Cafoscarini a lezione di Nazioni Unite anche a Venezia

Dal 6 all'8 maggio sull'isola di San Servolo è andata in scena la prima edizione del Venice Universities' MUN, la simulazione del funzionamento delle Nazioni Unite organizzata da Ca' Foscari insieme alla Venice International University e all'associazione studentesca Venice Diplomatic Society.

Si è trattato del primo evento universitario di questo genere tenuto a Venezia, a cui hanno partecipato quasi un centinaio di studenti italiani e internazionali. Per tre giorni i delegati hanno avuto l'opportunità di affacciarsi da protagonisti alla vita delle organizzazioni internazionali, mettendosi in gioco in prima persona e alimentando la loro capacità critica di negoziazione e interazione in un contesto globale.


Di grande attualità il tema prescelto per questa edizione inaugurale: i vari aspetti della guerra civile in Siria e dell'emergenza rifugiati sono stati dibattuti dai partecipanti suddivisi in 4 comitati, che hanno ricalcato il funzionamento di alcune delle strutture principali dell'ONU (Consiglio di Sicurezza, comitato per l'uguaglianza di genere UN Women, Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e Comitato per le questioni sociali, culturali e umanitarie). In ogni comitato, i delegati rappresentanti i diversi Stati hanno avuto tre giorni di tempo per dibattere e raggiungere un accordo, che ha portato poi all’approvazione di una risoluzione finale nei rispettivi ambiti.

Le sessioni di dibattito hanno visto gli interventi di spicco del Prof. Antongiulio de’ Robertis, docente di Storia dei trattati e politica internazionale presso l'Università degli studi di Bari, e un collegamento video con Shamsi Pishko, ufficiale delle Nazioni Unite attualmente impegnato in Siria, che ha portato la sua esperienza diretta sul campo.

La delegazione cafoscarina, composta da una sessantina di studenti, ha lavorato fianco a fianco con gli studenti VIU provenienti da 19 Paesi di tutto il mondo, in uno scambio continuo di idee che ha portato a superare le barriere nazionali e di appartenenza, in un'ottica veramente internazionale. Le attività sono state coaudiuvate dalla ricercatrice di diritto internazionale presso il Dipartimento di Economia di Ca' Foscari Sara De Vido.

Infine, gli studenti di Ca' Foscari si sono distinti anche all'interno del servizio Press, coordinato dall'ex cafoscarino Roberto Bortoletto in collaborazione con la Student Association of International Affairs (SAIA), che per tutta la durata dell'evento ha diffuso informazioni e news relative alle diverse risoluzioni approvate.