Dai vaccini al linguaggio: nuove ricerche a Ca' Foscari

È online una nuova puntata di Ca' Foscari è ricerca. Gli argomenti sono, come sempre eterogenei: si parla di vaccini ed epigrafia, ma anche di come la lingua che parliamo influisce sul nostro pensiero.

"È assolutamente naturale sviluppare delle paure nei confronti dei vaccini" dice Roberta Villa, assegnista del dipartimento di Scienze ambientali, informatica e statistica. "Poi bisogna avere il coraggio di farli, questi vaccini, che sono il presidio più importante per la salute dei nostri figli".
Quali sono allora queste paure? E come si possono affrontare?
La prima parte di questa puntata è dedicata proprio a questo, che è il tema del libro Il diritto di (non) aver paura, uscito quest'anno per l'editore Il pensiero scientifico.

Si prosegue poi facendo un ideale passo indietro nel tempo: parliamo di epigrafia e scopriamo il mestiere dell'epigrafista assieme alla professoressa Eleonora Cussini.
"L'epigrafista lavora sul campo" ci racconta la professoressa Cussini "ma anche nei musei". È un mestiere che "serve a scoprire la storia", perché "attraverso le iscrizioni ricaviamo una serie di dati che ci permettono di fare luce su tanti ambiti della storia", siano esse iscrizioni ufficiali - e quindi pubbliche - oppure legate a una sfera privata. Un mestiere affascinante, ricco di difficoltà ma anche di grandi soddisfazioni.

Un mestiere che mette gli esperti di fronte a lingue diverse, straniere, antiche. Queste lingue hanno influenzato il pensiero di chi le usava? E com'è la situazione oggi?
Siamo andati a cena col dottorando Filippo Batisti, che ci ha spiegato come le lingue si rapportano col mondo esterno in maniera diversa a seconda delle parole che usano per descriverlo - analizzando alcuni concetti di base della relatività linguistica.

A fine puntata sentiamo invece la voce di Michela Oliva, direttrice dell'area ricerca. Nel suo intervento, spiega ragioni e opportunità di uno strumento utile a studiosi e ateneo: l'assegno di ricerca.

Ca' Foscari è ricerca, episodio 10: il podcast