Photo credits: Rama, CC BY-SA 2.0 FR, via Wikimedia Commons

Ca' Foscari, Dottorato Honoris Causa in Informatica al prof. Patrick Cousot

Alla fine degli anni Settanta, il ricercatore francese Patrick Cousot ideò, con la moglie Radhia, una tecnica efficiente per verificare la qualità di un software senza eseguirlo. La chiamò teoria dell’interpretazione astratta. Da allora, è una tecnica di riferimento per l’analisi dei programmi per computer e la prevenzione dei famigerati ‘bug’.

L’Università Ca’ Foscari Venezia riconoscerà il fondamentale contributo di Cousot alla ricerca in campo informatico conferendogli un dottorato di ricerca honoris causa, con una cerimonia in Aula Baratto giovedì 20 maggio alle 11.00. Al termine della cerimonia, Patrick Cousot, oggi Silver Professor of Computer Science alla New York University, terrà una lectio magistralis sulla sua teoria.

La cerimonia sarà introdotta dai saluti della Rettrice Tiziana Lippiello, e del direttore del Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica Salvatore Orlando. La laudatio, che precede la lettura delle motivazioni e il conferimento, sarà tenuta dal professore di Informatica Agostino Cortesi. La cerimonia si svolgerà in lingua inglese.

Patrick Cousot ha conseguito dottorati in Informatica e in Matematica all’Università Grenoble Alps. Attualmente è Silver Professor of Computer Science al Courant Institute of  Mathematical Sciences della New York University, Stati Uniti. E’ stato professore alla École Normale Supérieure di Parigi, alla École  Polytechnique e all’Università di Lorraine. Iniziò la sua carriera come ricercatore al CNRS presso l’Università di Grenoble. Ha ricevuto la medaglia d’argento dal CNRS nel 1999, un dottorato onorario dall’Università di Saarlandes (2001), il Grand Prix of Computer Science and its Applications della Fondation Airbus Group attribuito dalla French Academy of Sciences (2006), un Humboldt Research Award (2008), e, con Radhia Cousot, l’ACM-SIPLAN Programming Languages Achievement Award (2013), l’IEEE Harlan D. Mills Joint Award (2014), e l’IEEE John Von Neumann Medal (2018) “per l’introduzione dell’interpretazione astratta, uno schema potente per calcolare automaticamente proprietà dei programmi con vaste applicazioni nella verifica e ottimizzazione”. E’ fellow della Association for Computing Machinery “per i contributi ai linguaggi di programmazione attraverso l’invenzione e l’attribuzione dell’interpretazione astratta” (2020).  È membro della Academia Europaæ, sezione Informatica (dal 2006).

All'interno dell'Universita' Ca' Foscari di Venezia, il gruppo di ricerca Software and System Verification guidato dal prof. Cortesi applica le teorie sviluppate da Patrick Cousot a diversi ambiti e problematiche software che spaziano dalla protezione della confidenzialità dei dati ai dispositivi IoT e tematiche di cybersecurity applicativa.

Per informazioni e prenotazioni, consultare la pagina dell'evento.

A seguito della consegna dell’onorificenza si terrà, dalle 14 in Aula Baratto, il seminario ‘Challenges of the Software Verification’ organizzato da Agostino Cortesi, Pietro Ferrara, Vincenzo Arceri e Martina Olliaro. A partecipare al seminario ci saranno i ricercatori più importanti a livello mondiale nell’ambito della teoria e delle applicazioni di tecniche formali di analisi del software, provenienti sia dal mondo accademico (Yale University, ETH Zurich, Sorbonne Paris, TU Wien) che da centri di ricerca applicata (NASA, Facebook/Meta). 

La partecipazione al seminario è solo su invito. Il programma completo è disponibile qui