Scheda del corso

Anno Accademico di riferimento: 2017/2018

Livello del titolo di studio

Laurea Magistrale

Classe

LM-36 (Lingue e letterature dell'Africa e dell'Asia)

Double/Joint Degree

Doppio diploma con Master’s Degree in Teaching Chinese to Speakers of Other Languages Capital Normal University (Pechino, Repubblica Popolare Cinese).
Accesso: Bando di selezione

Sede

Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea, Palazzo Vendramin dei Carmini, Dorsoduro 3462, 30123 Venezia
Per informazioni contattare la Segreteria didattica del Dipartimento,  didattica.dsaam@unive.it

Referente

Prof. Attilio Andreini (coordinatore del collegio didattico  attilio@unive.it)

Lingua

Italiano

Modalità di accesso

Libero con valutazione dei requisiti minimi.
Contingente riservato a studenti stranieri non comunitari residenti all'estero: 20 posti, di cui 10 riservati a studenti di nazionalità cinese, residenti in Cina, nell'ambito del Progetto Marco Polo.

Requisiti di accesso

L'ammissione al corso richiede il possesso di requisiti curriculari minimi e di un'adeguata preparazione personale. È prevista, inoltre, la verifica del possesso della conoscenza certificata della lingua inglese a livello almeno B2.
I requisiti di accesso sono verificabili nell'apposita pagina web.

Obiettivi formativi

Il corso di laurea magistrale in Lingue e civiltà dell'Asia e dell'Africa Mediterranea mira a formare laureati che posseggano una solida competenza di una lingua dell'Asia o dell'Africa Mediterranea (comprese le microlingue). La competenza linguistica deve integrarsi con conoscenze avanzate della relativa letteratura, della storia e delle realtà culturali, nelle loro differenti dimensioni, incluse quelle storiche, filosofiche e religiose, sociali e istituzionali, archeologiche e artistiche. Tali conoscenze verranno acquisite sia con insegnamenti miranti alla formazione in senso classicistico di operatori culturali che, accanto alla padronanza di una lingua moderna dell'Asia o dell'Africa Mediterranea, uniscano una solida preparazione nel campo delle tradizioni classiche delle civiltà studiate (letteratura, filologia ed esegesi testuale, arti figurative e performative, tradizioni filosofico-religiose); sia con insegnamenti miranti alla formazione in ambito moderno di operatori culturali che, accanto alla padronanza di una lingua moderna dell'Asia o dell'Africa Mediterranea, uniscano una approfondita conoscenza delle realtà socio-culturali contemporanee dei Paesi dell'area studiata, nei suoi diversi aspetti (letteratura, arte, cinema, processi di produzione culturale, problematiche di genere e di identità, elaborazione del pensiero contemporaneo). Nei corsi della laurea magistrale, l'insegnamento si svolge con molteplicità linguistica, dalla lingua di specializzazione alla lingua veicolare (inglese).

Curricula / percorsi

  • Cina: lingua di studio cinese
  • Giappone: lingua di studio giapponese
  • Vicino e Medio Oriente e Subcontinente Indiano: lingua di studio a scelta tra arabo, ebraico, hindi, persiano, turco

Profili professionali

I laureati magistrali potranno essere impegnati negli organismi di salvaguardia del patrimonio artistico e culturale, nell’ambito dell’editoria, in enti museali, biblioteche e collezioni d'arte pubbliche e private, oppure potranno svolgere professioni legate alla comunicazione (giornalismo), all'organizzazione e alla promozione di eventi culturali ed artistici, oltre ad attività di consulenza nei servizi sociali ed educativi di accoglienza e integrazione dei cittadini extracomunitari, e ad attività legate allo sviluppo e all'organizzazione di forme di turismo sostenibile nei Paesi dell'Asia Orientale, del Vicino e Medio Oriente, del Subcontinente indiano e dei Paesi dell'Africa mediterranea.

Modalità di frequenza

Libera

Esami di profitto e prova finale di laurea

L'attività formativa prevede lezioni frontali, seminari e stages al fine di acquisire competenze ampie spendibili nel mondo del lavoro.
Durante tutto il percorso universitario le conoscenze apprese dallo studente verranno verificate attraverso esami di profitto scritti e orali.
La prova finale consiste nella stesura di una tesi che dovrà possedere caratteri di originalità, documentazione e approfondimento scientifico esauriente e verrà discussa davanti a una commissione composta da professori universitari ed esperti.

Accesso a studi successivi

Master di I e II livello e Dottorato di Ricerca.