Incontri in attesa di

incroci di civiltà

Verso Incroci 6 – 26 Ottobre

Manuel Vilas
Manuel Vilas
(Credits Alex Gallegos)
Mathias Enard
Mathias Enard
(Credits Pierre Marquès)
Paolo Rumiz
Paolo Rumiz
(Credits Basso Cannarsa)
Tiziano Scarpa
Tiziano Scarpa
(Credits Gianluca Moro)
Lorenzo Tomasin
Lorenzo Tomasin

Mercoledì 6  Ottobre

– ore 17.00

Ca' Bernardo - sala B
Dorsoduro 3199, Venezia

incontro con
Manuel Vilas - Spagna

a cura di Alessandro Mistrorigo e Adrián J. Sáez
Incontro in lingua spagnola con traduzione consecutiva

è poeta e narratore, e collabora regolarmente con varie testate giornalistiche. Ha pubblicato raccolte di poesie e romanzi, tra cui “España”, indicato dalla rivista “Quimera” come uno dei dieci romanzi in lingua spagnola più importanti del primo decennio del secolo. La sua opera è presente nelle principali antologie spagnole di poesia e narrativa. Ordesa (2018, tr.it. “In tutto c’è stata bellezza”), romanzo-memoriale sui complicati rapporti padri e figli ha riscosso un ampio successo in Spagna, con dodici edizioni in un anno, e nel mondo, con più di quattordici traduzioni, ed è stato il suo primo libro pubblicato in Italia. “El País” e “El Mundo” lo hanno eletto miglior libro del 2018. Con il suo nuovo romanzo, “Alegría” (tr. it. “La gioia, all’improvviso”), Vilas è stato finalista al Premio Planeta 2019. Tra le sue raccolte di poesie si segnala “Amor: Poesía reunida 1988-2010”, tradotta in italiano nel 2021 dall'editore Guanda.

Il suo ultimo romanzo, ”Los Besos” (tr. it. I baci, Guanda 2021), è una travolgente storia d’amore che si svolge nel periodo del lockdown nel 2020, a Madrid, complice anche la lettura del ”Don Chisciotte” di Cervantes.

 

Principali romanzi:
  • "España", 2008
  • "Aire nuestro", 2009
  • "El luminoso regalo", 2013
  • "Ordesa", 2018 (tr. it. In tutto c'è stata bellezza, Guanda, 2019)
  • "Alegría", 019 (tr. it. La gioia, all'improvviso, Guanda, 2020)
  • "Los besos", 2021

 

Poesie:
  • "Poemas", 2009
  • "Amor: Poesía reunida" 1988-2010 (tr. it. Amor, Guanda, 2021)
  • "Gran Vilas", 2012
  • "Antología poética", 2015
  • "Poesía completa" 1980-2018, 2019

 

Sabato 16  Ottobre

– ore 10.30

Salone Internazionale del Libro di Torino - sala azzurra
Lingotto Fiere, via Nizza 294, Torino
Per informazioni e prenotazioni:
Salone internazionale del libro di Torino

incontro con
Mathias Énard - Francia

a cura di Flavio Gregori e Alessandro Raveggi
Incontro in lingua francese con traduzione consecutiva

è nato in Francia nel 1972. Dopo essersi formato in storia dell’arte all’École du Louvre, ha studiato arabo e persiano. Dopo lunghi soggiorni in Medio Oriente, soprattutto in Egitto e Iran, nel 2000 si stabilisce a Barcellona, dove collabora a diverse riviste culturali. All’attività di professore di arabo all’università autonoma di Barcellona affianca quella di traduttore. Il suo romanzo “Boussole” (2015) ha ricevuto il premio Goncourt e il premio Von Rezzori; inoltre è stato finalista al Man Booker International Prize e al Premio Strega Europeo.

 

Opere principali:

  • La “Perfection du tir”, 2003 (tr. it. “La perfezione del tiro”, E/O, 2018).
  • “Bréviaire des artificiers”, 2007 (tr. it. “Breviario per aspiranti terroristi”, Nutrimenti, 2009)
  • “Zone”, 2008 (tr.it. “Zona”, Rizzoli, 2011)
  • “L'Alcool et la Nostalgie”, 2011 (tr. it. “L'alcol e la nostalgia”, E/O, 2017)
  • “Parle-leur de batailles, de rois et d'éléphants”, 2013 (tr. it. “Parlami di battaglie, di re e di elefanti”, E/O, 2021)
  • “Boussole”, 2015 (tr. it. Bussola, E/O, 2016)
  • “Dernière communication à la société proustienne de Barcelone”, 2016 (tr. it. “Ultimo discorso alla Società proustiana di Barcellona”, E/O, 2020)
  • “Le Banquet annuel de la confrérie des fossoyeurs”, 2020.

martedì 19  Ottobre

– ore 11.00

Ca' Dolfin - Aula Magna S. Trentin
Dorsoduro 3825/D, Venezia

Il viaggio è la vita: incontro con
Paolo Rumiz - Italia

a cura di Alessandro Cinquegrani,
Incontro in lingua italiana,
in collaborazione con Festival Pordenone Dedica

(1947) è un giornalista, scrittore e viaggiatore triestino. Ha lavorato per i quotidiani “Il Piccolo” e “La Repubblica”. Sono importanti i suoi “reportage” dai Balcani durante le guerre nella ex Jugoslavia, e dall'Afghanistan e dal Medio Oriente all'inizio del nuovo millennio. Rumiz si è dedicato alla narrazione dei suoi viaggi attraverso l'Italia, l'Europa, in particolare l'Est europeo, e altri paesi, viaggi da cui ha tratto molte opere. Dal 2001 ha preso a viaggiare ogni mese di agosto per varie destinazioni, raccondando le sue peregrinazioni com inviato de “La Repubblica”. I suoi servizi e i suoi lavori letterari gli hanno fruttato numerosi premi, tra cui il Premio Hemingway per i suoi servizi dalla Bosnia nel 1993, il Premio Max David come miglior inviato italiano nel 1994, il Premio Marco Lucchetta nel 2006, il Premio Chatwin nel 2007, il premio ANA come giornalista dell'anno.

 

Alcune opere:
  • “Danubio. Storie di una nuova Europa”, Studio Tesi, 1990

  • “La linea dei mirtilli. Storie dentro la storia di un paese che non c'è più”, Editori Riuniti, 1993,1997.
  • “Maschere per un massacro. Quello che non abbiamo voluto sapere della guerra in Jugoslavia”, Feltrinelli, 2011.
  • con/with Francesco Altan, ”Tre uomini in bicicletta”, Feltrinelli, 2002.
  • “È oriente”, Feltrinelli, 2003.
  • “Gerusalemme perduta”, Frassinelli, 2005.
  • “La leggenda dei monti naviganti”, Feltrinelli, 2007. 
  • “L'Italia in seconda classe”, Feltrinelli, 2009.
  • “La cotogna di Istanbul. Ballata per tre uomini e una donna”, Feltrinelli, 2010.
  • “Trans Europa Express”, Feltrinelli, 2012
  • “Morimondo”, Feltrinelli, 2013.
  • “Il Ciclope”, Feltrinelli, 2015.
  • con/with Cécile Kyenge, ”Dal libro dell'Esodo”, Edizioni Piemme, 2016.
  • “La Regina del Silenzio”, La Nave di Teseo, 2017.
  • “Il filo infinito”, Feltrinelli, 2019
  • “Il veliero sul tetto. Appunti per una clausura”, Feltrinelli, 2020

martedì 26  Ottobre

– ore 11.00

Marcorà-Malcanton - Sala G. Morelli
Dorsoduro 3484/D, Venezia

incontro con
Lorenzo Tomasin - Italia
Tiziano Scarpa - Italia
Venezia, l'Europa, le sue lingue

Iniziativa realizzata in occasione delle celebrazioni per i 1600 anni di Venezia
Incontro in lingua italiana

(1975) è nato a Venezia ed è dal 2012 professore di Filologia romanza e di Storia della lingua italiana all’Università di Losanna (Svizzera); ha insegnato anche nelle università "Bocconi" di Milano, Ca’ Foscari»di Venezia e alla Scuola Normale di Pisa, dove si è formato. Ha ricevuto una “venia legendi” in Filologia romanza a Saarbrücken (Germania). Le sue ricerche mettono in relazione storia linguistica e storia culturale, muovendo da Venezia ed estendendosi alla tradizione letteraria italiana e poi all’Europa romanza. Tra i suoi ultimi libri: “Il caos e l’ordine”. “Le lingue romanze nella storia della cultura europea” (2019) ed “Europa romanza” (2021). Collabora regolarmente con il Domenicale del « Sole-24ore » e con lo svizzero « Corriere del Ticino ».

 

Opere Principali
  • "Il volgare e la legge. Storia linguistica del diritto veneziano”, Padua, Esedra, 2001.
  • “Storia linguistica di Venezia”, Carocci, 2010.
  • “Italiano. Storia di una parola”, Carocci, 2011.
  • “L’impronta digitale. Cultura umanistica e tecnologia”, Carocci, 2017.
  • “Il caos e l’ordine. Le lingue romanze nella storia della cultura europea”, Einaudi, 2019.
  • “Europa romanza. Sette storie linguistiche”, Einaudi, 2021.

è nato a Venezia nel 1963. Dal 1996, anno del suo esordio con il romanzo “Occhi sulla graticola”, ha pubblicato circa una trentina fra romanzi, raccolte di racconti, saggi, poesie e testi teatrali. I suoi libri più conosciuti sono il romanzo “Stabat Mater” (2008), che gli è valso il premio Strega nel 2009, il poema “Groppi d’amore nella scuraglia” (2005), gli aforismi “Corpo” (2004), la guida letteraria “Venezia è un pesce” (2000; la nuova edizione ampliata è uscita nel 2020). Recentemente sono usciti i romanzi Il cipiglio del gufo (2018) e “La penultima magia” (2020), oltre che le raccolte di poesia “Le nuvole e i soldi” (2018) e “Una libellula di città e altre storie in rima” (2018). I suoi libri sono tradotti nelle principali lingue europee, e in cinese, giapponese, russo, arabo, ebraico, turco. Ha collaborato con molti giornali; ha scritto programmi radiofonici tra cui “Pop corn” (1997) e “La musica nascosta” (2008); ha ideato e fondato le riviste-sito “Nazione indiana” nel 2003 e “Il primo amore” nel 2006. Ha calcato teatri e piazze come lettore scenico, da solo o in compagnia di musicisti, fra cui: Debora Petrina, Massimo Donà, Banda Osiris, Enrico Rava, Marlene Kuntz, Laura Catrani, Stefano Bollani.

 

Opere principali
  • ” Occhi sulla graticola". Breve saggio sulla penultima storia d'amore vissuta dalla donna alla quale desidererei unirmi in duraturo vincolo affettivo”, Einaudi, 1966
  • “Venezia è un pesce. Una guida”, Feltrinelli, 2000 and 2020
  • “Cos'è questo fracasso? Alfabeto e intemperanze”, Einaudi, 2000
  • “Kamikaze d'occidente”, Rizzoli, 2003
  • “Cosa voglio da te”, Einaudi, 2003
  • “Corpo”, Torino, Einaudi, 2004
  • “Groppi d'amore nella scuraglia”, Einaudi, 2005
  • “Stabat Mater”, Einaudi, 2008
  • “L'inseguitore”, Feltrinelli, 2008
  • “La vita, non il mondo”, Roma-Bari, Laterza, 2010
  • “L'infinito”, Einaudi, 2012
  • “Il brevetto del geco”, Einaudi, 2016
  • “Il cipiglio del gufo”, Einaudi, 2018
  • “Le nuvole e i soldi”, Einaudi, 2018
  • “Una libellula di città”, minimum fax, 2018
  • “La penultima magia”, Einaudi, 2020