Sona Haroutyunian interprete di Mattarella in Armenia

Si è appena conclusa la visita di Stato del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in Armenia. Interprete per il Capo dello Stato, su incarico del Ministero degli Esteri, è stata Sona Haroutyunian, docente di lingua Armena presso il dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea di Ca’ Foscari.

“Ogni volta è come la prima volta. È un’esperienza emozionante, di grande responsabilità ma anche di immensa gioia e soddisfazione professionale.” Ci ha raccontato la docente.



Sona Haroutyunian è un’esperta di teoria e tecnica della traduzione e collabora con diversi progetti all’interno dell’ateneo cafoscarino, che annovera l’Armeno tra le circa 40 lingue insegnate.

«Oltre alla didattica della lingua armena prevediamo diverse attività interessanti. Con il collega Aldo Ferrari stiamo organizzando il Convegno Internazionale “Viaggio in Armenia” che si terrà  a Venezia il 29-30 ottobre. Inoltre continueremo il ciclo di conferenze “Armenia: una civiltà di frontiera” arrivata alla sua sesta edizione . Con Daniela Meneghini proporremo la seconda edizione del ciclo di seminari sulla teoria di traduzione che l'anno scorso ha riscosso grande interesse e partecipazione degli studenti, con il collega Dario Miccoli pensiamo di organizzare un ciclo di seminari sulla Letteratura della migrazione. Continuerò con grande piacere a collaborare con il Laboratorio sulla traduzione delle lingue orientali, diretto dalla collega Nicoletta Pesaro. È prevista, inoltre, una mia lezione su “La donna nella letteratura armena” al Corso di minor sulla figura femminile nelle letterature, coordinato da Susanna Regazzoni. Per quanto riguarda le collaborazione internazionali, continueremo con la collega Alessandra Giorgi il progetto Erasmus+ con l’Armenia. Pochi giorni fa, è arrivata anche la bella notizia della conferma di vincita per la terza volta del progetto Erasmus+ con l'Armenia. Colgo questa occasione anche per ringraziare l’Ufficio relazioni internazionali per l’eccezionale lavoro».