pp. 263-283 (ISSN 1824-0771) (Articolo su rivista)
  • Baglioni, Daniele (2017), The vocabulary of the Algerian Lingua Franca. A critical survey of the lexicon of the "Dictionnaire de la langue franque" compared with non-lexicographic sources in LEXICOGRAPHICA, vol. 33, pp. 185-205 (ISSN 1865-9403) (Articolo su rivista)
  • Baglioni, Daniele (2017), Come ricostruiamo la storia delle parole? , Tutto ciò che hai sempre voluto sapere sul linguaggio e sulle lingue, Cesena/Bologna, Caissa Italia, pp. 133-136 (ISBN 978-88-6729-044-4) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele (2017), Perché scrivere un testo in più lingue: sulle dinamiche del code-switching e code-mixing nei documenti cancellereschi plurilingui , Perché scrivere? Motivazioni, scelte, risultati, Firenze, Franco Cesati, pp. 289-300 (ISBN 978-88-7667-670-3) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele (2016), L'etimologia in LE BUSSOLE, Roma, Carocci (ISBN 978-88-430-8052-6) (Monografia o trattato scientifico)
  • Daniele, Baglioni (2016), Il carteggio tra Alessandro D'Ancona e Hugo Schuchardt , Graz, Hugo Schuchardt Archiv (ed. Bernhard Hurch) (Pubblicazione di fonti inedite)
  • Baglioni, Daniele (2016), Per una fenomenologia della commutazione di codice nei testi antichi in LA LINGUA ITALIANA, vol. 12, pp. 9-35 (ISSN 1724-9074) (Articolo su rivista)
  • Baglioni, Daniele (2016), Aspetti della cronologia relativa dell'elemento italoromanzo in maltese , Relazioni linguistiche: strutture, rapporti, genealogie in STUDIA ROMANICA ET LINGUISTICA, Frankfurt am Main, Peter Lang, pp. 51-70 (ISBN 978-3-631-66536-7) (ISSN 0170-9216) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele (2016), L'italiano fuori d'Italia: dal Medioevo all'Unità , Manuale di linguistica italiana in MANUALS OF ROMANCE LINGUISTICS, Berlin, De Guyter Mouton, pp. 125-145 (ISBN 978-3-11-036036-3) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele (2016), Sulle sorti di [ɔ] in veneziano , Actes du XXVIIe Congrès International de linguistique et de philologie romanes (Nancy, 15-20 juillet 2013) in BIBLIOTHÈQUE DE LINGUISTIQUE ROMANE, Strasbourg, Société de linguistique romane/ÉliPhi, vol. 1, pp. 353-365, Convegno: XXVIIe Congrès International de linguistique et de philologie romanes, 15-20.7.2013 (ISBN 978-2-37276-007-2) (ISSN 1958-931X) (Articolo in Atti di convegno)
  • Baglioni, Daniele (2015), «Afforosi» in STUDI DI LESSICOGRAFIA ITALIANA, vol. 32, pp. 33-37 (ISSN 0392-5218) (Articolo su rivista)
  • Baglioni, Daniele; Tribulato, Olga (2015), Contatti di lingue - Contatti di scritture: considerazioni introduttive. , Contatti di lingue - contatti di scritture: Multilinguismo e multigrafismo dal Vicino Oriente Antico alla Cina contemporanea in FILOLOGIE MEDIEVALI E MODERNE. SERIE OCCIDENTALE, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing, vol. 9/7, pp. 9-37 (ISBN 978-88-6969-061-7) (ISSN 2610-9441) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele (2015), Italoromanzo in caratteri arabi in un diploma magrebino del Trecento , Contatti di lingue - Contatti di scritture. Multilinguismo e multigrafismo dal Vicino Oriente Antico alla Cina contemporanea in FILOLOGIE MEDIEVALI E MODERNE. SERIE OCCIDENTALE, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing, pp. 177-196 (ISBN 978-88-6969-061-7) (ISSN 2610-9441) (Articolo su libro)
  • BAGLIONI D. (2015), Z- da sibilante tra ipotesi di sostrato e superstrato arabo , Le lingue d'Italia e le altre. Contatti, sostrati e superstrati nella storia linguistica della Penisola, Milano, FrancoAngeli, pp. 81-94 (ISBN 978-88-917-1441-1) (Articolo su libro)
  • Baglioni, Daniele; Crifò, Francesco (2015), On a Peculiar Morpho-Syntactic Pattern in the Adaptation of Levantine Place-Names into Early Modern Italian in Daniele Baglioni; Francesco Crifò, Els noms en la vida quotidiana. Actes del XXIV Congrés Internacional d'ICOS sobre Ciències Onomàstiques, Barcelona, Generalitat de Catalunya, pp. 991-997, Convegno: 24th International Congress of Onomastic Sciences, 5-9.9.2011 (Articolo in Atti di convegno)
  • (a cura di) Baglioni, Daniele; Tribulato, Olga (2015), Contatti di lingue - Contatti di scritture: Multilinguismo e multigrafismo dal Vicino Oriente Antico alla Cina contemporanea in Daniele Baglioni, Olga Tribulato in FILOLOGIE MEDIEVALI E MODERNE. SERIE OCCIDENTALE, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing (ISBN 978-88-6969-061-7) (ISSN 2610-9441) (Curatela)
  • Baglioni, Daniele (2014), Da Smyrna a Smirne (passando per le Smirre) in STUDI LINGUISTICI ITALIANI, vol. 40, pp. 281-287 (ISSN 0394-3569) (Articolo su rivista)
  • Daniele Baglioni (2014), Tre lettere del sangiacco di Szekszárd alle autorità veneziane in QUADERNI VENETI, vol. 3, pp. 137-147 (ISSN 1724-188X) (Articolo su rivista)
  • Daniele Baglioni (2014), Massimo Palermo, Linguistica testuale dell'italiano in STUDI LINGUISTICI ITALIANI, vol. 40, pp. 156-160 (ISSN 0394-3569) (Recensione in rivista)
  • Daniele Baglioni (2014), Ronnie Ferguson, Studi di lingua e cultura veneta in REVUE DE LINGUISTIQUE ROMANE, vol. 78, pp. 544-551 (ISSN 0035-1458) (Recensione in rivista)
  • Daniele Baglioni (2014), Il nesso GN dal latino alle lingue romanze: questioni aperte e prospettive di ricerca , Latin Vulgaire Latin Tardif X. Actes du Xe colloque international sur le latin vulgaire et tardif. Bergamo, 5-9 septembre 2012, Bergamo, Bergamo University Press-Edizioni Sestante, vol. 1, pp. 3-24 (ISBN 9788866421610) (Articolo su libro)
  • Baglioni D. (2014), Italian Loanwords in Maltese and the Vocabulary of "Levant Italian" , Perspectives on Maltese Linguistics, Berlin, Akademie Verlag, pp. 45-58 (ISBN 978-3-05-006275-4) (Articolo su libro)
  • Baglioni D. (2014), Language and Identity in Late Medieval Cyprus , Identity/Identities in Late Medieval Cyprus. Papers given at the ICS Byzantine Colloquium, London, 13-14 June 2011, Nicosia, Cyprus Research Centre, pp. 27-36 (ISBN 9789963081356) (Articolo su libro)

Partecipazione come referee di progetti di ricerca nazionali ed internazionali

Revisore di progetti FIR, 2013, MIUR
Revisore di progetti SIR, 2014, MIUR

Partecipazione a comitati editoriali di riviste/collane scientifiche

Redattore degli Studi linguistici italiani (dal 2009)
Revisore di progetto editoriale, 2016, Palgrave Macmillan
Membro del Comitato dei revisori della rivista "Romanica Olomucensia" (dal 2017)
Revisore delle voci del Lessico Etimologico Italiano (dal 2016)

Descrizione dell'attività di ricerca svolta nel triennio e gli obiettivi futuri

Nel periodo che va dal settembre 2014 al marzo 2018 ho avuto modo di approfondire ricerche già avviate e anche di cominciarne di nuove. Ho illustrato i risultati delle mie ricerche in articoli, in italiano e in inglese, apparsi su riviste internazionali italiane e straniere (tutte, tranne una, in fascia A per l’SSD L-Fil-Let/12) e in altre sedi editoriali di prestigio. Ho inoltre presentato i miei lavori in vari convegni scientifici e anche in lezioni e corsi tenuti su invito in università italiane e straniere (Regensburg, Zurigo, Losanna). Ho organizzato a Venezia, in Aula Baratto, una giornata di studi sul veneziano d’Oltremare, che ha suscitato l’interesse non solo degli specialisti, come dimostra lo spazio datole dalla stampa locale e nazionale: di questa giornata usciranno a breve gli atti per mia cura. Con Olga Tribulato ho curato la pubblicazione di un volume sulle scritture in contatto, che è stato edito dalla Ca’ Foscari University Press. Infine, ho pubblicato un breve manuale di argomento etimologico tratto dalle dispense di un corso tenuto a Ca’ Foscari, che ha avuto una discreta fortuna editoriale. Di seguito riassumo i risultati dei miei studi secondo i principali campi di ricerca, aggiungendo nel paragrafo finale gli obiettivi futuri.

1. Diffusione dei volgari italiani e dell’italiano nel Mediterraneo medievale moderno
Se la mia attività di ricerca precedente era stata occupata quasi per intero dall’edizione e dal commento linguistico di testi inediti, nel quadriennio 2014-2018 l’esperienza maturata in questo campo di studi mi ha consentito da un lato lavori di sintesi (in particolare il capitolo "L’italiano fuori d’Italia: dal Medioevo all’Unità" per il "Manuale di linguistica italiana", ed. S. Lubello, Berlin, de Gruyter, 2016), dall’altro riconsiderazioni di testi già editi d’interpretazione problematica, soprattutto del corpus di testimonianze letterarie e non letterarie della cosiddetta lingua franca mediterranea (2017, 2018).
Una sintesi e, allo stesso tempo, una riconsiderazione complessiva dei testi e dei dati storico-linguistici finora noti è stato l’obiettivo della giornata di studi internazionale “De là da mar. Per una storia del veneziano in Oltremare”, da me organizzata, tenutasi il 9 dicembre 2015 in Aula Baratto, a cui hanno partecipato alcuni fra i maggiori studiosi del veneziano d’Oltremare (Diego Dotto, Rembert Eufe, Tzortzis Ikonomou, Laura Minervini, Nikola Vuletić): le relazioni di questa giornata, insieme a saggi di altri studiosi (Francesco Crifò, Anna Rinaldin), saranno presto pubblicate in un volume da me curato nella prestigiosa collana “Beihefte zur Zeitschrift für romanische Philologie” dell’editore de Gruyter.
Infine, un mio ulteriore interesse di ricerca sono state le modalità del contatto fra le varietà italo-romanze e l’arabo. In particolare, ho studiato a più riprese gli italianismi del maltese e le complesse dinamiche del loro adattamento alla fonologia semitica (2014, 2016) e ho illustrato, per la prima volta in modo non cursorio, l’unico testo finora noto in cui un volgare italiano è scritto in caratteri arabi (2015).

2. Contatto linguistico e scrittura
Lo studio di documenti con vistosi fenomeni d’interferenza, spesso plurilingui, mi ha indotto a tentare considerazioni teoriche su come il contatto linguistico si manifesta nella scrittura: finora, infatti, la linguistica del contatto si è rivolta in modo pressoché esclusivo all’oralità, con il risultato che le ricerche sul contatto nella scrittura scarseggiano e si riducono a mere applicazioni ai testi scritti di modelli elaborati per il parlato.
Una prima occasione di riflessione mi è stata offerta dalla curatela, con Olga Tribulato, del volume "Contatti di lingue – Contatti di scritture. Multilinguismo e multigrafismo dal Vicino Oriente Antico alla Cina contemporanea" (Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, 2015). Nel capitolo introduttivo a questo libro, che racchiude le versioni scritte delle relazioni tenute da diversi studiosi (fra cui i due curatori) a un convegno tenutosi a Ca’ Foscari nel gennaio 2014, Tribulato e io abbiamo proposto una tassonomia dei fenomeni noti come “multigrafismo”, “allografia” (o “eterografia”), “transgrafemizzazione”, includendo gli ultimi due in una fenomenologia più ampia, che abbiamo chiamato “transcritturazione”, intendendo con questo termine la notazione di una lingua per mezzo di una scrittura diversa da quella con cui è rappresentata abitualmente. La nozione di “transcritturazione” sta incontrando il favore della comunità scientifica ed è stata già adoperata con profitto da alcuni studiosi di testi romanzi in caratteri greci (Alessandro De Angelis, Marco Maggiore). L’utilità di questa nozione e, in genere, della tassonomia proposta è stata inoltre ribadita da Anna Maria Chilà nella sua recensione al volume in “Studi e saggi linguistici” (LV/2, 2017, pp. 169-181).
Ho quindi continuato a interessarmi di contatto e scrittura concentrandomi sulle dinamiche della commutazione di codice (code-switching), cioè sulle modalità pragmatico-discorsive e sintattiche del passaggio da una lingua all’altra nei testi plurilingui. Ho affrontato l’argomento una prima volta nella relazione a un convegno a Olomouc nel marzo 2015 (la versione scritta è stata pubblicata nel 2017) e ho poi ampliato la riflessione in un articolo apparso sulla rivista “La lingua italiana” nel 2016, distinguendo tra la “commutazione sincronica”, che come nel code-switching orale si manifesta sul momento e in modo sequenziale, e la “commutazione diacronica”, che invece si produce a distanza nel tempo e in modo non necessariamente sequenziale ed è caratteristica esclusiva della comunicazione scritta.

3. Etimologia
L’interesse per gli studi etimologici, che già coltivavo prima del 2014, è continuato anche nel quadriennio 2014-2018, risultando in una serie di brevi note relative al toponimo Smirne (2014), all’aggettivo del romanesco medievale "afforosi" (2015), all’it. "gòra" e alla locuzione romagnola "fe(r) e’ curdo(n)" ‘fare le fusa’ (2018). Alla ricostruzione di singole storie di parole ho poi affiancato una riflessione storico-teorica e metodologica sulla ricerca etimologica nel suo complesso, specie – ma non solo – in ambito romanzo. Tale riflessione, il cui primo stimolo è stato un corso monografico sull’etimologia tenuto a Ca’ Foscari nell’a.a. 2014-2015, è all’origine del manuale "L’etimologia", pubblicato nel 2016 nella collana “Le Bussole” di Carocci. Oltre che nel manuale, che è stato recensito positivamente da Lorenzo Tomasin (“Il Sole 24 ore”, 28.02.2016, p. 25), Wolfgang Schweickard (“Zeitschrift für romanische Philologie”, CXXXII/2, 2016, pp. 624-626) e Claudio Marazzini (“Lingua e stile”, LI/1, 2017, p. 158), ho avuto modo di illustrare la ricerca etimologica e i suoi metodi in brevi saggi di carattere divulgativo, nella rivista “Nuova Informazione Bibliografica” del Mulino (2017) e nel fortunato volumetto, curato da Nicola Grandi e Francesca Masini, "Tutto ciò che hai sempre voluto sapere sul linguaggio e sulle lingue" (Cesena/Bologna, Caissa Italia, 2017; Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2017).

4. Dialettologia e storia della linguistica
L’attenzione che ho rivolto ai dialetti non si è esaurita nelle ricerche etimologiche, ma ha riguardato anche aspetti strutturali e, in particolare, la fonologia diacronica. In occasione del 37esimo Congresso internazionale della Società di Linguistica Romanza (SLIR), tenutosi a Nancy nel 2013, avevo provato a chiarire la complessa evoluzione di [ɔ] in veneziano (con esiti assai diversi esemplificabili con le parole ròsa, fógo, cuòr, niòra): la ricostruzione è stata poi affinata nel saggio pubblicato negli Atti nel 2016 e ha permesso il confronto delle condizioni del dittongamento di [ɔ] in veneziano con quelle del dittongamento della stessa vocale in friulano e nell’aretino rustico (relazione al 49th Annual Meeting della Societas Linguistica Europaea, Napoli 2016, non pubblicata). Al 38esimo Congresso della SLIR (Roma 2016) ho invece potuto mettere ulteriormente a punto la mia ricostruzione dello sviluppo del nesso lat. GN nelle lingue romanze, in particolare degli esiti problematici dei dialetti meridionali continentali, confrontandomi con la trafila alternativa proposta da Jean-Pierre Chambon nel 2013, che non mi era stato possibile considerare per il mio articolo sullo stesso tema del 2014.
Ha riguardato non i dialetti, ma la storia della dialettologia italiana e romanza in genere l’edizione commentata del carteggio tra Alessandro D’Ancona e Hugo Schuchardt, fra i più importanti linguisti romanzi del secondo Ottocento e dei primi decenni del Novecento. L’edizione, che mi è stata richiesta dallo Schuchardt Archiv di Graz, è stata pubblicata nel 2016 sul sito dell’Archivio (https://schuchardt.uni-graz.at/id/person/1352).

5. Obiettivi futuri
Nei prossimi anni intendo sviluppare le ricerche già avviate, secondo i campi di ricerca individuati. Per quel che riguarda la diffusione delle varietà italo-romanze nel Mediterraneo, lavorerò in primis alla pubblicazione del volume sul veneziano d’Oltremare, frutto del convegno tenutosi a Ca’ Foscari nel dicembre 2015. Vorrei inoltre approfondire lo studio della cosiddetta “lingua franca”, lavorando a un’illustrazione di questa varietà assai problematica che concili i dati filologici e storico-linguistici con le acquisizioni della linguistica del contatto.
Mi piacerebbe poi sviluppare lo studio teorico delle modalità del contatto nella scrittura, per esempio estendendo l’analisi alla testualità, un livello generalmente escluso dagli studi sull’interferenza. Ho anche intenzione di continuare a confrontarmi con ricerche di etimologia, dialettologia – specie relativamente ai dialetti veneti – e storia della linguistica: alcuni lavori in questi ambiti sono già in cantiere e verranno pubblicati nel biennio 2019-2020.
Non escludo, infine, di recuperare interessi di ricerca che non ho avuto modo di coltivare negli ultimi anni, come lo studio delle lingue inventate nella letteratura italiana, e anche di esplorare nuovi ambiti di ricerca, per esempio l’analisi dei libretti d’opera, su cui ho tenuto un corso nell’a.a. 2016-2017 (e terrò un altro corso nel prossimo semestre), ma non ho ancora scritto nulla.

Menzioni e premi ricevuti

2017: Assegnatario del FFABR (Fondo per il Finanziamento delle Attività Base di Ricerca)
2017: Abilitazione nazionale a Professore di I fascia (ASN 2016-2018)

Relazioni invitate presso convegni o workshops

1. Relazioni su invito:
02.05.2016 "Lost in transliteration: cortocircuiti grafici in un testo cipriota in caratteri latini", Pomeriggio di studi “Venezia, Creta e Cipro: dei, regine, santi e sultani. Nuove prospettive di ricerca interdisciplinare”, Ateneo Veneto, Venezia
14-16.10.2016 "Italian Vernaculars as Diplomatic Languages in the Medieval Levant", International Conference “Knighthood, Crusades, and Diplomacy in the Eastern Mediterranean at the Time of King Peter I of Cyprus”, Notre Dame Global Gateway in Rome
17-18.11.2016 "Etimologia dei parlanti ed etimologia scientifica: per la storia di 'grattachecca'", Workshop internazionale “Prospettive dell’etimologia e della lessicologia romanesche”, Università di Zurigo
06-07.02.2017 "Circolazione di lessico nel Levante medievale: il caso di Cipro", Convegno internazionale “L’esperienza delle crociate e gli scambi culturali nel tardo Medioevo”, Università degli Studi di Milano
23-24.10.2017 "Letteratura franco-italiana e «simbiosi franco-veneziana» in Oltremare: intorno a una suggestione foleniana", II Seminario sul Franco-Italiano, Università di Padova

2. Relazioni a convegni di cui ho curato l'organizzazione
09.12.2015 "Il veneziano dopo Venezia: sondaggi sulle varietà italiane(ggianti) nell’impero ottomano", Giornata internazionale di studi “De là da mar. Per una storia del veneziano in Oltremare”, Università Ca’ Foscari Venezia

3. Presentazioni
27-28.03.2015 "Perché scrivere un testo in più lingue: sulle dinamiche del code-switching e code-mixing nei documenti cancellereschi plurilingui", Convegno internazionale “Perché scrivere: motivazioni, scelte, risultati”, Università Palacky, Olomouc
18-23.07.2016 "Ancora su un problema di ricostruzione fonetica protoromanza: il nesso GN", 28esimo Congresso Internazionale di Linguistica e Filologia Romanza, Università La Sapienza di Roma
31.08-03.09.2016 "Coronal consonants and the palatal glide in interaction. Evidence from three Romance varieties of Italy", 49th Annual Meeting of the Societas Linguistica Europaea, Università di Napoli Federico II

Seminari su invito tenuti presso altre Università, Centri di Ricerca, Aziende, etc.

24.02.2016 "Un paragrafo di grammatica storica del veneziano : lo sviluppo di [ɔ]", Circolo Filologico Linguistico Padovano, Università di Padova
03.05.2016 "L’italiano nell’impero ottomano: testi, contesti, dinamiche del contatto linguistico e culturale", Circolo Linguistico dell’Università di Bologna (CLUB), Università di Bologna
13.06.2016 "Code switching e code-mixing nei testi antichi. Qualche esempio di àmbito (italo-)romanzo", Summer School dottorale "Polifonie romanze" del Romanisches Seminar dell'Università di Zurigo (Vitznau, CH)
30.11.2016 "«Un mostro in museo di storia naturale». Volgare in scrittura araba in un diploma del Trecento", Scuola dottorale “Le forme del testo”, Università degli Studi di Trento
04.12.2017 "Dinamiche della commutazione di codice nei testi scritti", workshop "Il testo incarnato: prospettive di materialità testuale tra filologia, linguistica e letteratura" organizzato dal Dottorato del Romanisches Seminar, Università di Zurigo

Altre attività scientifiche

Partecipazione al comitato scientifico del convegno "Migrazioni della lingua. Nuovi studi sull'italiano fuori d'Italia" (Perugia, Università per Stranieri, 3-4 maggio 2018)
Revisore di articoli (peer-review) per le riviste scientifiche "Quaderni Veneti" (dal 2012), "L'Alighieri" (dal 2014), "La lingua italiana" (dal 2016), "Italian journal of Linguistics - Rivista di linguistica" (dal 2017)

Altre attività didattiche

1. Periodi di docenza su invito in università e centri di ricerca esteri:
giugno 2014: "L’italiano nel Mediterraneo: le varietà, i contesti e i contatti con le altre lingue", corso di laurea magistrale (Master-Hauptseminar) di 28 ore tenuto in qualità di docente ospite all'Università di Regensburg (Germania)
agosto 2016: "Metodi, tecniche e problemi della ricerca etimologica in àmbito italoromanzo", corso post-lauream di 8 ore nell'ambito dei Corsi estivi del Centro di Dialettologia e di Etnografia di Bellinzona

2. Lezioni su invito in università italiane e straniere:
07.05.2015 "C’è un canone letterario all’origine dell’italiano?", Scuola dottorale di Studi sull’Africa e sull’Asia, Università Ca’ Foscari Venezia
21.11.2015 "Come si fa una ricerca etimologica", Corso di Storia della lingua italiana per la Laurea magistrale (Prof. Luca Serianni), Università La Sapienza di Roma
08.06.2016 "L’etimologia tra filologia, retorica e ideologia", Scuola dottorale di Studi sull’Africa e sull’Asia, Università Ca’ Foscari Venezia
25.10.2016 "Forme della ripetizione nel 'Così fan tutte' di Da Ponte", Cours-Séminaire d’Histoire de la langue italienne (Prof. Lorenzo Tomasin), Università di Losanna
12.11.2016 "Dal parlato allo scritto. La commutazione di codice nei testi antichi", Corso di Storia della lingua italiana per la Laurea magistrale (Prof. Luca Serianni), Sapienza Università di Roma
16.11.2017 "I dizionari etimologici dell’italiano", Corso di Storia della lingua italiana per la Laurea magistrale (Prof. Emiliano Picchiorri), Università degli Studi “Gabriele D’Annunzio”, Chieti

3. Lezioni e conferenze su invito presso istituzioni non universitarie:
22.11.2016 "Il libro di grammatica", Corso di Italiano rivolto a docenti della scuola secondaria di I grado, Fondazione “I Lincei per la Scuola”, Istituto Veneto, Venezia
18.05.2017 "L’etimologia", Rassegna “ClassicaMente. Più saggi coi classici”, Mediateca Montanari, Fano
12.10.2017 "Recusìa estemesica! Lingue inventate e nonsense nella letteratura italiana", Biblioteca Passerini Landi, Piacenza
12.12.2017 "Creative ma non troppo: dalle riscritture alle scritture vincolate", Corso di Italiano rivolto a docenti della scuola secondaria di I grado, Fondazione “I Lincei per la Scuola”, Istituto Veneto, Venezia

Incarichi accademici e attività organizzative

1. Incarichi accademici
dal 2012: Coordinatore dei corsi di Italiano scritto e Italiano professionale, DSU e DFBC
dal maggio 2017: Rappresentante di Ca’ Foscari presso il consorzio CISIA – Consorzio Interuniversitario Servizi Integrati per l’Accesso (Area umanistica)
dal settembre 2017: Rappresentante di Ca’ Foscari presso il consorzio ICoN – Italian Culture on the Net
dall'ottobre 2017: Delegato del DSU alla comunicazione esterna

2. Attività organizzative
09.12.2015 Organizzazione della giornata internazionale di studi “De là da mar. Per una storia del veneziano in Oltremare”, Aula Baratto, Università Ca’ Foscari Venezia

Partecipazione alle attività di valutazione della ricerca

Membro del Comitato per la ricerca del DSU (dall'ottobre 2017)

Componente di Collegi didattici, Comitati e Commissioni di Dipartimento, Commissioni di Ateneo

dal settembre 2013: Membro del Collegio di Dottorato di Italianistica
luglio 2014: Membro della Commissione giudicatrice per l’ammissione al Dottorato in Italianistica
2015-2017: Membro del Collegio didattico del Corso di Laurea in Lettere
2015-2017: Membro della Giunta del DSU
2016-2017: Membro della Commissione Placement del DSU
dall'ottobre 2017: Membro del Comitato per la ricerca del DSU

Attività e incarichi esterni

2014-2015 Collaboratore della casa editrice il Mulino per la preparazione degli esercizi del manuale di Massimo Palermo, "Linguistica italiana"
2017-2018 Coordinatore del Corso di Italiano rivolto a docenti della Scuola secondaria di I grado, nell’àmbito del progetto “I Lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale” (Polo veneto)

Altre informazioni

Si segnala che la pubblicazione "Attestazioni precinquecentesche della lingua franca? Pochi dati, molti problemi", pubblicata in Francesca Malagnini (a cura di), "Migrazioni della lingua. Nuovi studi sull'italiano fuori d'Italia", Firenze, Franco Cesati, 2018, pp. 69-92, non compare nella lista dei prodotti, pur essendo stata regolarmente inserita in ARCA.
Si elencano inoltre di seguito i lavori in corso di stampa e accettati per la pubblicazione, che non sono stati ancora inseriti in ARCA e per questo non compaiono nell'apposito riquadro:

1. "Un esercizio etimologico mediterraneo: maltese 'gremxula'". "L'Italia dialettale" LXXX, in stampa
2. "Per la storia di 'grattachecca'". In: Vincenzo Faraoni, Michele Loporcaro (a cura di), "Prospettive dell’etimologia e della lessicologia romanesche", Beihefte zur Zeitschrift für romanische Philologie], Berlin, De Gruyer, in stampa
3. "Circolazione di lessico nel Levante medievale: il caso di Cipro". In: Massimiliano Gaggero (a cura di), "L’esperienza delle crociate e gli scambi culturali nel tardo Medioevo", Paris, Editions Garnier, in stampa
4. "Italian vernaculars as diplomatic languages in the Medieval Levant". In Alexander Beihammer, Angel Nikolaou-Konnari (eds.), "Knighthood, Crusades, and Diplomacy in the Eastern Mediterranean at the time of King Peter I of Cyprus", Turnhout, Brepols, in stampa
5. "Romance in Contact with Semitic". In: Michele Loporcaro, Francesco Gardani (eds.), "The Oxford Encyclopedia of Romance Linguistics", Oxford, Oxford University Press, in stampa
6. "L'etimologia nel pensiero linguistico di Cesarotti". In: Carlo Enrico Roggia (a cura di), "Melchiorre Cesarotti. Linguistica e antropologia nell'età dei Lumi", Genève, Université de Genève, in stampa
7. [con Giovanni Abete] "Riaggiustamenti intra- e interparadigmatici nei dialetti alto-veneti: a proposito di "cantensi" 'cantavamo', "cantesi" 'cantavate' e forme affini". In Alessandro De Angelis (a cura di), Atti del CIDSMM di Messina, Palermo, Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani