A settembre ripresa della didattica: lezioni in presenza e da remoto

Lezioni, accesso alle aule e alle biblioteche, dotazioni tecnologiche, sistema di iscrizione/prenotazione e misure di prevenzione anti-COVID. Le lezioni cominceranno il 7 settembre per i corsi dell’area linguistica e il 14 settembre per i corsi delle aree scientifica, umanistica ed economica.

Scopri tutte le novità dell’offerta formativa ed esplora le possibilità che può darti Ca’ Foscari visitando la nuova pagina dedicata ai Futuri Studenti.
Se non hai avuto modo di assistere agli Open Day online in diretta, puoi comunque accedere alla playlist di tutte le presentazioni alla pagina www.unive.it/openday

Il Rettore Michele Bugliesi: «Stiamo completando l’organizzazione delle attività didattiche per il I semestre con l'obiettivo di favorire la frequenza, creando le migliori condizioni per una formazione e servizi di qualità, erogati in sicurezza e supportati dalle tecnologie più avanzate. È un segnale forte quello che vogliamo dare, a conferma della volontà di promuovere il ritorno degli studenti all'università e di inclusività per chi si troverà nella condizione di dover seguire le lezioni a distanza. Da settembre le attività accademiche riprenderanno a pieno ritmo, sostenute dagli investimenti in infrastrutture e a sostegno del diritto allo studio  con i finanziamenti e gli incentivi alla residenzialità, connettività e trasporti decisi nelle scorse settimane insieme alle misure a favore degli studenti e delle famiglie colpite più duramente dalla crisi».

 

Ecco, in sintesi, i principali aggiornamenti:

Esami  della sessione autunnale

Gli esami di settembre si svolgeranno a distanza, come per la sessione estiva. Il calendario è già stato pubblicato nel mese di giugno.
Saranno consentite, a seconda dell'evolvere della situazione epidemiologica, limitate deroghe per esami che coinvolgano un numero molto ridotto di studenti e per i quali i Dipartimenti siano in grado di garantire lo svolgimento in presenza, garantendo il rispetto delle procedure previste dal protocollo di mitigazione del rischio COVID-19.

Lezioni primo semestre in modalità duale

Nel primo semestre le lezioni ripartiranno in presenza, seguendo le indicazioni del Ministero e la raccomandazione di favorire al massimo possibile la frequenza dei nuovi immatricolati.
I vincoli di sicurezza rendono necessario per l’Ateneo predisporre un’organizzazione che preveda una presenza a lezione contingentata rispetto alla capienza delle aule, con le seguenti modalità:

  •  la capienza delle aule sarà ridotta a una percentuale attualmente stimata al 50% dei posti disponibili.
  • la frequenza alle lezioni dovrà conseguentemente essere organizzata prevedendo che solo una parte di studenti possa essere presente in aula, attraverso un sistema di prenotazione in corso di implementazione mentre la restante parte di studenti potrà seguire la lezione in streaming durante le lezioni utilizzando la piattaforma di videoconferenza ZOOM;
  • le lezioni saranno registrate e rese disponibili sulla piattaforma di video content management Panopto così da essere fruibili anche in un momento successivo, entro 7 giorni dalla data della lezione. L’accesso al sistema Panopto sarà limitato agli studenti iscritti ai corsi dell’Ateneo.

Gli studenti collegati in videoconferenza potranno interagire sia a voce che via chat con il docente seguendo le regole di gestione dell’aula che il docente stabilirà per ciascun insegnamento. Le dotazioni tecnologiche delle aule permetteranno le migliori condizioni sia per la docenza, sia per la fruizione delle lezioni, in aula e da remoto.

Misure di prevenzione del rischio da COVID-19

Durante lo svolgimento dell’attività didattica nelle aule è previsto il distanziamento di 1 metro da centro-seduta a centro-seduta e l’obbligo di indossare sempre la mascherina da parte degli studenti. Il docente deve mantenere la distanza di 2 metri dagli occupanti la prima fila di posti senza l’obbligo di indossare la mascherina. In caso di avvicinamento al di sotto di questa distanza è obbligatorio l’utilizzo della mascherina anche per il docente.
I posti a sedere che non potranno essere utilizzati per garantire il distanziamento saranno indicati con apposita segnaletica.
Ogni aula sarà dotata di un dispenser di gel igienizzante che studenti e docenti dovranno utilizzare per sanificare le mani prima di accedervi. Sarà inoltre presente in ogni aula, a disposizione degli utilizzatori, un igienizzante liquido e della carta per poter provvedere alla sanificazione della strumentazione di uso comune, dai microfoni ai computer.
Verrà rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in aula o alla sede dell’attività formativa ai soggetti con temperatura > 37,5 °C.

All’interno del perimetro dell’Ateneo rimarrà interdetto l’uso di facciali filtranti con valvola. In caso di necessità, nelle portinerie saranno disponibili mascherine chirurgiche a norma.

Il ricircolo dell’aria negli ambienti è già stato azzerato come da protocollo di contenimento. Il ricambio d’aria sarà quindi garantito con l’apertura, quando possibile, delle finestre e con l’introduzione di aria fresca dal circuito di ventilazione.

Gli ambienti saranno sanificati quotidianamente con ulteriori passaggi a metà mattina e metà pomeriggio (nel caso di apertura 8-20) sulle superfici più utilizzate quali maniglie di porte, pulsanti di ascensori, ripiano delle aree di ristoro, corrimano di scale, servizi igienici, dispositivi comuni.

Dotazioni tecnologiche nelle aule

L’Ateneo sta provvedendo all’allestimento tecnologico delle aule, con un investimento di circa 1,5 milioni di euro, che prevede dispositivi come whiteboard, visualizer di oggetti, software aggiuntivi, sistemi di videoconferenza, condivisione dello schermo.

Telecamere ad alta definizione e microfoni ambientali permetteranno di evitare disturbi o brusii e di captare i suoni entro una zona predefinita così da permettere al docente una certa mobilità durante la lezione e al contempo garantire un audio di qualità sia in aula sia da remoto. La document camera, dispositivo che permette di visualizzare oggetti, pagine di libro, altri documenti inclusi testi manoscritti su carta o altre superfici, consentirà di visualizzare l’immagine acquisita sullo schermo di proiezione per gli studenti in presenza e sul sistema di videoconferenza per gli studenti che partecipano alla lezione da remoto.
In alcuni casi ci saranno delle telecamere fisse installate a parete o a soffitto che consentiranno di inquadrare il docente e la lavagna seguendo il docente nei suoi movimenti.

Sistema di prenotazione per l’accesso alle sedi universitarie degli studenti

L’accesso a ciascuna sede sarà consentito, su base giornaliera, solo a studentesse e studenti dotati di mascherina e in possesso d’una prenotazione per una o più lezioni presso la sede in una o più fasce orarie nella giornata. Le prenotazioni dovranno essere esibite all’ingresso delle sedi, presso le portinerie, o presentandole al personale dedicato alla gestione dei flussi di accesso, dove saranno utilizzati anche i dispositivi per la misurazione della temperatura e saranno a disposizione le dotazioni per l’eventuale distribuzione dei dispositivi individuali per chi ne fosse temporaneamente sprovvisto.

Il sistema di prenotazione, via web e tramite app, permetterà di inserire una percentuale o un numero di posti disponibili per ciascuna aula con un anticipo massimo predeterminato. Una volta superato il numero configurato di presenze presso una sede l'applicazione non permetterà di effettuare prenotazioni per quel giorno; Il sistema permetterà inoltre di prenotare un numero massimo di ore così da assicurare l’accesso a quante più persone possibili.

Accesso alle biblioteche di Ateneo

Sono già attivi, su prenotazione, tutti i servizi riguardanti il patrimonio bibliografico: consultazione, prestito, fotocopiatura, document delivery, prestito interbibliotecario.

Da fine agosto è prevista un’apertura ampliata, anche pomeridiana, in tutte le biblioteche, dal 24 agosto, con apertura anche il sabato mattina in BAUM e BEC per favorire gli studenti lavoratori. E’ stato nel frattempo adottato un software di prenotazione dei posti utilizzabile da smartphone, che permetterà di vedere dove si trovino posti liberi in tutte le biblioteche dell’Ateneo, incluse quelle dell’area linguistica, e alle biblioteche permetterà di trasmettere informazioni in tempo reale sull’apertura e le eventuali emergenze. E’ inoltre costantemente consultabile da remoto tutto il patrimonio online.

La diretta Facebook del rettore Michele Bugliesi:

Federica SCOTELLARO