Michele

BUGLIESI

Dal 1 gennaio comincia lo smartworking

10. December 2018

Il lavoro a Ca' Foscari si fa più agile! Dal prossimo 1 gennaio, infatti, partirà il progetto pilota per la sperimentazione del lavoro agile o smart-working, che coinvolgerà nel primo anno circa 30 colleghe e colleghi del personale tecnico amministrativo di 5 diverse strutture di Ateneo.

Con questa prima fase del progetto sperimenteremo quindi modalità flessibili di organizzazione del lavoro  che pone al centro dell'organizzazione la persona e grazie all'utilizzo delle moderne tecnologie digitali e di comunicazione permette di rimuovere vincoli di orario e presenza fisica, con effetti positivi sia per produttività e qualità del lavoro, sia per una più agevole conciliazione tra vita professionale e vita privata.   

Ca’ Foscari è una delle prime università pubbliche in Italia ad applicare questo istituto che è stato introdotto nel quadro normativo italiano solo lo scorso anno. La sperimentazione consentirà alle persone coinvolte di organizzare la propria attività scegliendo sede e orari di lavoro in modo flessibile  per 4 giorni al mese.

Le 5 strutture pilota individuate per il 2019 sono l’Area Risorse Umane, l’Area Sistemi Informatici e Telecomunicazioni, il Sistema Bibliotecario di Ateneo, il Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali e il Dipartimento di Management. La sperimentazione prevede inoltre di coinvolgere altre cinque strutture per il secondo anno.


Dopo il telelavoro che a oggi coinvolge oltre il 10% del personale tecnico amministrativo, questa iniziativa consentirà nei prossimi due anni a 60 ulteriori colleghi del personale di beneficiare di un'organizzazione flessibile del lavoro.


Grazie alla Dirigente dell’Area Risorse Umane Monica Gussoni e allo staff dell’Ufficio Personale Tecnico Amministrativo per l'ottimo lavoro.

0 commenti  
Nuovo commento

0 commenti