Attività di scavo

All’interno delle attività di tirocinio, gli studenti del percorso archeologico del corso di laurea sono vivamente invitati a completare la loro formazione partecipando ad attività di scavo archeologico, ricognizioni di superficie o altre attività di ricerca coordinate da docenti di archeologia dell’ateneo maturando almeno 4 CFU dei 6 previsti dal piano di studi. Per la partecipazione alle attività di scavo la normativa prevede che lo studente abbia superato l’esame dell’insegnamento di “sicurezza e salute nelle attività didattiche e di ricerca” che viene attivato in entrambi i semestri. 

Le attività offerte da docenti afferenti al corso di laurea verranno di norma, di volta in volta, pubblicizzate in questo spazio.

Previa approvazione del Collegio didattico, lo studente può chiedere il riconoscimento di attività di ricerca archeologica condotte fuori sede sotto la direzione scientifica di enti di ricerca o di organismi di tutela italiani o esteri. A questo proposito si invitano gli studenti a prendere contatto con i responsabili del settore archeologico del Collegio didattico prima dell’inizio dell’attività.


Alla ricerca di Altinum  
Campagna di scavo 2020

Responsabile: prof. Luigi Sperti

Località: Altino (VE)

"Alla ricerca di Altinum" è un progetto di ricerca archeologica e valorizzazione dell’antica città romana di Altino (VE), in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna e con il Museo Archeologico di Altino.
Obiettivo principale è l’indagine del centro urbano, inparticolare dell’area nord-occidentale oggi nota come località Ghiacciaia, che si trovava nelle vicinanze dell'area monumentale.
Il progetto si svolge dal 2012, ed ha previsto una prima fase di ricognizione sul campo e studio dei materiali rinvenuti; ad essa sono seguite, dal 2016, una serie di campagne di scavo ancora in corso, volte ad approfondire le dinamiche insediative di questo settore della città.
All'aspetto scientifico e a quello didattico sono affiancate anche attività partecipative di archeologia pubblica, volte a una comunicazione inclusiva della ricerca alla comunità locale.

Periodo:

  • 29 giugno - 10 luglio 2020 (I turno)
  • 13 luglio - 24 luglio 2020 (II turno)

Chiusura iscrizioni: 15 maggio 2020

Come partecipare: sono richiesti certificato medico di buona salute, vaccinazione antitetanica e attestato del corso sulla sicurezza in cantiere (4 + 12 ore).

Per informazioni e iscrizioni scrivere a  scavoaltinounive@gmail.com

Attività concluse

Responsabile: prof. Sauro Gelichi

Località: Jesolo (VE), Italia

Descrizione: la missione dell’Università Ca’ Foscari di Venezia è attiva presso il sito di Jesolo, località Le Mure, a partire dal 2011. Si tratta di un insediamento sorto in età tardoantica (IV secolo d.C.) e attivo fino al Pieno Medioevo. Le campagne di scavo dal 2011 al 2017 si sono concentrate nell'area dell'insediamento a ridosso della Cattedrale romanica, della quale si conservano ancora dei resti in alzato. La campagna 2018 si concentrerà nei pressi del monastero altomedievale di San Mauro, ubicato a circa 300 metri dalla Cattedrale, sito già parzialmente indagato nel corso degli anni '50 del secolo scorso.

Periodo: 17 settembre - 19 ottobre 

Numero posti disponibili: 10-12

Come partecipare: gli studenti interessati a partecipare devono inviare una mail a  ale.cianciosi@unive.it

Per poter partecipare è, inoltre, necessario aver superato il corso sulla sicurezza da 16 ore ed aver effettuato il richiamo della vaccinazione antitetanica.

Responsabile: Prof. Alessandra Gilibert

Località: Karmir Sar (2850 m slm), Monte Aragats, Armenia

Descrizione: Il Vishap Archaelogical Project indaga l’origine dell’arte monumentale nel Caucaso attraverso scavi archeologici e prospezioni geomagnetiche nel sito d’alta quota di Karmir Sar, dove si trovano numerose costruzioni megalitiche d’epoca preistorica, tra cui dieci stele monumentali a rilievi teriomorfi dette “vishap”, o “pietre del drago”. Chi volesse approfondire le tematiche ad esse connesse può consultare le pubblicazioni scientifiche accessibili sul sito d’ateneo. Il progetto è condotto in cooperazione con la Freie Universitaet di Berlino e l’Accademia delle Scienze Armena e prevede la partecipazione di un ristretto numero di studenti afferenti a tutte e tre le Istituzioni.

Periodo: missioni annuale, da fine giugno a fine luglio

Numero posti disponibili: 1-3

Prerequisiti:

  1. esperienze archeologiche di base e/o la frequentazione di un corso di studi di taglio archeologico;
  2. la conoscenza della lingua inglese;
  3. un esame medico che attesti una condizione fisica adeguata per il lavoro ad alta quota;
  4. la disponibilità a vivere in tenda in condizioni climatiche difficili.

Studentesse e studenti interessati devono contattare la Responsabile personalmente e inviare un curriculum vitae e una lettera di presentazione in inglese all’indirizzo mail (alessandra.gilibert@unive.it). Il team per la missione estiva viene definito in autunno.

Responsabile: prof.ssa Elena Rova

Località: Georgia

Descrizione: la missione archeologica di Ca' Foscari in  Georgia, attiva dal 2009, ha come oggetto le antiche culture pre- e proto-storiche del Caucaso Meridionale, dal IV al I millennio a.C. Allo scavo, che ha un approccio multidisciplinare e si avvale di tecniche di microarcheologia, si affiancano lo studio di materiali conservati presso i musei locali e ricerche di superficie, paleoambientali e archeometriche. I siti finora investigati  sono Natsargora, Okherakhevi, Aradetis Orgora e Doghlauri nella provincia di Shida Kartli, nella Georgia centrale, ma si prevedono in futuro ampliamenti ad altre province della Georgia. Ulteriori informazioni sulle attività della missione si possono trovare alla pagina web http://venus.unive.it/erovaweb/ShidaKartliProject.html

Periodo: missioni annuali, dalla metà di Giugno a fine Luglio (è preferita la partecipazione per l'intero periodo)

Numero posti disponibili: 1-3

Come partecipare: studentesse e studenti interessati devono contattare la responsabile personalmente, in orario di ricevimento o all'indirizzo E-mail erova@unive.it. Il team per la missione estiva viene definito tra l'autunno e la primavera.

Per la partecipazione si richiede il possesso di esperienze archeologiche di base e/o la frequentazione di un corso di studi di taglio archeologico, meglio se di ambito orientalistico.

Verrà data la preferenza a studenti in possesso di uno o più dei seguenti requisiti:

  • laureandi di "Archeologia del Vicino Oriente antico" o materie affini,
  • studenti interessati a una tesi collegata alle attività della missione,
  • pregressa esperienza di scavo, catalogazione e disegno reperti,
  • possesso di conoscenze o esperienza nei campi del rilievo, fotografia, disegno, restauro,      applicazioni informatiche (programmi di grafica vettoriale, foto digitale, GIS, etc.)
  • buona conoscenza della lingua inglese.

Oltre alla partecipazione allo scavo è possibile concordare anche attività (riordino della documentazione, disegno ecc.) da svolgere nel corso dell'anno come attività sostitutive di tirocinio.

Responsabile: dott. Claudio Negrelli

Località: Ozzano dell’Emilia (BO), Italia

Descrizione: la missione dell’Università Ca’ Foscari di Venezia è attiva presso il sito di Claterna dal 2011. Si tratta di una città di dimensioni medio-piccole, fondata in età tardorepubblicana ed abbandonata agli inizi del VI secolo d.C. Le indagini archeologiche sono concentrate presso una domus (detta “del Fabbro”) affacciata sulla via Emilia. Nella campagna 2018 l’attività di scavo stratigrafico si concentrerà nell’area settentrionale, parzialmente indagata l’anno precedente; in parallelo si terranno laboratori di disegno dei materiali ceramici e di GIS.

Periodo: luglio (due turni da due settimane ciascuno)

Numero posti disponibili: 6-8

Come partecipare: studentesse e studenti interessati a partecipare devono inviare una mail ai seguenti indirizzi

Per poter partecipare è, inoltre, necessario aver superato il corso sulla sicurezza da 16 ore ed aver effettuato il richiamo della vaccinazione antitetanica.

Responsabile: prof.ssa Giovanna Gambacurta

Località: San Basilio di Ariano - Rovigo

Descrizione: Attività di rilevamento, ricognizione, sondaggi di scavo nell'insediamento etrusco di San Basilio di Ariano nel Polesine.

Periodo: dal 29 agosto al 9 settembre 2018

Numero posti disponibili: 4-5 studenti.

Altre informazioni: Gli studenti devono aver frequentato  il corso di 16 ore sulla sicurezza e devono essere dotati di calzatura antinfortunistiche e stivali da campagna. 

Come partecipare: scrivere a  etruscologia.unive@gmail.com

Responsabile: prof.ssa Giovanna Gambacurta

Località: Padova (PD)

Descrizione:  Il progetto prevede lo scavo in laboratorio di sepolture di epoca preromana (VIII-V sec. a.C.) della necropoli orientale di Padova con particolare attenzione alla microstratigrafia, alla individuazione dei materiali deperibili e con primi interventi di restauro conservativo.  Lo scavo prevede il convergere di figure specialistiche interdisciplinari, allargandosi alla antropologia fisica, alla paleozoologia e alla paleobotanica.

Periodo: 18 giugno al 13 luglio 2018 suddiviso in due turni di due settimane ciascuno.

Numero posti disponibili: 6-7 per turno. Gli studenti devono aver frequentato il corso di 16 ore sulla sicurezza e devono essere dotati di calzature antinfortunistiche.

Come partecipare: scrivere a  etruscologia.unive@gmail.com

Responsabile: prof.ssa Margherita Ferri

Quando: 4 aprile 2018, ore 10:30

Dove: Aula 0E san Basilio

file pdfLocandina1.01 M

Referenti: D. Cottica ( cottica@unive.it) e A. Cipolato ( andrea.cipolato@gmail.com)

Periodo e modalità: attività offerte fino al 1 maggio 2018 per pacchetti a partire da 25 ore (1 CFU e multipli)

Per maggiori informazionihttp://virgo.unive.it/archeolab/index.php?it/451/archeologia-classica-i

Referente: D. Cottica ( cottica@unive.it)

Periodo: 27 maggio - 17 giugno 2018

Chiusura iscrizioni: 1 marzo 2018

Per maggiori informazionihttp://virgo.unive.it/archeolab/index.php?it/451/archeologia-classica-i

Responsabile: prof Carlo Beltrame

Località: Sardegna

Descrizione: missione di documentazione e studio di un relitto con carico di marmi all’interno del progetto “Le rotte del marmo”. L’attività consisterà nella documentazione fotogrammetrica di un relitto a bassa profondità e nel campionamento dei litici.

Periodo: missione di circa 12 giorni, orientativamente a fine maggio.

Numero posti disponibili: 6-8

Come partecipare: studentesse e studenti interessati devono contattare il responsabile personalmente, in orario di ricevimento o scrivere a  beltrame@unive.it

La partecipazione è riservata a studenti di archeologia possibilmente in possesso di un brevetto di immersione.

Referenti: D. Cottica ( cottica@unive.it) e A. Cipolato ( andrea.cipolato@gmail.com)

Periodo e modalità: 1 settembre 2018 - 1 maggio 2019 per pacchetti a partire da 25 ore (1 CFU e multipli)

Dove: presso il laboratorio di Archeologia Classica (DSU, I piano)

Per maggiori informazionihttp://virgo.unive.it/archeolab/index.php?it/451/archeologia-classica-i

Responsabile: prof.ssa Giovanna Gambacurta

Località: Padova (PD)

Descrizione:  Il progetto prevede lo scavo in laboratorio di sepolture di epoca preromana (VIII-V sec. a.C.) della necropoli orientale di Padova con particolare attenzione alla microstratigrafia, alla individuazione dei materiali deperibili e con primi interventi di restauro conservativo.  Lo scavo prevede il convergere di figure specialistiche interdisciplinari, allargandosi alla antropologia fisica, alla paleozoologia e alla paleobotanica.

Periodo: 18 giugno al 13 luglio 2018 suddiviso in due turni di due settimane ciascuno.

Numero posti disponibili: 6-7 per turno. Gli studenti devono aver frequentato il corso di 16 ore sulla sicurezza e devono essere dotati di calzature antinfortunistiche.

Come partecipare: scrivere a  etruscologia.unive@gmail.com

Responsabile: prof.ssa Giovanna Gambacurta

Località: San Basilio di Ariano - Rovigo

Descrizione: Attività di rilevamento, ricognizione, sondaggi di scavo nell'insediamento etrusco di San Basilio di Ariano nel Polesine.

Periodo: dal 29 agosto al 9 settembre 2018

Numero posti disponibili: 4-5 studenti.

Altre informazioni: Gli studenti devono aver frequentato  il corso di 16 ore sulla sicurezza e devono essere dotati di calzatura antinfortunistiche e stivali da campagna. 

Come partecipare: scrivere a  etruscologia.unive@gmail.com

Responsabile: prof. Sauro Gelichi

Località: Marano, Cupra Marittima, AP

Descrizione: Cupra Marittima è nota per essere stato il luogo in cui sorgeva il tempio dell'omonima dea picena, restaurato da Adriano nel II secolo d.C. e per essere stata, lungo tutta l'antichità, una florida città. Dopo la scomparsa della città, il popolamento si riorganizzò e sfociò, nel pieno medioevo, in un villaggio fortificato, il borgo di Marano. Quest'anno il focus di ricerca sarà proprio il borgo medievale. La prima campagna di scavo vuole definire le fasi di accrescimento urbano tra medioevo e epoca moderna

Periodo: Missione di scavo dal 1 al 20 ottobre 2018

Numero posti disponibili: 2-3

Come partecipare: contattare Margherita Ferri ( ferri@unive.it)

Link evento 

Last update: 18/01/2023