Aperti al mondo

News

150 anni di “Lezioni Magistrali” – selezionato il cast cafoscarino

Trenta studenti provenienti da differenti percorsi di studio, ma tutti accomunati dalla passione per il mondo del teatro, saranno i protagonisti dello spettacolo di Massimiliano Finazzer Flory.

Racconta in prosa o in versi la tua Ca' Foscari

Ca’ Foscari indice un concorso letterario dedicato ai suoi 150 anni, un invito creativo aperto a tutta la comunità cafoscarina a celebrare l’ateneo in prosa o in versi. Premiazione del vincitore durante Incroci di Civiltà 2018

Racconta i 150 anni di Ca' Foscari in un video

Il Concorso cinematografico Racconta i 150 anni di Ca’ Foscari in 150 secondi invita a raccontare la vita universitaria passata, presente e futura. Il bando è aperto a tutta la comunità cafoscarina.

I 150 anni di Ca' Foscari: call for photos

In occasione dei 150 anni dell’Ateneo, che si celebreranno nel 2018, Ca’ Foscari Tour promuove una call for photos rivolta a tutti i cafoscarini: docenti, dipendenti, collaboratori, alumni, studenti.

Appuntamenti

Caricamento...

Ricordi

In ricordo di Gaetano Cozzi

Nel ricordare i docenti che hanno fatto la storia dell'Ateneo mi piacerebbe fosse ricordato con enfasi particolare Gaetano Cozzi. La figura che racchiude in sè le anime più belle e significative e significative della nostra Università. Gaetano Cozzi, storico della Repubblica di Venezia e delle sue istituzioni giuridiche  di levatura internazionale, solo per questo aspetto meriterebbe di essere ricordato nel momento in cui si celebra un'istituzione che è parte intima e indissolubile della città di Venezia e della sua storia.
Ma Gaetano Cozzi, per tutta la sua esistenza è stato anche un volitivo combattente per i diritti umani e per la libertà, sempre con logiche umanitarie e svincolate da ottiche partitistiche.
Il terzo aspetto, per cui Gaetano Cozzi merita di essere ricordato, è il fatto che lo studioso era paraplegico sin dall'età di vent'anni. Questo fatto non gli impedì studi brillanti, di insegnare e operare in una città con un alto livello di inaccessibilità. Il ricordo di Gaetano Cozzi, che con la sua carrozzina non si ferma davanti a nulla, rappresenta veramente l'anima più nobile e pervicace di una città e di un'istituzione che non vuole fermarsi, neanche di fronte alle difficoltà più estreme.

Antonio Tripodi

Ritratti

Saverio Bellomo

«Il luogo di Ca' Foscari più significativo per me è naturalmente San Sebastiano, questo perché io ho fatto Lettere e quella era la sede principale.
In particolare, devo dire che ricordo con precisione il momento in cui ci sono arrivato per la prima volta e mi sono visto di fronte una bibliografia vivente di professori, i cui nomi adesso intitolano le più importanti aule dell’università: Padoan, Mazzariol, Cozzi. Quindi, indubbiamente San Sebastiano rimane il luogo, con la chiesa e il Santo con le sue frecce».

«Sarebbe forse un po’ banale, se vogliamo, parlare del momento e dell’emozione della Laurea…Quindi non parlerò di questo, ma del mio sconcerto nel momento in cui sono entrato a Ca’ Dolfin per discutere la tesi.
Lì c’era un tribunale dell’inquisizione con undici professori schierati in toga, perché così si faceva allora. Ricordo questo tribunale sopraelevato, in questo stanzone, una sala enorme e frivolissima, che sarebbe stata probabilmente più opportuna per una serata danzante. Un cosa tipo il ballo del Gattopardo di Visconti…»

Storia

1898 L’Associazione antichi studenti

Il 5 giugno gli antichi studenti di Ca' Foscari residenti a Venezia si radunano per fondare un'associazione.
Nel giro di pochi mesi aderiscono 185 membri, destinati ad aumentare negli anni a venire.
L’associazione che oggi riunisce i laureati cafoscarini sparsi nel mondo è Ca’ Foscari Alumni.