Michele

BUGLIESI

Ca' Foscari in Cina: progetti e nuove opportunità con i nostri partner

27. March 2017

La missione in Cina di qualche settimana fa, dove insieme alla Prorettrice Tiziana Lippiello abbiamo visitato otto istituzioni universitarie e altri centri culturali e scientifici è stata molto importante per consolidare i rapporti in essere con i nostri partner e per creare i presupposti per attivare nuove collaborazioni.

L'apertura del nuovo ufficio alla Suzhou University servirà da base logistica per gestire le relazioni con le diverse istituzioni dislocate nella Cina orientale, oltre che, naturalmente, con Suzhou stessa. Nel corso degli incontri con i rappresentanti dell'università, abbiamo concordato i primi passi di una collaborazione che potrà estendersi ad attività congiunte di ricerca in diversi ambiti: nelle scienze ambientali, con l'attivazione di un centro di ricerca sui temi della gestione dei territori marino-costieri;  nelle humanities, nel quadro dell'inizitiva One Belt One Road promossa dal governo cinese per favorire la cooperazione tra paesi nell'Eurasia; nel management internazionale con un'iniziativa presso il Parco Tecnologico di Suzhou, che vede coinvolto anche il Consolato d'Italia a Shanghai.

A Shanghai stessa, si profila un'opportunità di collaborazione di grande interesse con la East China Normal University, una cui delegazione a breve farà visita a Ca' Foscari per promuovere un programma di laurea magistrale con doppio titolo nell'ambito dei beni culturali, e più in particolare nelle arti creative e performative. Sarà, questa, anche l'occasione per sviluppare una collaborazione organica sugli stessi temi con IUAV, Conservatorio e Accademia delle Belle Arti.

A Tianjin, la visita a Nankai University è stata l'occasione per riavviare una collaborazione che ci lega dal 1987 per lo scambio di studenti di area linguistica, ed estenderla ad altri ambiti, in particolare l'economia e la finanza.

A Pechino abbiamo incontrato il Segretario Generale del China Scholarship Council, organizzazione che dipende dal Ministero dell’Educazione Cinese, con la quale nei prossimi mesi stipuleremo una convenzione per favorire l'iscrizione di studenti e dottorandi cinesi a Ca' Foscari, sostenuti dalle borse di studio erogate dal CSC.

Sempre a Pechino, abbiamo visitato le nostre quattro università partner. L’incontro con la Peking University, una delle migliori università cinesi, oltre a confermare il riconoscimento del prestigio della sinologia cafoscarina, ha aperto nuove prospettive di collaborazione in altri ambiti, come l’archeologia. Proficui anche gli incontri con la Capital Normal University, nostra partner nella gestione dell’Istituto Confucio di Ca’ Foscari, e con la Beijing Foreing Studies University, interessata ad attivare programmi di scambio per studenti e docenti di area linguistica. Infine, nel corso della visita alla University of International Business and Economics abbiamo concordato di intensificare i rapporti già in essere, per estenderli alle aree dell'economia e management, e all'italianistica, ambito per il quale abbiamo ricevuto manifestazioni di grande interesse anche dalla Nanjing University.


Tanti incontri dunque, nei quali abbiamo avuto sempre chiara dimostrazione di quanto Ca' Foscari sia apprezzata dai nostri partner all'estero e di quanto sia apprezzato il valore e il prezioso lavoro svolto da molti nostri docenti. A loro il ringraziamento mio personale e di tutto l'Ateneo. A tutti, l'invito a considerare le tante opportunità che si aprono, con l'auspicio che possano offrire nuovi spunti di crescita per le nostre attività didattiche e di ricerca.

 

 

 

0 comments  

Comments are disabled for this post.

0 comments