Cafoscarinews

E' scomparso il prof. Saverio Bellomo

Martedì 10 aprile, è mancato improvvisamente Saverio Bellomo, Professore ordinario di Filologia italiana presso il Dipartimento di Studi Umanistici e uno dei più importanti studiosi di Dante. La sua scomparsa è una grave perdita per il DSU e per tutto l’Ateneo.

Nato a Treviso nel 1952, si era laureato in Lettere a Ca’ Foscari con Giorgio Padoan.

Dopo essere stato ricercatore all’Università degli Studi di Trento era stato nel 1993 nominato professore associato per la disciplina "Filologia italiana" presso la Facoltà di Lettere e filosofia di Ca’ Foscari.
In seguito era stato professore di Filologia e critica dantesca all’Università di Roma Tre e nel 2002 era tornato a Ca’ Foscari come professore ordinario di Filologia della letteratura italiana. Nell’Ateneo cafoscarino aveva ricoperto importanti incarichi, come Direttore del Dipartimento di Italianistica e Filologia Romanza, componente del Senato Accademico ed era attualmente Presidente della Biblioteca di Area Umanistica.

Molto significativa è stata la sua attività di ricerca, dedicata alla letteratura italiana medievale e, soprattutto, a Dante, alla sua opera e alla sua ricezione. Sono particolarmente importanti le sue edizioni critiche di alcuni commenti trecenteschi alla Commedia (Jacopo Alighieri, Guglielmo Maramauro, Filippo Villani). Imprescindibili per l’esegesi dantesca sono inoltre il Censimento dei manoscritti dei commenti danteschi e il Dizionario dei commentatori danteschi (Firenze, Olschki, 2004). Attualmente lavorava a una nuova edizione commentata del poema di Dante: il primo volume (Inferno, Torino, Einaudi, 2013) è già diventato un testo di riferimento per tutti i suoi lettori.

Come molti hanno potuto sperimentare, nella vita politica e intellettuale dell’Ateneo, Bellomo è stato una figura realmente importante: un vero maestro per i suoi studenti, un finissimo interprete della letteratura italiana e un amministratore capace di assumersi le sue responsabilità, con profonda umanità e un grande senso dell’istituzione di cui si sentiva fortemente parte. Per questo lascia un vuoto incolmabile tra i suoi colleghi e studenti.

Una cerimonia commemorativa si terrà sabato 14 alle ore 10 nell'Auditorium Santa Margherita.

×

Nome obbligatorio

Enter valid name

E-mail valida obbligatorio

Enter valid email address

Captcha Code Non riesci a leggere l'immagine? Clicca per aggiornarla

Code does not match!

* Campi obbligatori

Commenta per primo