Venezia, 1 ottobre - corteo per la libertà in Iran

Donna, Vita, Libertà: perchè l'Iran è in rivolta e cosa può accadere

Mahsa (Jina) Amini, 22 anni, è morta il 16 settembre a Teheran, dopo essere stata arrestata dalla polizia perché non portava il velo in modo corretto. L'episodio ha scatenato la rivolta in tutto il Paese, e una dura repressione da parte del regime. Anche all’estero si contano numerose manifestazioni di solidarietà con il popolo iraniano in sommossa. Il filosofo sloveno Slavoj Žižek ha commentato così le rivolte in un suo recente messaggio al popolo iraniano: “L'Iran non fa parte dell'Occidente sviluppato, quindi Zan, Zendegi, Azadi (Donna, Vita, Libertà) è molto diverso dal #MeToo nei paesi occidentali: mobilizza milioni di donne comuni, ed è direttamente collegato alla lotta di tutti, uomini compresi[...]. Gli uomini che partecipano a Zan, Zendegi, Azadi sanno bene che la lotta per i diritti delle donne è anche la lotta per la propria libertà: l'oppressione delle donne non è un caso speciale, è il momento in cui l'oppressione che permea l'intera società è più visibile[...]".

Abbiamo fatto il punto della situazione con un esperto di Iran, del Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea di Ca’ Foscari, che per ragioni di sicurezza ha scelto di farsi intervistare sotto lo pseudonimo di Y. Hoshivar.

Qual è la situazione politica attuale in Iran e come sono iniziate le proteste? 

Siamo ora nella terza settimana consecutiva di estese manifestazioni a livello nazionale e proteste degli iraniani in tutto il mondo contro la legittimità politica della Repubblica Islamica in Iran. In questo momento in cui parliamo, dovrei dire che le manifestazioni si stanno rapidamente trasformando in rivolte radicali contro l'esistenza stessa del governo con i manifestanti che cantano "questa non è più una protesa, è l’inizio di una rivoluzione". È ancora troppo presto per dire a cosa porteranno queste proteste o se avranno successo, ma sono già le più lunghe in termini di durata e le più grandi in termini di partecipazione popolare che abbiamo mai visto nl Paese. La miccia è stata l'uccisione della 22enne Mahsa (Jina) Amini sotto la custodia della "polizia della sicurezza morale" della Repubblica islamica, che, secondo la versione del regime, sarebbe morta in coma dopo multipli arresti cardiaci. È stata fermata a Teheran la sera del 13 settembre e trasferita in ospedale semi-cosciente dopo sole 2 ore in detenzione. Mahsa è morta in coma il 16 settembre e il giorno dopo è stata sepolta nella sua città natale a Saqqez (Kurdistan iraniano). Tuttavia, l'atmosfera di sicurezza intorno all'ospedale e le prime notizie emerse durante il suo trattamento contenevano dettagli orribili su come fosse stata brutalmente picchiata dalla polizia e avesse subito una probabile commozione cerebrale. L’indolenza del governo a cooperare, una serie di menzogne e la mancanza di trasparenza su quanto accaduto non hanno lasciato dubbi al popolo iraniano sul fatto che Mahsa sia stata uccisa per mano della polizia. La famiglia di Mahsa, costretta a tacere, ha invece coraggiosamente parlato della verità rifiutando il frettoloso insabbiamento della situazione da parte del governo e chiedendo giustizia. Un'ampia risposta è poi arrivata dagli iraniani che sono scesi a protestare nelle strade non solo contro la violenza della polizia, ma anche contro l'intero sistema di oppressione che ha dominato l'Iran per oltre 4 decenni dopo la rivoluzione di Khomeini.

Ha parlato della “polizia della sicurezza morale”, di che cosa si tratta? 

La "polizia della sicurezza morale" viene fondata all'inizio del 2000 come un organo delle forze dell'ordine per pattugliare le strade e assicurarsi che l'aspetto delle donne sia coerente con i principi islamici e le regole ufficiali per il codice di abbigliamento islamico, come l'hijab, del corpo e del viso. Non si trattava di un fenomeno nuovo quando si verificò in quegli anni perché la Repubblica Islamica aveva una lunga esperienza nella creazione e nell'utilizzo di forze diverse per le cosiddette pattuglie di guida, talvolta separate dalla polizia, al fine di salvaguardare l'integrità morale delle persone. Subito dopo la rivoluzione di Khomeini nel 1979, queste frazioni sono nate parallelamente alle forze militari ufficiali al fine di controllare severamente le persone egemonizzando la sfera pubblica e diffondendo il terrore. Inizialmente erano costituiti dai Comitati Rivoluzionari Popolari Iraniani e in seguito furono raggiunti dalle Guardie Rivoluzionarie iraniane (IRGC) e dalle forze della milizia di Basij.

Cosa domandano le donne e gli uomini che manifestano?

Quello che vediamo in queste tre settimane è una combinazione di diverse lotte contro l'oppressione delle donne, contro la corruzione e la povertà, contro la discriminazione etnica, contro il fondamentalismo religioso, contro la Repubblica Islamica, contro il conformismo intellettuale e per la libertà politica contro il terrore di stato. Gli iraniani chiedono un Paese libero dal dogmatismo religioso e politico in cui prevalgano la dignità umana e la giustizia e dove tutti possano godere di una società equa e non discriminatoria. Possiamo vederlo chiaramente nei loro slogan. I giovani vogliono riconquistare il loro Paese, vogliono essere liberi, vogliono che i loro meriti siano riconosciuti e vogliono costruire un Paese modello con le proprie mani. Per questo ripetono: “Combattiamo, moriamo, ma ci riprenderemo l'Iran”

Dobbiamo ricordare che gli iraniani stanno combattendo per la libertà e la giustizia a diversi livelli non solo di recente, ma in tutta la storia moderna e contemporanea. Le donne iraniane, ad esempio, soprattutto dalla fine del 19° secolo, chiedono incessantemente giustizia, uguaglianza e democrazia. Furono tra le forze pioniere della Rivoluzione Costituzionale Iraniana (1905-1911) con le campagne per l'emancipazione femminile e i valori socialdemocratici. 

Subito dopo la rivoluzione di Khomeini, le donne iraniane erano di nuovo in piazza per protestare contro la soppressione dei loro diritti da parte del giovane governo rivoluzionario. Basta ricordare le proteste per la Festa della Donna del 1979 a Teheran. Si potrebbe anche parlare di alcuni altri episodi successivi alla nascita della repubblica islamica come le proteste studentesche del 1999, il Movimento Verde, le Ragazze della Via Enghelab e le proteste del Aban di Sangue. Le donne hanno sempre avuto un determinante ruolo in queste proteste. Tutte queste voci, apparentemente dimenticate e distaccate, sono state represse brutalmente, ma oggi risorgono dal cenere di nuovo con tutta la loro forza.

C’è una differenza tra le recenti manifestazioni e quelle precedenti? 

Sì, penso che la differenza principale sia nel livello di unità e diversità delle forze che sostengono questo recente movimento. Altri due fattori cruciali sono il cambio generazionale e la centralità delle donne. Dopo anni di frustrazione sociale e difficoltà economiche, persone di tutte le classi e gruppi sociali sono ora in strada. Le proteste sono arrivate nei villaggi e nelle città, coinvolgendo le classi più fragili della società iraniana sia lì che nelle città grandi che sono tradizionalmente più conservatrici e religiose. Molti sono ancora in qualche modo increduli nel vedere, questa volta, l'ampia dimensione della partecipazione. Non è sempre stato così. Molti degli eventi precedenti erano categoricamente più incentrati sulle richieste di alcuni gruppi come studenti, lavoratori o classi medie e medio-alte dei centri urbani. A volte hanno emarginato involontariamente altre lotte come quelle di minoranze, attori regionali, donne o LGBTQ+. A volte queste forze hanno potuto unirsi, ma quasi mai in un modo inclusivo come oggi. E’ accaduto perché la causa più grande e il nemico comune è lo stesso governo al potere che cerca continuamente di affermare il proprio controllo minando la coesione sociale e mettendo le persone ed i movimenti sociali uno contro l’altro. La Repubblica Islamica cerca di ridurre le identità nazionali iraniane alla sua visione di una comunità islamica universale (Ummat), fomentando il settarismo etnico e indebolendo il punto di forza dell'Iran che è la sua multietnicità. 

Un'altra differenza interessante è il cambio generazionale a cui assistiamo. La maggior parte dei manifestanti ha un'età compresa tra i 15 ei 25 anni. Notiamo anche un livello di unità senza precedenti tra i vari gruppi di opposizione che vivono per lo più al di fuori dell'Iran e una straordinaria campagna di solidarietà mondiale degli iraniani fuori dal paese, anche qui in Veneto, soprattutto in occasione della manifestazione del 1° ottobre. Il prossimo globale Freedom Rally sarà l'8 ottobre. Questa volta la bandiera delle lotte è nelle mani delle donne la cui forza primordiale ha saputo risvegliare la frustrata società iraniana. Oggi tutti gli iraniani sono uniti sotto il motto “Donna, Vita, Libertà” che vede le donne in prima linea nelle proteste sia come vittime che come leader. La componente essenzialmente femminista e la globalità delle azioni nelle recenti manifestazioni sono inclusive a un livello senza precedenti, e riuniscono vari movimenti di libertà e forze di opposizione in un'unità organica.

In questi giorni leggiamo le notizie e ascoltiamo opinioni unilaterali che cercano di descrivere gli eventi recenti come una lotta esclusivamente delle donne contro l’islam o una rivolta cominciata dai curdi, dai beluci o da altri gruppi politici. Credo che si tratti di messaggi fuorvianti. A mio avviso, sebbene con cause diverse, tutti gli iraniani condividono la stessa causa. Iraniani di diverse etnie protestano per i diritti di tutti e ciò che è importante è riuscire a vedere l'originalità e il significato storico e globale della loro lotta, come anche Slavoj Žižek ha commentato giustamente nel un suo recente messaggio al popolo iraniano, citato all’inizio: “L'Iran non fa parte dell'Occidente sviluppato, quindi Zan, Zendegi, Azadi (Donna, Vita, Libertà) è molto diverso dal #MeToo nei paesi occidentali: mobilizza milioni di donne comuni, ed è direttamente collegato alla lotta di tutti, uomini compresi[...]. Gli uomini che partecipano a Zan, Zendegi, Azadi sanno bene che la lotta per i diritti delle donne è anche la lotta per la propria libertà: l'oppressione delle donne non è un caso speciale, è il momento in cui l'oppressione che permea l'intera società è più visibile. Anche i manifestanti che non sono curdi vedono chiaramente che l'oppressione dei curdi pone limiti alla loro stessa libertà: la solidarietà con i curdi è l'unica via per la libertà in Iran".

Quali sono le ultime novità?

Fino ad ora, sono state uccise più di cento persone innocenti e migliaia sono state ferite. Parlare di numeri in una situazione del genere è sempre molto complesso. Sembra che la maggior parte siano giovani e soprattutto giovani donne come Mahsa Amini. Nika Shakarami (17 anni), Hadis Najafi (20 anni), Hannaneh Kia (23 anni), Ghazaleh Chalavi (32 anni), Mahsa Moguyi (18 anni) sono solo alcune delle vittime. Altre centinaia, tra cui studenti, giornalisti, personaggi pubblici e attivisti, sono stati arrestati. Per darvi un'immagine della gravità della situazione, solo nella regione del Sistan e del Baluchestan, secondo fonti locali, almeno 42 persone sono state uccise nelle proteste dopo la preghiera del venerdì del 30 settembre. I numeri sono ancora incerti poiché l'accesso a Internet è in gran parte limitato e altri canali di comunicazione sono stati soppressi. Le famiglie delle vittime sono minacciate, non possono parlare e devono seppellire i propri figli in silenzio mentre molti ancora non conoscono il destino dei loro cari che erano scesi in piazza. Negli ultimi giorni, anche le università iraniane stanno aderendo alle proteste, mentre lavoratori e pensionati cominciano o minacciano di scioperare. Una novità molto recente sono i ragazzi e le ragazze delle scuole che partecipano attivamente alle proteste e si ribellano contro la discriminazione nelle scuole e in pubblico. Allo stesso tempo, il regime sta cercando di aumentare la sua violenta campagna contro i manifestanti con ogni mezzo possibile: con l’utilizzo di bambini-soldati, arrestando la gente nelle ambulanze e richiamando le sue milizie alleate dal resto del Medio Oriente per opprimere le manifestazioni. Ovviamente è molto difficile confermare ognuna di queste notizie al momento, ma ci danno un’idea della gravità della situazione.

Quali sono i possibili scenari futuri nel caso di caduta del governo? C'è un modello alternativo o più di uno?

Non credo che al momento sia possibile fare una previsione di questo tipo. Questa è la fase più complessa e alla fine saranno gli iraniani a scegliere. I gruppi di opposizione o le organizzazioni politiche che fanno progetti sul futuro del paese sono per lo più fuori dall'Iran e sono stati lontani per decenni dalla vera esperienza di vita in Iran. La maggior parte di loro, compresi i gruppi monarchici, socialdemocratici e di sinistra, non hanno un chiaro piano di transizione e stanno ancora lottando con il proprio passato se non con altre questioni come il settarismo ideologico o etnico. Soffrono chiaramente di una mancanza di credibilità e non sono ancora preparati all'unità nazionale a livello politico, anche se uniti nella loro opposizione alla Repubblica Islamica e nella solidarietà con i manifestanti. Sono anche frazionati e soffrono di una mancanza di carisma dove nessuno di loro sembra voluto dalla maggioranza delle persone. In questa prospettiva poco chiara, l'unica speranza è concentrarsi nelle strade e nella lotta molto umana e istintiva delle persone per la libertà, cercando di trovare ogni possibile soluzione per una effettiva organizzazione dal basso e per fare in modo che il male scompaia. Mi sembra un'assurdità dire, come si sente, che senza la Repubblica islamica l'Iran diventerebbe un'altra Libia. La Repubblica Islamica stessa è il principale motivo per cui un’unità a livello nazionale tra varie forze non è stata finora possibile.  

E sempre in una prospettiva di cambiamento, come si potrebbe definire l'eventuale riposizionamento dell'Iran nella scacchiera internazionale?

Dobbiamo aspettare e vedere dove ci porteranno queste proteste. Questo non vuol dire arrendersi al destino. Probabilmente ci si dovrà preparare per una lotta dura e lunga. Una guerra civile o qualcosa di simile a quello che è successo in Siria? Non lo so. L’Iran ha una situazione diversa, e non si configura neanche interamente nell’immaginario occidentale dell’oriente arabo e musulmano. I cambiamenti stanno avvenendo molto rapidamente e le tensioni aumentano ogni ora. Penso che il potente messaggio delle donne iraniane abbia già iniziato a cambiare qualcosa nella regione MEA. Adesso come adesso può accadere di tutto. Penso che le pressioni sulla Repubblica Islamica stiano gradualmente aumentando di fronte alle proteste globali degli iraniani e stiano spingendo la comunità internazionale ad agire in modo più responsabile al di fuori dei giochi politici. C’è il Canada che estende le sue sanzioni contro il regime e la Germania che già chiede all'UE di adottare più sanzioni in solidarietà con gli iraniani. Questi sono segnali confortanti ma ancora troppo retorici e non tecnicamente 'game changer'.  Poi, vediamo leader mondiali - come Macron - che incontrano il presidente iraniano durante la recente Assemblea Generale delle Nazioni Unite e parlano per la maggior parte del tempo del programma nucleare iraniano mentre, nello stesso momento, in Iran i manifestanti vengono uccisi nelle strade. Fino a quando in Europa o negli Stati Uniti la questione dell'Iran sarà considerata come una non-priorità, o si penserà di poter ancora fare accordi con i dittatori nel proprio interesse, non verranno presi i giusti provvedimenti. Una cosa importante, in questo momento, è assicurarsi con ogni mezzo possibile che gli iraniani all'interno del paese possano avere canali di comunicazione sicuri per far sentire la loro voce. La tutela e il supporto per i manifestanti iraniani all’estero contro il sabotaggio e lo spionaggio del governo iraniano è vitale. Gli studenti iraniani che vivono all’estero cercano disperatamente di intervenire nel dibattito sull’Iran ma temono di entrare in una blacklist.  D'altra parte anche nelle sue tradizionali aree di influenza in Medio Oriente - come l'Iraq e il Libano - la Repubblica Islamica sta affrontando proteste popolari in solidarietà con l'Iran e contro i suoi interventi sbagliatio in quei paesi negli ultimi decenni. Penso che ciò che sta accadendo in Iran stia ora ispirando positivamente altri popoli nella regione. Donne afghane, in una spettacolare dimostrazione di coraggio, sono nelle strade di Kabul per sostenere il popolo iraniano che chiede di vedere riconociuti i propri diritti e già questo potrebbe dirci che, a parte le speculazioni politiche, un futuro migliore nella regione è possibile se cerchiamo di rimanere uniti per la tutela dei dritti umani. La cosa certa è la determinazione del popolo iraniano a superare la situazione attuale a qualsiasi prezzo. Donna, Vita, Libertà è la lotta di ciascuno di noi. 

A cura di Federica Scotellaro