Il mistero del sogno: Satoshi Kon a CFZ

Satoshi Kon è il protagonista della prossima rassegna di cinema di Radio Ca' Foscari. Una rassegna monografica su uno dei più innovativi registi di animazione giapponese.

Chi è Satoshi Kon, in breve

La vita di Satoshi Kon, come la sua carriera, è breve. Inizia a dipingere quand'è poco più che adolescente, sogna di fare l'artista: diventerà disegnatore, scenografo, art director, sceneggiatore, regista.

Esordisce con il manga Kaikisen all'inizio degli anni Novanta e viene subito preso sotto l'ala protettiva di Katsuhiro Otomo (quello di Akira, per intenderci), con cui lavora per molti anni.

Esordisce come autore e regista con Perfect Blue, nel 1997, che inizialmente è prodotto come direct-to-video. La qualità del film e il suo successo di pubblico spingono però le case di distribuzione a portare il film nei cinema: da lì arrivano anche i plausi della critica e i primi premi ai festival dedicati in giro per il mondo, tant'è che il Time lo inserisce nella sua lista di "5 Top Anime Movies on DVD". Lo stile di Kon è subito riconoscibile: cupo, psicologicamente intenso, senza edulcorazioni. Colpisce la sua attenzione verso la percezione della realtà, sempre ambigua, mai univoca.

Il lavoro da regista continua con altri due capolavori, che gli permetto di guadagnare sempre più considerazione tra gli addetti ai lavori: Millenium Actress (2002) e Tokyo Godfathers (2003 - suo primo film ad essere distribuito nelle sale italiane). E se in Tokyo Godfathers non manca un certo grado di realismo, nella diegesi del primo è ancora centrale il rapporto tra illusione e realtà. Rapporto che viene esplorato al massimo livello in Paprika, una sorta di noir onirico che rappresenta l'apice del successo di Kon - lo stesso Time lo inserisce tra i 25 migliori film animati di sempre, e Christopher Nolan lo prende dichiaratamente come spunto d'ispirazione per Inception.

In questi anni continua a lavorare come animatore per diversi anime televisivi - dirigerà inoltre la serie Paranoia Agent - e come disegnatore di manga, che usciranno quasi tutti postumi. Kon muore infatti nel 2010, a soli 47 anni, per un tumore al pancreas.

I film di Satoshi Kon a Ca' Foscari Zattere

Satoshi Kon ha lavorato su soli quattro lungometraggi, che vogliamo proporvi in questa rassegna a lui dedicata. Possiamo quindi analizzare il suo lavoro quasi per intero, discutendone la poetica, le tematiche e l'influenza sul cinema giapponese - e non solo.

I film sono in programma in ordine cronologico inverso, perché ci piace che pensare che Kon avrebbe apprezzato questa scelta.

lunedì 25 marzo

Paprika

martedì 26 marzo

Tokyo Godfathers

giovedì 28 marzo

Millennium Actress

venerdì 29 marzo

Perfect Blue

Tutte le proiezioni sono in lingua originale con sottotitoli in italiano. Le serate iniziano alle 20:30 con una breve introduzione al film; alla fine, per chi vorrà, ci sarà una discussione col pubblico.

L'ingresso è gratuito ma è caldamente consigliata la prenotazione su Eventbrite.

A ridosso dell'inizio, in caso di posti liberi è consentito l'ingresso anche a chi non ha prenotato.

Per ulteriori informazioni potete scrivere a radiocafoscari@unive.it.