Prova finale: modalità e scadenze

Normativa di Ateneo

Calendario delle lauree


Normativa del Corso di Laurea

L’argomento oggetto della tesi di laurea va concordato con il relatore. Possono essere relatori delle tesi tutti i docenti titolari di corsi di insegnamento nel Corso di Laurea Magistrale. Sono possibili anche relatori esterni. Il relatore è affiancato da uno o più correlatori, scelti tra i docenti titolari di corsi di insegnamento nell’Ateneo o esperti esterni. È auspicabile che uno dei relatori o correlatori sia un docente della lingua di specializzazione.

La tesi va redatta preferibilmente nella lingua di specializzazione o in inglese. In casi particolari, una parte della tesi può essere redatta in italiano in accordo con il relatore.

La tesi deve dimostrare un’adeguata conoscenza della letteratura esistente relativamente al tema trattato e costituire un contributo originale del candidato. La valutazione include nel suo oggetto anche la qualità della competenza nella lingua straniera (e italiana, se del caso).
La tesi viene parzialmente (almeno 50%) discussa nella lingua di specializzazione. Alla prova finale vengono assegnati 29/30 CFU.

Gli studenti immatricolati dall'a.a. 2010/2011, per i punti assegnati ed eventuali punti bonus sono tenuti a consultare la tabella Bonus Lauree Magistrali.