Michele

BUGLIESI

Ca' Foscari per la ricerca

25. January 2016

Oggi iniziamo con una buona notizia.
Venerdì sono stati resi noti gli esiti delle selezioni relative al bando Marie Curie 2015, sul quale Ca' Foscari ha ottenuto il finanziamento di 7 progetti,  replicando l'eccellente risultato del bando 2014. Anche quest'anno il nostro Ateneo si conferma quindi leader nazionale in questa particolare iniziativa di Horizon 2020, superando nuovamente sia i grandi Atenei sia il CNR. E' un risultato importante, sia sul piano economico, perché si traduce in un finanziamento per la ricerca di 1.3 milioni di Euro, sia soprattutto perché conferma la capacità dei nostri dipartimenti, e quindi dell'Ateneo di qualificarsi come strutture di qualità, in grado di attrarre, e di far crescere, ricercatori giovani e di grande talento.

E' anche un risultato delle politiche e dell'investimento dell'Ateneo nella ricerca e nelle strutture che la sostengono. Le decisioni assunte dagli organi negli ultimi mesi confermano l'impegno di Ca' Foscari  su questo fronte.
Il Consiglio di Amministrazione dell'Ateneo, in fase di approvazione del bilancio, ha infatti confermato una serie di misure a sostegno della ricerca.  Queste includono stanziamenti per:

  • l'assunzione di 10 ricercatori lettera A nel 2016 utilizzando le economie realizzate dai Dipartimenti in sede di chiusura del bilancio consuntivo;
  • il finanziamento di ulteriori 14 borse di dottorato a favore del bando per il 32° ciclo, per un totale 90 borse complessive;
  • nuovi fondi per il programma Marie Curie Plus One  in virtù del quale  Ca' Foscari sostiene il finanziamento di un anno aggiuntivo di contratto per i ricercatori che fruiscono di una borsa Marie Curie presso l'Ateneo e si impegnano a presentare la propria candidatura per un E.R.C. Grant;
  • gli stanziamenti per il potenziamento delle strutture di ricerca di Ateneo dedicate alla progettazione, i fondi per le grandi attrezzature e i fondi per gli scavi archeologici;
  • gli stanziamenti a favore del fondo di supporto alla ricerca.

 

Complessivamente, si tratta di un investimento di oltre 5.5. milioni di euro, al netto dei fondi assicurati per il reclutamento del personale di ricerca strutturato.  E' un investimento significativo, per una serie di iniziative importanti, a cui ne seguiranno altre sulla ricerca e sull'innovazione, a breve.



Buona settimana e buon lavoro a tutti.

0 commenti  

I commenti sono disabilitati per questo post.

0 commenti