Linguaggio e parità di genere. Ascolta l'intervista della prof.ssa Giusti sul convegno LIGHTS 2018

Ca’ Foscari si conferma un Ateneo attento a promuovere i valori dell’uguaglianza e della parità di genere, nel lavoro e nella società. E’ una delle prime Università ad aver adottato la declinazione al femminile di ruoli e incarichi sul web, dove ha anche creato la rubrica #ricercaèdonna; affronta l’argomento nei suoi ambiti di didattica e ricerca, e propone numerose iniziative a supporto delle donne nel mondo del lavoro.

In questo scenario, oltre 40 esperte ed esperti internazionali si riuniranno a Ca’ Foscari per il convegno LIGHTS 2018: Linguaggio, parità di genere e parole d’odio, il18 e 19 ottobre in Auditorium Santa Margherita.
La presidente del comitato scientifico è la prof.ssa Giuliana Giusti, docente di linguistica al dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati. Ecco la sua intervista sulle frequenze web di Radio Cafoscari, dove sintetizza gli obiettivi del convegno e ci ricorda che «il genere è una questione culturale».

Durante il convegno si affronteranno alcuni argomenti di estrema attualità, come il dibattito di lunga data sulla mancata attribuzione per legge del cognome materno e la vicenda di Asia Argento, diventata caso di studio dell’odio on line.

Il secondo giorno sarà dedicato prevalentemente agli aspetti giuridici che riguardano l’aggressività verbale, con particolare attenzione verso gli haters che attaccano sul web le donne con ruoli politici o comunque apicali.
In conclusione si terrà una tavola rotonda sul tema Lingua, genere e parole d’odio nell’informazione, con la partecipazione di giornaliste e studiose dell’argomento.

Il convegno è accreditato nella piattaforma S.O.F.I.A. del MIUR e nella piattaforma S.I.Ge.F.(ente esterno) dell’ordine dei giornalisti


Federica SCOTELLARO