Michele

BUGLIESI

Le global challenges: caratteristiche e finalità

23. May 2016

Nei mesi scorsi vi ho presentato varie delle misure che abbiamo attivato per sostenere la ricerca dell'Ateneo.  Oggi ritorno sull'iniziativa Research for Global Challenges per approfondire gli elementi che la caratterizzano e la motivano.

L'iniziativa ha un duplice obiettivo: da un lato, accrescere la nostra capacità di acquisire fondi di ricerca su bandi competitivi nazionali e internazionali; dall'altro stimolare la cooperazione tra gruppi di ricerca di diverse aree, valorizzando le migliori risorse negli ambiti disciplinari che caratterizzano il nostro ateneo e indirizzandole verso tematiche ad alto impatto. E' un progetto che vuole fare leva sulla ricerca - di base e non - sviluppata in Ateneo, per favorire la formazione di team in cui l'esperienza, la creatività e l'originalità del pensiero di ciascuno essere messa a frutto su tematiche di studio interdisciplinari.  

Come è stato illustrato nelle visite delle settimane scorse presso i dipartimenti, abbiamo individuato sei temi attorno ai quali aggregare l'attività di professori e ricercatori, assegnisti, postdoc e dottorandi:

  •     Science of complex economic, human and natural systems
  •     Cross cultural and area studies
  •     Public governance, welfare and social innovation
  •     Creative arts, cultural heritage and digital humanities
  •     Environmental technologies and green economy
  •     Economics and management of innovation and entrepreneurship


Le adesioni ai team sono ora aperte, e per partecipare è sufficiente compilare il modulo online disponibile a questa pagina.

Per sostenere e organizzare le attività dei team abbiamo attivato un programma di  potenziamento delle strutture di ricerca di Ateneo con un investimento di 600.000 euro in tre anni per l’assunzione di nuovo personale. Lo stanziamento finanzierà il reclutamento di tre persone con il ruolo di tecnologi,  con esperienza di ricerca e di progettazione, dedicati full-time a seguire i ricercatori dall'idea, alla creazione di network, all’acquisizione dei finanziamenti necessari per condurre il proprio lavoro.
Il bando per queste posizioni, molto comuni all’estero ma in Italia ancora poco conosciute, sarà aperto fino al 3 giugno. Vi invito tutti a segnalare questa possibilità alle persone che abbiano i requisiti per partecipare alla selezione.

I team avranno anche a disposizione fondi per missioni, per consentire ai membri di partecipare agli incontri necessari allo sviluppo dei progetti di ricerca.

La scelta delle tematiche è stata volutamente inclusiva, così da garantire a ciascun gruppo e/o ricercatore di potersi riconoscere in uno dei temi e offrire la propria esperienza.  E' una iniziativa che  potrà contribuire a dare un  nuovo impulso alla ricerca di Ca’ Foscari e a costruire un’identità dell’Ateneo coerente con la nostra tradizione, ma proiettata nel futuro, riconoscibile e riconosciuta sul piano internazionale.

Spero davvero che questa iniziativa possa trovare la vostra adesione convinta.

0 commenti  

I commenti sono disabilitati per questo post.

0 commenti