Prestiti online in crescita, analisi sui dati tedeschi

Una porzione sempre più ampia di credito al consumo e non solo passa attraverso piattaforme digitali estranee alle banche. Il fenomeno, noto come prestito peer-to-peer, sta colmando una lacuna del sistema bancario, restio a sostenere i consumi delle famiglie quando i rischi sono elevati.

Dove non arrivano le banche, quindi, sta arrivando la tecnologia. Lo dimostra uno studio realizzato da tre economisti che hanno indagato questo mercato in Europa, analizzando le transazioni gestite dalla più importante piattaforma di prestito P2P tedesca e i prestiti effettuati dalle banche tedesche usando i dati della Bundesbank.

La ricerca è stata firmata da Loriana Pelizzon, professoressa al Dipartimento di Economia dell'Università Ca’ Foscari Venezia e alla Goethe University di Francoforte, con Calebe de Roure (Frankfurt School of Finance and Management) e Paolo Tasca (Bundesbank, UCL e Ecurex Research).

Lo studio, pubblicato su Social Science Research Network, cerca di rispondere al perché tanti consumatori si rivolgano ai canali informali dei prestiti online anziché alle banche, interesse dimostrato anche dal volume delle ricerche inerenti effettuate su Google. Questi consumatori sono individui e famiglie considerati ad alto rischio che hanno bisogno di piccole somme per periodi medio-lunghi: da 1 a 5 anni.

Il tasso di interesse che ottengono questi debitori online è elevato, ma comparabile con quello che avrebbero ottenuto dalle banche se aggiustato per la loro rischiosità. Gli istituti di credito non accontentano questo mercato, che quindi si rivolge al web dove trova un’offerta crescente di prestiti adatti al proprio bisogno.

“Il mercato dei presiti online in Germania ha una dimensione paragonabile a quella di una piccola banca – spiega l’economista Loriana Pelizzon - si tratta quindi di un fenomeno ancora di piccole dimensioni, ma in forte crescita anche in Italia".

Le opportunità offerte dalla tecnologia digitale, concludono gli autori della ricerca, sembrano essere alla base di questo successo crescente del P2P: la gestione digitale, snella e poco costosa, rende remunerativo per il creditore quello che per le banche rischierebbe di diventare troppo costoso.

Enrico Costa

×

Nome obbligatorio

Enter valid name

E-mail valida obbligatorio

Enter valid email address

Captcha Code Non riesci a leggere l'immagine? Clicca per aggiornarla

Code does not match!

* Campi obbligatori

Commenta per primo