Studenti extra UE

Se sei uno studente con cittadinanza extra UE, iscritto per l'anno accademico 2018/2019 ad un corso di Laurea o Laurea magistrale, sei assoggettato alla contribuzione di seguito indicata.

Contatti, prenotazioni, FAQ

Studenti provenienti da Paesi OCSE

Se sei studente con cittadinanza di uno dei seguenti Paesi OCSE (ad esclusione dei Paesi appartenenti all'Unione Europea) Australia, Canada, Cile, Corea del Sud, Giappone, Islanda, Israele, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Svizzera e Turchia, vieni assoggettato per l’anno accademico 2018/2019 ad una tassa flat di:

  • 1.900,00 Euro se sei iscritto ad un corso di Laurea;
  • 2.100,00 Euro se sei iscritto ad un corso di Laurea magistrale.

Studenti provenienti da Paesi a Basso Sviluppo Umano individuati annualmente dal MIUR

Se sei studente, iscritto ad un corso di Laurea o Laurea magistrale, con cittadinanza di uno dei Paesi a Basso Sviluppo Umano, la cui lista è annualmente approvata dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, vieni assoggettato per l’anno accademico 2018/2019 ad una tassa flat di 700,00 Euro.

Documenti allegati

Studenti non appartenenti alle prime due categorie

Se sei studente, iscritto ad un corso di Laurea o Laurea magistrale, con cittadinanza di uno dei Paesi extra UE non appartenenti alle prime due categorie, vieni assoggettato per l’anno accademico 2018/2019 ad una tassa flat di 1.200,00 Euro.


Tutti gli importi sopra indicati includono la tassa regionale per il diritto allo studio di 169,00 Euro e l'imposta di bollo di 16,00 Euro.

Se sei iscritto con lo status di part-time verserai il 65% della tassa flat dovuta.

Se sei uno studente con cittadinanza extra UE puoi comunque:

  • richiedere la borsa di studio regionale nella modalità ed entro le scadenze amministrative previste per l’anno accademico 2018/2019;
  • beneficiare delle riduzioni per merito previste per la generalità degli iscritti.

Come beneficiare della riduzione ISEE

Equiparazione alla contribuzione degli studenti italiani/comunitari

Se sei studente con cittadinanza extra UE puoi essere assoggettato allo stesso regime contributivo previsto per gli studenti italiani e comunitari, e beneficiare della riduzione ISEE (solo se in possesso dell'attestazione ISEE valevole per le provvidenze sul diritto allo studio universitario, di cui al D.P.C.M. 159/2013, pari o inferiore a 60.000 Euro presentata entro le scadenze amministrative decise per l’anno accademico 2018/2019 e di tutte le condizioni di merito), se presenti al Settore Diritto allo studio, entro e non oltre il 17 dicembre 2018, la "dichiarazione di domicilio fiscale" nella quale devi indicare se:

  • il tuo nucleo familiare ha il domicilio fiscale in Italia da almeno 2 anni (art. 58 del DPR 600/73) con riferimento alle dichiarazioni dei redditi degli anni 2016 e 2017;
  • ai sensi della direttiva 2004/38/CE, sei familiare di cittadini italiani o UE o se, ai sensi della direttiva 2003/109/CE, di soggiornanti di lungo periodo.

I rata

La prima rata è di 700,00 Euro e comprende:

  • la tassa regionale per il diritto allo studio pari a 169,00 Euro;
  • l'imposta di bollo pari a 16,00 Euro;
  • il contributo onnicomprensivo.

Puoi versare al momento dell'iscrizione solo la tassa regionale per il diritto allo studio e l'imposta di bollo se sei uno studente con un'invalidità riconosciuta pari o superiore al 66% o con handicap riconosciuto ai sensi dell'articolo 3 comma 1 della Legge 5 febbraio 1992, n.104.

Il pagamento dell'importo della prima rata per gli iscritti ad anni successivi al primo è previsto entro il 1 ottobre 2018.

Diritto di mora

Il pagamento in ritardo rispetto a queste scadenze è consentito ma comporta il versamento di un diritto di mora di:

  • 50,00 Euro per il pagamento della prima rata dal 2 ottobre 2018 al 31 ottobre 2018;
  • 200,00 Euro per il pagamento della prima rata dal 1 novembre 2018 in poi.
II rata

La seconda rata è pari a 500,00 Euro.

Tale rata non è dovuta dagli studenti provenienti da uno dei Paesi a Basso Sviluppo Umano individuati annualmente dal MIUR.

Il pagamento dell'importo è previsto entro il 17 dicembre 2018.

Diritto di mora

Il pagamento in ritardo rispetto a queste scadenze è consentito, ma comporta il versamento di un diritto di mora di:

  • 50,00 Euro per il pagamento della seconda rata dal 18 dicembre 2018 al 27 dicembre 2018;
  • 200,00 Euro per il pagamento della seconda rata dal 28 dicembre 2018 in poi.
III rata

La terza rata, se dovuta, è data dalla differenza tra l'importo massimo e l'importo versato con la prima e la seconda rata e sarà fatturata nel mese di aprile 2019.

Il pagamento dell'importo della terza rata è previsto entro il 15 maggio 2019.

Diritto di mora

Il pagamento in ritardo rispetto a queste scadenze è consentito, ma comporta il versamento di un diritto di mora di:

  • 50,00 Euro per il pagamento della seconda rata dal 16 maggio 2019 al 25 maggio 2019;
  • 200,00 Euro per il pagamento della seconda rata dal 26 maggio 2019 in poi.

Ritiro o decadenza

L'eventuale ritiro o decadenza dagli studi comporta il versamento delle tasse previste dalla contribuzione massima oppure calcolate sulla base della propria condizione di merito/reddito (qualora tu possa beneficiare delle agevolazioni) perdendo, comunque, il diritto ad un eventuale rimborso.

Solo se presenterai la domanda di ritiro entro il 28 febbraio 2019, sarai esonerato dal pagamento della terza rata di tasse qualora dovuta, ma non potrai in alcun caso ottenere il rimborso dell'importo della prima e della seconda rata versate per l'iscrizione all'anno accademico 2018/2019.

Laureati nella sessione autunnale/straordinaria

Se hai pagato la prima rata per il nuovo anno accademico e ti laurei nella sessione autunnale (ottobre - dicembre) del precedente, la stessa ti verrà rimborsata d'ufficio (al netto dell'importo della marca da bollo e della tassa regionale per il diritto allo studio) nel periodo estivo esclusivamente mediante accredito sulla CartaConto dell'Ateneo.

Se hai pagato anche la seconda rata per il nuovo anno accademico e ti laurei nella sessione nella sessione straordinaria (febbraio - aprile) del precedente, la stessa ti verrà rimborsata d'ufficio unitamente alla prima rata.

Detraibilità

Le spese sostenute per l'iscrizione ai corsi di studi universitari possono essere detratte con la dichiarazione dei redditi. Sono ammesse in detrazione le spese di iscrizione (tasse e contributi) al corso di Laurea / Laurea magistrale.

Situazione amministrativa

Accedendo all'Area riservata del sito www.unive.it (selezionando il menu Servizi Segreteria Studenti> Pagamenti), potrai verificare:

  • la regolarità dei pagamenti pregressi;
  • i dati relativi agli importi versare. 

Last update: 05/11/2019