Prova finale: modalità e scadenze

Normativa di Ateneo

Calendario delle lauree


Normativa del Corso di Laurea Magistrale

La prova finale consiste nella stesura di una tesi che deve possedere caratteri di originalità, documentazione e approfondimento scientifico esauriente.

Possono essere relatori di tesi i docenti titolari di corsi d’insegnamento nel Corso di laurea magistrale e i docenti del Dipartimento. Il relatore è affiancato da uno o più correlatori, scelti tra i docenti titolari di corsi d’insegnamento nel Dipartimento o esperti esterni. È auspicabile che uno dei relatori o correlatori sia un docente della lingua prescelta per la stesura della tesi.

La valutazione include nel suo oggetto anche la qualità della competenza nella lingua straniera (e italiana, se del caso). Alla prova finale vengono assegnati 29/30 CFU a seconda del curriculum.

La prova consiste nel prodotto di attività di ricerca su un argomento concordato con il docente relatore. La tesi deve costituire un contributo originale del candidato. La tesi deve dimostrare conoscenza approfondita del quadro teorico di riferimento, un’adeguata conoscenza della letteratura esistente relativamente al tema trattato, competenza nel reperimento delle fonti, capacità critica nei contenuti, competenza argomentativa nella stesura del testo ed espositiva nella presentazione e discussione.

La tesi di laurea magistrale in Scienze del Linguaggio consta di un numero di pagine valutato congruo dal docente relatore. Per gli aspetti grafici si veda la pagina con le indicazioni per la veste grafica.

La tesi può essere redatta e discussa in una delle lingue presenti nel piano di studi del laureando, o nella lingua veicolare più idonea a discutere le tematiche trattate, secondo esplicite indicazioni del relatore.

Si raccomanda di corredare la tesi di un abstract dettagliato (8.000-10.000 battute) sugli obiettivi, contenuti e risultati raggiunti, redatto in una lingua diversa da quella di redazione. La tesi viene parzialmente (almeno 50%) discussa nella lingua di specializzazione del laureando (la lingua presente in piano di studi).

Le modalità di ammissione alla prova finale e di presentazione della domanda sono quelle previste dalle deliberazioni degli organi di Ateneo. La valutazione della prova è definita secondo i criteri stabiliti dagli organi di Ateneo.   

Last update: 28/03/2018