Venezia79: una cafoscarina in giuria

In occasione di Venezia79 abbiamo invitato ai nostri microfoni la cafoscarina Ludovica Lancini membro della giuria Venezia classici che ha attribuito il premio come miglior film restaurato a La farfalla sul mirino del regista giapponese Suzuki Seijun.

Ludovica ci ha raccontato quale è stato il suo ruolo, perché ha preso parte a questa iniziativa culturale, quali sono i suoi interessi personali e come quest’esperienza l’ha arricchita sia personalmente che professionalmente.
La giuria di Venezia classici - presieduta dal regista Giulio Base - è stata composta da ventuno studenti dei corsi di cinema delle università italiane, opportunamente segnalati dai docenti.

La giovane giuria è stata divisa in due gruppi - film di finzione e documentari - e ha avuto il compito di lasciarsi trasportare dal film proiettato e valutare come il restauro ne abbia migliorato la trasposizione sugli schermi di oggi. Ludovica ha scelto di occuparsi della sezione fiction e ha tenuto conto delle tematiche trattate nelle diverse pellicole (di epoche diverse, dagli anni trenta agli anni novanta), e della loro attualità.

Ascolta tutte le nostre puntate da Venezia79

Anche quest’anno abbiamo partecipato a Venezia79 che si è tenuta al Lido di Venezia. Evento che richiama tutti gli appassionati e intenditori di cinema ma anche chi, solo per pura curiosità, intende conoscere le celebrità che sfileranno sull’iconico red carpet. 

Nelle diverse puntate dedicate a Venezia79 è possibile trovare le recensioni, le nostre opinioni in merito ai film e le interviste fatte a registi e attori presenti alla mostra.

Partecipare ad un evento come la Biennale cinema è sempre emozionante anche per chi è lì soprattutto per lavoro. È stato infatti super divertente spostarsi tra una sala e l’altra per assistere alle diverse proiezioni tra una pausa caffè e un’intervista agli attori e registi presenti tra il pubblico. 

Abbiamo visto molti dei film delle diverse sezioni della mostra e abbiamo avuto modo di conversare con chi di solito sta dietro la macchina da presa come: Niccolò Falsetti, Tizza Covi, Kei Ishikawa e Sérgio Tréfaut rispettivamente registi dei film Margini, Vera, Aru Otoko e A Noiva.